Meteo 3bmeteo.com comunica le previsioni del tempo sull’Italia per Domenica 14 Giugno 2020

3bmeteo.com comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani. Al Nord schiarite prevalenti al Nordovest, instabile su Lombardia, Triveneto ed Emilia Romagna con piogge e temporali. Temperature stabili, massime tra 23 e 29. Al Centro instabile e temporalesco su Toscana, Umbria e Marche, qualche pioggia fin sul Lazio. La sera fenomeni in attenuazione da ovest. Meglio sul’Adriatico. Temperature in calo, massime tra 24 e 27. Al Sud qualche fenomeno pomeridiano-sera su Gargano e alta Campania. Giornata asciutto e più soleggiata altrove. Temperature stazionarie, massime tra 24 e 29. (ANSA)

Meteo: venerdì fino a 40 gradi su isole maggiori e al Sud

 Punte di 40 gradi sulle isole maggiori e al Sud: l’ondata di caldo che investirà la Penisola da venerdì sarà, secondo le ultime previsioni dei meteorologi di 3bmeteo.com, più intensa di quanto stimato nei giorni scorsi. “L’anticiclone africano – spiegano – non molla la presa, anzi nel corso degli ultimi giorni della settimana rincarerà la dose su buona parte della Penisola grazie alla formazione di una depressione atlantica sull’Europa occidentale che lo invoglierà a salire ulteriormente di latitudine. Correnti molto calde provenienti dal deserto tunisino interesseranno dapprima le Baleari e la Sardegna, poi si muoveranno verso i settori centrali peninsulari ed il Sud”. Già domani le temperature aumenteranno un po’ ovunque con valori più alti sulle Isole Maggiori e l’estremo Sud. Al Nord previste massime tra 26 e 33 gradi con le città più calde, e afose, di Bologna, Modena, Reggio Emilia e Venezia. Al Centro previste massime tra 25 e 32 gradi con città più calde Firenze, Grosseto, Perugia, Terni e tra le più afose ancora Pisa e Roma. Al Sud previste massime tra 28 e 37 gradi con città più calde Foggia, Cosenza, Catania e Lecce, molto afose Napoli e Messina. Ma sarà venerdì la giornata più calda: aria rovente, sempre secondo i meteorologi di 3bmeteo.com, invaderà nuovamente il bacino centrale del Mediterraneo avvolgendo la Sardegna, le regioni centrali e la Sicilia. Le temperature aumentano ulteriormente. Al Nord previste massime tra 28 e 34 gradi con città più calde Milano, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Venezia dove ci sarà anche tanta afa. Al Centro previste massime tra 27 e 39 gradi con città più calde Sassari, Firenze, Grosseto, Perugia, Terni, Roma, punte non escluse di 40 gradi in Toscana, Umbria e in Sardegna. Al Sud previste massime tra 29 e 38 gradi con città più calde Foggia, Cosenza, Catania e Lecce, molto afose Napoli, Caserta e Messina. (ANSA).

Befana con il sole, gelo concede breve tregua nel week end

(ANSA) – ROMA, 4 GEN – Nel weekend dell’Epifania migliora il tempo e si attenua il freddo. Ma il rialzo termico sarà solo temporaneo: tra la fine di domenica e la giornata di lunedì un nuovo nucleo di aria fredda farà irruzione sull’Italia. E ancora una volta, saranno coinvolte soprattutto le regioni adriatiche e quelle del sud. A dirlo sono i meteorologi del Centro Epson Meteo

“Gli effetti della corposa irruzione di aria fredda di origine artica in atto in queste ore sull’Italia andranno esaurendosi già nelle prime ore di domani”, spiegano i meteorologi del Centro Epson Meteo. “Nel corso del fine settimana – aggiungono – l’afflusso di aria fredda e i venti settentrionali che la sospingono si attenueranno progressivamente: le temperature risaliranno sensibilmente su tutte le regioni. I rialzi saranno evidenti già nelle massime di sabato mentre domenica si attenuerà anche il freddo notturno”. “Questa fase più tiepida per parte dell’Italia sarà però solo temporanea”, precisano gli esperti.

Tra la fine di domenica e l’inizio della prossima settimana, infatti, un nuovo afflusso di aria fredda proveniente dai Balcani coinvolgerà le regioni adriatiche e quelle meridionali. Sarà collegato ad un nuovo significativo calo delle temperature, ma avrà effetti scarsi in termini di precipitazioni. E tra martedì e mercoledì le temperature torneranno a rialzarsi per l’afflusso di aria inizialmente più mite, che però sarà collegata anche ai primi effetti di una perturbazione che coinvolgerà l’Italia nei giorni centrali della settimana.