Crea sito

San Francesco, patrono d’Italia di Guastalla e della Diocesi

La festa di San Francesco, Patrono d’Italia (assieme a Santa Caterina da Siena), per la nostra Diocesi è particolarmente importante perché il Santo d’Assisi, con la istituzione della “nuova” diocesi di Reggio Emilia-Guastalla (il 30 settembre 1986 da parte di Giovanni Paolo II), è stato proclamato patrono principale, insieme a San Prospero, della nostra Chiesa.

In tutte le parrocchie della Città di Guastalla (dove San Francesco è venerato patrono dal 1657) e nelle comunità francescane, il 4 ottobre è solennità e si incomincia a celebrare con i Primi Vespri del 3 ottobre. In tutte le altre parrocchie della Diocesi, si celebra con il grado di festa.
In Italia solo un’altra Diocesi, quella di Massa Carrara – Pontremoli, ha, tra i due patroni principali, il Santo di Assisi.
Quest’anno, la festa assume un’eccezionale importanza per la visita pastorale ai luoghi di san Francesco del primo Vescovo di Roma che del santo di Assisi ha voluto assumere il nome.
Secondo la tradizione, il 4 ottobre il Vescovo presiede in Duomo a Guastalla la festa del Patrono della Diocesi. Poiché la Concattedrale è chiusa per restauri e tutte le chiese della città sono ancora inagibili dal sisma del maggio 2012, la celebrazione eucaristica solenne si è svolta nella palestra presso il Centro giovanile Don Bosco, ed è stata presieduta, per la prima volta, da Mons. Massimo Camisasca. Sono stati ricordati in questa occasione tutti i Vescovi defunti che hanno guidato la diocesi guastallese in un arco di 165 anni e che per la maggior parte sono sepolti in Concattedrale.
Una calorosa accoglienza è stata riservata al nuovo speciale collaboratore pastorale dopo le nomine del nuovo Consiglio episcopale: si accoglierà infatti mons. Francesco Marmiroli, già vicario generale, ora vicario episcopale per i monasteri, la vita consacrata, le aggregazioni laicali e i movimenti.
A Reggio, la festa cittadina del Santo Patrono d’Italia, alla presenza delle Autorità, è stata, come da tradizione, nella chiesa del Convento dei Cappuccini in via Ferrari Bonini, alle 18.30.

francesco.chiesa.papa