A cinquant’anni dalla morte di Guareschi, autore del “Don Camillo” amato dai Papi

Il 22 luglio del 1968 moriva Giovanni Guareschi, lo scrittore, giornalista, umorista e caricaturista italiano, autore della saga amata in tutta Italia e nel mondo su “Don Peppone”. Per ricordare i cinquant’anni della morte e i 110 dalla nascita,L’Osservatore Romano pubblica tre articoli a firma di Angelo Paoluzi ed Emilio Ranzato dalla rivista “Vita e Pensiero” e ampi stralci di un articolo di Ermanno Paccagnini che vogliono celebrare la figura di questo «intellettuale capace di ascoltare i semplici».

 

Il quotidiano della Santa Sede mette pure in evidenza il “legame” degli ultimi due Papi con Guareschi. Anzitutto Benedetto XVI che, al giornalista tedesco Peter Seewald, amico e biografo, che gli chiedeva quali film gli piacessero, non esitò a rispondere: «Don Camillo e Peppone…». E siccome il Pontefice emerito ammise , come si legge nel libro del 2010 Luce del mondo, di non conoscere tutte le pellicole dedicate alla coppia creata da Guareschi, nel gennaio successivo don Giovanni Davoli e Giuseppe Vezzani — all’epoca, rispettivamente, parroco di Santa Maria Nascente e sindaco di Brescello, cioè i “successori” di don Camillo e di Peppone — al termine di un’udienza donarono a Ratzinger un cofanetto con i dvd dei cinque film.

 

Anche Papa Francesco ha pubblicamente dichiarato la sua passione per la saga creata da Guareschi: «La Chiesa italiana — disse Bergoglio a Firenze il 10 novembre 2015 — ha grandi Santi il cui esempio possono aiutarla a vivere la fede con umiltà, disinteresse e letizia, da Francesco d’Assisi a Filippo Neri. Ma pensiamo anche alla semplicità di personaggi inventati come don Camillo che fa coppia con Peppone. Mi colpisce come nelle storie di Guareschi la preghiera di un buon parroco si unisca alla evidente vicinanza con la gente. Di sé don Camillo diceva: “Sono un povero prete di campagna che conosce i suoi parrocchiani uno per uno, li ama, che ne sa i dolori e le gioie, che soffre e sa ridere con loro”».

lastampa.it

Be Sociable, Share!
Precedente Housing sociale: Fondazione con il Sud, 50 proposte di progetto per contrastare la povertà abitativa in Meridione Successivo Uno schiaffo ai pregiudizi. Francesca, Down e laureata. Insieme alla sua mamma

Lascia un commento