Clima. L’estate durerà fino a sei mesi. Milano sarà calda come il Texas

Scienziati concordi sulla previsione di inverni ridotti e più miti, aumento di ondate di calore, alluvioni ed eventi estremi. Con conseguenze importanti su agricoltura e salute
L'estate durerà fino a sei mesi. Milano sarà calda come il Texas

Ansa

da Avvenire

Quest’anno l’estate è arrivata a maggio. Il mese che normalmente corona la primavera è stato il quinto più caldo in assoluto a livello europeo e il secondo maggio più caldo a livello nazionale dopo quello del 2003. E se poi ci concentriamo su Nord e Centro Italia, il maggio 2022 è stato il più caldo di sempre (circa due gradi in più della media). Per questo, senza scomodare le temperature di giugno o le ondate di calore provocate dagli anticicloni africani di luglio, non sembra fantascienza la previsione di uno studio cinese, curato da esperti del clima: entro il 2100, in tutto l’emisfero boreale, l’estate durerà sei mesi e l’inverno meno di sessanta giorni.

La previsione, chiaramente, ci riguarda da vicino. Non solo perché viviamo nell’emisfero settentrionale ma soprattutto perché in Italia la temperatura cresce più del doppio della media mondiale: dal 1880 ad oggi l’aumento è stato di 2,4 gradi contro una media mondiale che sfiora 1 grado. Il titolo dello studio cinese sulle stagioni del futuro inquadra sia la conseguenza che la causa: ‘ Changing Lengths of the Four Seasons by Global Warming’ (‘Cambiamento della durata delle quattro stagioni a causa del riscaldamento globale’). «Le estati stanno diventando più lunghe e più calde, mentre gli inverni sono più brevi e più caldi a causa del riscaldamento globale’» riassume Yuping Guan, autore principale dello studio, pubblicato sul sito di AGU (Advancing Earth and Space Science). È questo ancora una volta il punto da sottolineare: le cose andranno così, ma se non si applicheranno politiche di mitigazione climatica efficaci questa variazione stagionale potrebbe divenire ancora più intensa.

Se qualcuno tra gli scettici e i negazionisti del clima cominciasse ad avanzare perplessità, lo stesso report scientifico ricorda come fino agli anni ’50 nell’emisfero settentrionale le quattro stagioni si susseguivano secondo uno schema prevedibile e abbastanza uniforme. I ricercatori hanno utilizzato i dati climatici giornalieri dal 1952 al 2011 per misurare i cambiamenti nella durata e nell’inizio delle quattro stagioni nell’emisfero boreale. È emerso che, in media, in questi sessant’anni l’estate è cresciuta da 78 a 95 giorni, mentre l’inverno si è ridotto da 76 a 73 giorni. Anche la primavera e l’autunno si sono ridotti rispettivamente da 124 a 115 giorni e da 87 a 82 giorni. Sembrano variazioni di poco conto, eppure incidono moltissimo e portano a risultati incontrovertibili e di cui in qualche modo noi italiani ci siamo resi conto: la primavera e l’estate iniziano prima, mentre l’autunno e l’inverno iniziano più tardi.

E non è un caso che all’ombra del Belpaese questa tendenza sia sempre più evidente: i cambiamenti stagionali più rilevanti nell’emisfero si sono registrati nella regione mediterranea (oltre che nell’altopiano tibetano). «Mai come in questi ultimi mesi una serie quasi infinita di eventi purtroppo anche tragici ha reso evidente a tutti che siamo entrati nella nuova normalità dell’epoca del climate change – spiega Andrea Barbabella, coordinatore di Italy for Climate della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile –. In realtà il mutamento è più profondo, strutturale, e lo studio citato si concentra su un aspetto particolarmente importante, quello delle stagioni, che non sono una convenzione da calendario ma una caratteristica di una determinata area climatica, alla quale ci siamo adattati noi e i nostri modelli di produzione alimentare».

Quali sono gli effetti di un’estate prolungata? Innanzitutto, eventi atmosferici estremi più frequenti: ondate di calore, incendi, alluvioni. D’altro canto, inverni più caldi e brevi creano instabilità, ondate di freddo e tempeste invernali che secondo i ricercatori sono la spiegazione di fenomeni meteorologici rari come le tempeste di neve avvenute recentemente in Texas e Israele. È chiaro poi che questo cambiamento stagionale comporta impatti di vasta portata sull’agricoltura e sulla salute umana. Già possiamo vedere come le piante nascono e fioriscono in tempi differenti rispetto al passato e che gli uc- celli stanno modificando gli schemi migratori: succede anche perché le fonti tradizionali di cibo di volatili e animali in generale sono minacciate, così come i loro habitat. Facile immaginare gli effetti sull’agricoltura, che in parte stiamo già vivendo con la gravissima siccità che ha colpito il Nord Italia e in particolare il Po. «Nel nostro emisfero – prosegue Barbabella – l’estate si è certamente allungata ma è anche cambiata, e questo già oggi impatta pesantemente in particolare sul settore della produzione alimentare. Ad esempio cambiando i tempi delle produzioni, mandando a maturazione gli stessi frutti nello stesso momento in regioni diverse, quando prima invece queste produzioni potevano essere differenziate anche nei tempi». E un caldo più intenso e prolungato durante l’anno significa più pollini che causano allergie, la crescita di zanzare, spesso portatrici di malattie, e di malori dovuti al calore.

Un’estate lunga sei mesi significa una vita diversa rispetto a quella che conosciamo. Non dobbiamo temerla, ma adattarci e nel frattempo frenare un’ulteriore accelerazione dell’effetto serra che possa innescare dinami- che climatiche più pesanti. C’è il presente, dove già possiamo prevedere come sarà il clima in grandi città del mondo entro il 2050: secondo un altro studio scientifico del 2019, tra trent’anni il clima di Milano sarà come quello attuale di Austin (Texas), quello di Roma sarà come quello odierno di Smirne ( Turchia), quindi il clima di Londra sarà simile a Barcellona, quello di Mosca a Sofia e quello di Stoccolma a Budapest. In generale, circa l’80% tra le 520 metropoli più importanti del mondo tenderà ad assumere il clima delle grandi città a mille chilometri di distanza verso sud.

Questo è ciò che succederà, dato che alcuni effetti del riscaldamento globale sono ormai inarrestabili. «Un altro aspetto importante che lo studio sulle stagioni evidenzia è quello della irreversibilità del cambiamento in corso. In una recente conferenza stampa dell’Organizzazione meteorologica mondiale, il messaggio è stato forte e chiaro: le ondate di calore sono più frequenti e lo diventeranno ancora di più nei prossimi anni, la tendenza negativa del clima continuerà fino ad almeno il 2060 anche se avremo successo con le misure di mitigazione », conclude Barbabella. E se invece la comunità internazionale, l’economia globale e tutti coloro che possono intervenire per frenare sul tema non incidessero in modo positivo nel prossimo futuro? In questi giorni, è stato pubblicato un altro studio firmato da oltre 11mila scienziati di 153 Paesi diversi (figurano anche 250 italiani) che analizza gli effetti dei cambiamenti climatici. L’analisi punta ad evidenziare come un ulteriore aggravamento del riscaldamento globale condannerà l’umanità a «sofferenze indicibili», sempre che non sia fatto nulla per contenere le emissioni di anidride carbonica e degli altri gas serra.

Non bisogna drammatizzare il problema del surriscaldamento globale, ma intervenire per frenarlo. Abbiamo risorse e tecnologie sufficienti per agire subito. Basta volerlo e inquadrare la questione come centrale per la nostra sopravvivenza. D’altro canto, un sondaggio recentissimo mostra come gli italiani siano tra i più preoccupati a livello europeo per i danni causati dal cambiamento climatico: un promemoria per i partiti in lizza alle prossime elezioni politiche. E i sintomi nazionali di questa sfida epocale, dalla Marmolada alla siccità del Po, sono ormai evidenti a tutti. Tra questi rientra a pieno titolo anche la previsione di un’estate lunga sei mesi: è necessario agire quanto prima, affinché la stagione più dolce non diventi quella più minacciosa.

«Il momento di agire è ora». Rapporto Onu sul cambiamento climatico

«Il momento di agire è ora». Rapporto Onu sul cambiamento climatico

L’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change), l’organismo delle Nazioni Unite per la valutazione della scienza relativa ai cambiamenti climatici, ha pubblicato il 4 aprile il terzo volume (WG3) del Sesto Rapporto di Valutazione dell’IPCC.

Il bilancio è in qualche modo positivo considerando che, si legge nel comunicato, «nel periodo 2010-2019 le emissioni medie annue di gas serra a livello globale erano ai livelli più alti della storia dell’umanità, ma il loro tasso di crescita è rallentato»; e che «dal 2010, ci sono state riduzioni significative – fino all’85% – nei costi dell’energia solare, dell’energia eolica e delle batterie. Una gamma crescente di politiche e leggi ha migliorato l’efficienza energetica, ridotto i tassi di deforestazione e accelerato la diffusione delle energie rinnovabili». Con l’avvertimento, però, che «senza un’immediata e profonda riduzione delle emissioni in tutti i settori, l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C è fuori portata».

«Siamo a un bivio. Le decisioni che prendiamo ora possono assicurare un futuro vivibile. Abbiamo gli strumenti, le conoscenze e le competenze necessari per limitare il riscaldamento», ha detto il presidente dell’IPCC Hoesung Lee. «Sono incoraggiato dall’azione climatica intrapresa in molti paesi. Ci sono politiche, regolamenti e strumenti di mercato che si stanno dimostrando efficaci. Questi, se estesi e applicati in modo più ampio ed equo, possono favorire una profonda riduzione delle emissioni e stimolare l’innovazione».

In tutti i settori esistono soluzioni che possono almeno dimezzare le emissioni entro il 2030 Limitare il riscaldamento globale richiederà importanti transizioni nel settore energetico. Ciò comporterà una sostanziale riduzione dell’uso dei combustibili fossili, una diffusa elettrificazione, una migliore efficienza energetica e l’uso di sistemi di alimentazione alternativi (come quelli basati sull’idrogeno).

«Avere operative e funzionanti le giuste politiche, le infrastrutture e le tecnologie per consentire cambiamenti nei nostri stili di vita e nei nostri comportamenti – ha detto il co-presidente del gruppo di lavoro III dell’IPCC, Priyadarshi Shukla – può portare a una riduzione del 40-70% delle emissioni di gas serra entro il 2050. Questo offre un significativo potenziale non sfruttato (…). L’evidenza scientifica mostra anche che questi cambiamenti negli stili di vita possono migliorare la nostra salute e il nostro benessere».

Le città e altre aree urbane – si afferma nel comunicato – «offrono opportunità significative per la riduzione delle emissioni, che può essere conseguita attraverso un minore consumo di energia (ad esempio creando città compatte e percorribili a piedi), l’elettrificazione dei trasporti in combinazione con fonti energetiche a basse emissioni, e un maggiore assorbimento e stoccaggio del carbonio utilizzando soluzioni naturali. Esistono opzioni per città già consolidate, per città in rapida crescita e per città nuove». Per esempio, rileva il co-presidente del gruppo di lavoro III dell’IPCC, Jim Skea, «vediamo esempi di edifici a energia zero o a emissioni zero in quasi tutti i tipi di clima». Ne consegue che «l’azione di questo decennio è fondamentale per sfruttare il potenziale di mitigazione degli edifici», a condizione tuttavia di un uso più efficiente dei materiali, il riutilizzo e il riciclo dei prodotti e la riduzione al minimo dei rifiuti.

«Negli scenari che abbiamo valutato», sostengono nel comunicato gli autori del Rapporto, «limitare il riscaldamento a circa 1,5°C richiede che le emissioni globali di gas serra raggiungano il loro picco, al più tardi, nel 2025 per poi ridursi del 43% entro il 2030; allo stesso tempo, anche il metano dovrebbe essere ridotto di circa un terzo. Anche se faremo questo, è quasi inevitabile che supereremo temporaneamente tale limite di temperatura, ma potremmo ritornare al di sotto di esso entro la fine del secolo».

Il momento «è ora o mai più, se vogliamo limitare il riscaldamento globale a 1,5°C», ha detto Skea, «senza una riduzione immediata e profonda delle emissioni in tutti i settori, sarà impossibile».

Adista

Ambiente. Il clima cambia il profilo delle Alpi

Ritiro dei ghiacciai e frane: le nostre montagne sono sempre più fragili e instabili a causa della crisi climatica e del surriscaldamento globale
Il ghiacciaio dell'Adamello, il più esteso d'Italia, si è ritirato di circa 10-12 metri dal 2016 ad oggi

Il ghiacciaio dell’Adamello, il più esteso d’Italia, si è ritirato di circa 10-12 metri dal 2016 ad oggi – Legambiente

Mentre Greta Thunberg si fa fotografare, come ogni venerdì da oltre tre anni a questa parte col cartello in mano “Skolstreik for climate week 173” (sciopero per il clima, 173esima settimana, ndr), i ghiacciai delle nostre montagne si ritirano sempre di più. Le Alpi sono sempre più fragili, vulnerabili e instabili a causa della crisi climatica e del riscaldamento globale. «Due gli indicatori che testimoniano quanto ormai sta accadendo ad alta quota – spiegano da Legambiente – l’aumento ad un ritmo sempre più accelerato della fusione dei ghiacciai che stanno perdendo superficie e spessore. E l’aumento di frane, valanghe di roccia e di ghiaccio dovuto principalmente dalla riduzione dell’estensione e della durata del manto nevoso» denuncia l’associazione ambientalista e il Comitato glaciologico italiano (Cgi).
«La comparazione delle misure della campagna glaciologica sui ghiacciai delle Alpi Occidentali indica che l’annata 2019/2020 è risultata meno sfavorevole di altri anni recenti, ma pur sempre negativa – informano i ricercatori – La tendenza al ritiro frontale segnalata dai monitoraggi degli ultimi decenni è stata accompagnata da veri e propri fenomeni diffusi di collasso delle masse glaciali, anche in settori distanti dalle fronti glaciali». I regressi registrati lungo la fascia orientale delle Alpi sono meno drammatici di quelli del 2019 (quando ad esempio il Ghiacciaio del Gran Paradiso risultava arretrato di 335 metri), ma pur sempre in alcuni casi dell’ordine delle decine di metri (-70 metri al Ghiacciaio Occidentale del Gran Neyron, Gran Paradiso).
Negli ultimi 100 anni i ghiacciai delle Alpi europee hanno perso circa la metà del loro volume. Il 25% della restante quantità si è perso tra il 1975 e il 2000 e il 10-15% nei primi 5 anni del nostro secolo. Preoccupa la situazione delle Alpi del nostro Paese, dove da Ovest a Est si registra un marcato regresso dei dei ghiacciai. La stessa sorte sta toccando anche al Glacionevato del Calderone, sul Gran Sasso, in Abruzzo. Sulle Alpi orientali il massimo ritiro frontale (83,5 metri) si è registrato nel Ghiacciaio di Saldura Meridionale, su quelle centrali si segnala il Ghiacciaio dei Forni la cui fronte è arretrata di oltre 48 metri.
«Le Alpi, e più in generale gli habitat di montagna – dichiara Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente – subiscono molto prima e maggiormente rispetto ad altri luoghi, gli effetti della crisi climatica, diventando un ambiente sempre più esposto alle sue conseguenze e più fragile. Per questo è fondamentale che si definiscano al più presto adeguate strategie e piani di adattamento al clima su scala regionale e locale, perché non si può perdere più altro tempo. Nel nostro Paese, particolarmente vulnerabile ai fenomeni di instabilità naturale, l’accelerazione del cambiamento climatico rende necessarie ulteriori misure di protezione e adattamento».
«La riduzione dei ghiacciai – aggiunge Vanda Bonardo, responsabile Alpi Legambiente – insieme alla degradazione del permafrost e all’aumento della frequenza delle frane descrivono una crisi già in atto. Si tratta di fenomeni studiati e conosciuti per i quali oggi siamo in possesso di una solida base di dati. Al contempo non mancano le proposte di policy di adattamento di cui siamo promotori su diversi tavoli nazionali. La Strategia Nazionale delle Aree Interne, ad esempio, anche attraverso i fondi europei in arrivo, potrebbe costituire un’occasione imperdibile per costruire soluzioni comuni a problemi ricorrenti, favorendo al contempo paradigmi condivisi».

Avvenire

Offerte
Toner per Stampanti

Cartucce per Stampanti

I LIBRI NOVITÀ E IN PRENOTAZIONE CON CONSEGNA GRATUITA
Scegli le tue letture tra le ultime novità e i libri in prenotazione presentati in questa pagina.
La consegna del tuo ordine in Italia, sia veloce sia standard, è gratuita!
offerte FlixBus
Scopri tutte le offerte su FlixBus
Car Affinity – Trova le migliori offerte per la tua prossima auto
Vodafone Business
TradeTracker Italia

Acquario Genova

Altroconsumo – iscriviti e ricevi un buono Amazon, Ikea o Dechatlon del valore di 30€
Scopri la sezione “Omaggi Nuovo Utente”: Affari Lampo, codici sconto e prodotti a 0,01$ per i nuovi utenti!
Computer – Banggood
La stagione è arrivata! Scopri il nostro assortimento di abbigliamento per cani su Bauzaar
Qui troverete un vasto assortimento di vestiti per cani e accessori. Una ricca selezione di: cappottini, vestitini, felpe, maglioncini impermeabili.
British School Italia – Esperienza, Professionalità, Percorsi su Misura
Emporio Sicilia – Salumi e formaggi
Emporio Sicilia – Condimenti
Kit Cannoli Siciliani
Cannoli siciliani da comporre a casa, semplici e veloci da preparare.

Il kit contiene: 10 cialde croccanti, 1kg di ricotta di pecora freschissima, zucchero a velo, granella di pistacchio.
DallaSicilia.com
Prodotti tipici, dal cuore della Sicilia
Farmamia – Farmaci da banco
Farmamia – Salute e cura della persona
 

Clima: premio Earthshot, Italia vince due categorie su 5

 © EPA
(ANSA) – ROMA, 18 OTT – L’Italia si è aggiudicata ieri sera due categorie su cinque della prima edizione dell’Earthshot Prize, un’iniziativa voluta dal principe William per premiare ogni anno le migliori soluzioni alla crisi climatica.
Finanziato dallo stesso primogenito di Carlo e Diana insieme alla Royal Foundation, il premio assegna un milione di sterline (1,17 milioni di euro) a ciascuna delle cinque categorie (‘Proteggi e ripristina la natura’, ‘Pulisci l’aria’, ‘Rianima gli oceani’, ‘Costruisci un mondo senza rifiuti’ e ‘Ripristina il nostro clima’).
I fondi contribuiranno allo sviluppo dei progetti scelti.
L’Italia è salita sul podio di ‘Costruisci un mondo senza rifiuti’ con la città di Milano e di ‘Ripristina il nostro clima’ con la società Enapter, che ha la sua sede principale a Crespina Lorenzana (Pisa).
Co-fondata da Vaitea Cowan, la Enapter produce generatori di idrogeno modulari ad alta efficienza, una “tecnologia verde” – si legge sul sito web dell’Earthshot Prize – che “potrebbe cambiare il modo in cui alimentiamo il nostro mondo”. Il Comune di Milano è stato premiato per i suoi hub di quartiere creati per contrastare lo spreco di cibo e per dare allo stesso tempo sostegno alle persone in difficoltà.
“Milano è la prima grande città ad applicare una politica contro lo spreco alimentare a livello cittadino che comprenda enti pubblici, banche alimentari, enti di beneficenza, Ong, università e imprese private. E sta funzionando – recita la motivazione del premio -. Oggi la città ha tre Food Waste Hub, ognuno dei quali recupera circa 130 tonnellate di cibo all’anno o 350 kg al giorno, equivalenti a circa 260.000 pasti”.
Il Costa Rica ha vinto il premio nella categoria ‘Proteggi e ripristina la natura’, la società indiana Takachar si è aggiudicata il premio ‘Pulisci l’aria’ e al progetto Coral Vita (Bahamas) per la rigenerazione delle barriere coralline è andato il premio nella categoria ‘Rianima gli oceani’. (ANSA).

Secondo sciopero mondiale per il clima lanciato dal movimento #FridaysForFuture. Il futuro torna in piazza


L’Osservatore Romano 

Si tiene domani, venerdì 24, la seconda giornata del Global Strike for Future, lo sciopero mondiale per il clima lanciato dalla giovane attivista svedese Greta Thunberg. Il 15 marzo scorso si era tenuto il primo appuntamento, con la mobilitazione di milioni di giovani. Anche domani, dunque gli studenti di tutto il mondo scenderanno in piazza e faranno sentire la propria voce in difesa del clima e per sensibilizzare governi e imprese a rispettare il pianeta, la nostra «casa comune», come ama definirla Papa Francesco.

Clima. L’Italia 2019 si è capovolta, neve a Sud e siccità a Nord

Neve sulla spiaggia a Porto Cesareo, nel Salento (Ansa)avvenire

Vox populi sosterrebbe che non ci sono più le mezze stagioni. Incendi al nord e gelo al sud tra Natale e la Befana: che altro dire? In realtà, il cambiamento in corso è (anche) questione di percezione. Nel senso che a sentire i meteorologi in queste ore sta tutto – ma proprio tutto – nella norma. «Le irruzioni artiche si scaricano sul sud perché il nord è protetto dalle Alpi e gli incendi invernali nel Settentrione sono frequenti d’inverno» spiega Luigi Mariani, agrometeorologo dell’Università di Milano; della stessa opinione è il meteorologo Francesco Laurenzi: «può sembrare curioso ma non è straordinario che, in un periodo siccitoso, i boschi brucino. Anche d’inverno».

Se ad un’analisi puntuale del fenomeno meteorologico stiamo vivendo un inverno come tanti, osservando l’andamento del clima negli anni si ottiene chiaramente la percezione di un cambiamento estremo come gli eventi che impressionano il pubblico, dalle bombe d’acqua (che per gli scienziati non esistono) ai blizzard di neve che incombono in queste ore sul Mezzogiorno d’Italia.

Lo attesta anche il dossier sull’acqua che Legambiente ha diffuso alla fine del 2018 su www.cittaclima.it. Un rapporto secondo il quale il cambiamento c’è, si sente e lo paghiamo carissimo: dal 2010 ad oggi sono 198 i Comuni italiani colpiti dal maltempo, 340 i fenomeni meteorologici estremi, 109 i casi di danni a infrastrutture da piogge intense, 64 i giorni di black out e 157 le vittime. Senza contare gli oltre 28mila siti culturali esposti al rischio idrogeologico, che richiede investimenti per la messa in sicurezza dei territori superiori a 26 miliardi di euro: questo è il valore dei quasi novemila interventi previsti dal Piano nazionale del 2017.

Un dato inconfutabile ce lo fornisce il termometro: secondo il Cnr, il 2018 è stato l’anno più caldo per l’Italia dal 1800 e il 2017 il secondo anno più caldo di sempre, dopo il 2016, anch’esso segnato da siccità e ondate di calore. Quest’ultime, tra il 2005 e il 2016, in 23 città italiane, hanno causato 23.880 morti. Il rapporto di Legambiente spiega come resistere al riscaldamento globale e cerca di sensibilizzare cittadini e istituzioni a «cambiare il modello di gestione dell’acqua in città», adottando i piani clima. Ci sono già degli esempi virtuosi, non solo all’estero: Bologna e il piccolo Comune sardo di Posada, hanno iniziato a mettere in sicurezza i propri fiumi, restituire spazi alla natura e alla fruizione dei cittadini, creare quartieri vivibili anche quando le temperature crescono e ridurre l’effetto isole di calore.

Dobbiamo prepararci al peggio: i Paesi del Mediterraneo nell’ultimo secolo si sono riscaldati più del resto del mondo – +1,4 gradi contro +1 grado – e nei prossimi anni il riscaldamento sarà più forte del 25% di quello globale, in particolare d’estate; siamo un hot spot, una delle aree più sensibili, per via dell’aumento della temperatura e delle diminuzione delle precipitazioni. Ciò dipende dal fatto che ci troviamo in una zona di transizione fra i regimi di circolazione atmosferica delle medie latitudini e della fascia subtropicale; gioca un ruolo importante anche la presenza di diverse catene montuose e l’esistenza di forti contrasti terra-mare, oltre che la presenza di una popolazione umana densa e in crescita.

Al di là del cambiamento percepito, quindi, esiste un riscaldamento “statistico” che la scienza certifica e che l’esperienza umana “misura” attraverso la siccità: per fermarci al 2018, la carenza di piogge ha comportato un calo dell’8% della produzione totale di cereali nell’Ue rispetto agli ultimi cinque anni e un analogo impatto si registra sul settore lattiero-caseario, nonché delle carni. La tendenza al surriscaldamento, la carenza di piogge e la tendenza alla tropicalizzazione del clima italiano secondo la Coldiretti hanno provocato solo l’anno scorso danni all’agricoltura per 600 milioni di euro e perdite per 48,8 miliardi in vent’anni.

Quello agricolo non è né l’unico né il peggiore danno provocato dal cambiamento climatico. Nel totale disinteresse dei governi mondiali, la World Metereological Organization dell’Onu ha denunciato che in questi ultimi anni i principali gas climalteranti hanno raggiunto nuovi picchi: anidride carbonica, metano e protossido di azoto sono molto al di sopra dei livelli preindustriali, senza alcun segno di un’inversione della tendenza al rialzo. «L’adattamento al clima rappresenta la grande sfida del tempo in cui viviamo – ha detto Edoardo Zanchini, vicepresidente di Legambiente –. Purtroppo dalla Cop24 appena conclusa a Katowice non è uscita quella chiara e forte risposta all’urgenza della crisi climatica che ci si aspettava dai Governi dopo il grido di allarme lanciato con l’ultimo rapporto del Comitato intergovernativo sui cambiamenti climatici (Ipcc). Il nostro Paese ha bisogno di approvare un piano nazionale di adattamento al clima».

Temperatura, green economy e carbone: ecco cosa prevede l’accordo sul clima

Questi i punti salienti dell’accordo sul clima raggiunto da 195 Paesi il 12 dicembre a Parigi alla 21ma conferenza mondiale, 23 anni dopo l’Earth Summit di Rio de Janeiro, e diventato oggi operativo con la firma solenne di 175 Paesi alle Nazioni Unite di New York.

– Il testo si pone l’obiettivo di bloccare l’innalzamento della temperatura “ben al di sotto dei 2 gradi” rispetto all’era preindustriale e di fare tutto lo sforzo possibile per non superare 1,5 gradi.

– I Paesi industrializzati si sono impegnati adalimentare un fondo annuo da 100 miliardi di dollari (a partire dal 2021, con un meccanismo di crescita programmata) per il trasferimento delle tecnologie pulite nei Paesi non in grado di fare da soli il salto verso la green economy.
cop21LapresseFo_50801240.jpg

– Deciso un programma di rafforzamento periodico degli obiettivi di riduzione fissati volontariamente dai singoli Paesi. Prima verifica nel 2018 nel 2023 prima revisione vera e propria per far crescere gli obiettivi di taglio della CO2 (ce ne sarà una ogni 5 anni).

– Sul carbon budget, la quantità di carbonio immessa in atmosfera bruciando combustibili fossili e deforestando, si avverte che per restare nello scenario dei 2 gradi bisogna tagliarle di un terzo.

Avvenire

Vini, Birre & Drink in 30 minuti alla tua porta! Ordina ora con Winelivery, L'App per Bere! Aimon Traghettilines DIARI SCOLASTICI IBS.IT British School Banner 2023 Kinderkraft Back to School! Talent Garden - Banner Master