‘What a wonderful world’ e la storia dell’Ornamento A Reggio Emilia un viaggio tra arte e natura attraverso i secoli

 © ANSA

REGGIO EMILIA – La storia dell’Ornamento tra arte e natura è protagonista di ‘What a wonderful world’, un percorso dall’età antica ai grandi protagonisti della storia dell’arte, con oltre 200 opere di autori come Durer, Leonardo, Piranesi, Escher, Picasso, Matisse, Warhol e Haring. La mostra è in programma a Reggio Emilia, a Palazzo Magnani e ai Chiostri di San Pietro, dal 16 novembre all’8 marzo. L’esposizione rivela i significati profondi dell’ornamento, visto non più come semplice e superficiale abbellimento, ma fenomeno che investe la quotidianità e il rapporto con la dimensione estetica, “attraversando processi storici sottesi, intrecci tra culture, prestiti di natura filosofica, sociologica e antropologica”.
    La rassegna propone diverse sezioni, dal mondo naturale di piante e animali alla pratica, da sempre usata dall’uomo, di adornare il proprio corpo, dall’evoluzione del motivo ornamentale vegetale nei secoli e nelle culture all’attuale visione dell’ornamento perfezionata tra Ottocento e Novecento.

ansa

La grande danza contemporanea ritorna nella suggestiva scenografia dei rinnovati Chiostri di San Pietro.

21 e 23 luglio ore 21.30 Chiostri di San Pietro.
Protagoniste due compagnie di rilievo internazionale con sede a Reggio Emilia: la MM Contemporary Dance Company, con due brani ispirati ai classici Carmen e Bolero, e la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto con un trittico che ne rispecchia la creatività e versatilità interpretativa, Abiectio – “O” – BLISS.