Il meteo continuerà a peggiorare Da martedì sera temporali anche violenti accompagnati da grandinate e, nei casi più estremi, da tornado o trombe d’aria

Meteo violenti temporali grandine

Agi

AGI – Da martedì sera il tempo subirà un nuovo peggioramento. E l’instabilità in molte regioni si tradurrà in temporali anche violenti accompagnati da grandinate e, nei casi più estremi, da tornado o trombe d’aria. Secondo ilmeteo.it “nei prossimi giorni l’alta pressione delle Azzorre invaderà il Nord Atlantico isolando una goccia fredda nei pressi del Golfo di Biscaglia. Questa configurazione favorirà l’arrivo di una serie di fronti perturbati sospinti da aria più umida sudoccidentale e alimentati da aria più fresca in quota”.

I primi temporali cominceranno a coinvolgere il Nordovest per spostarsi quindi, in maniera piuttosto disomogenea, verso le Alpi del Triveneto. Nei giorni successivi il tempo continuerà a essere spiccatamente instabile su almeno mezza Italia: ad essere interessati da forti precipitazioni saranno non solo il Nord (soprattutto Piemonte e Lombardia) ma anche le regioni centro-meridionali adriatiche e più raramente le tirreniche: proprio perché i sistemi perturbati saranno sospinti da correnti meridionali e alimentati da aria più fresca in quota – i temporali potranno risultare particolarmente violenti e spesso accompagnati da forti grandinate e anche da tornado o trombe d’aria.

Le temperature non subiranno sostanziali variazioni se non diminuzioni fisiologiche in presenza di maltempo: una situazione destinata a durare almeno fino al prossimo weekend.  

Meteo cambia tutto, temperature fino a 46 gradi: ecco dove

L’Italia sarà divisa in due dal punto di vista del meteo. Giovedì 18 agosto è il giorno che vedrà la colonnina di mercurio salire più rapidamente nelle zone del Centro e al Sud, con l’afa che in molti casi renderà l’aria irrespirabile.

Dicotomia tra Nord e Sud
Secondo le previsioni curate dall’Aeronautica militare, domani pomeriggio il picco si registrerà a Tropea (Vibo Valentia) in Calabria, con 46 gradi; 44 anche a Bianco (Reggio Calabria). Al centro, temperature percepite decisamente sopra le medie stagionali nel Lazio, nelle Marche e in Abruzzo, con record di 44 gradi a Roma, Ascoli, Pesaro, Ancona e Montesilvano (Pescara). Saldamente sopra i 40 anche in Puglia, in Sicilia e in Sardegna. Picchi di 43 a Molfetta (Bari), Capo d’Orlando (Messina), Marsala (Trapani), Olbia e Villasimius (Sud Sardegna). Venerdì la situazione dovrebbe progressivamente migliorare meno che in Puglia (picco di 44 gradi a Taranto), Calabria (45 a Crotone) e Sicilia (46 ad Avola, in provincia di Siracusa). Per la vera tregua bisogna aspettare sabato.

Salvatore de Rosa, meteorologo del sito iLMeteo.it, conferma 45°C in Sicilia e nubifragi al Nord con il picco dei fenomeni intensi e delle temperature africane tra giovedì 18 e venerdì 19 agosto. Da un lato infatti troviamo l’anticiclone africano, dall’altro, su alcuni tratti del Nord, il tempo comincerà a dare segnali di peggioramento per l’approssimarsi una perturbazione atlantica. Nel Nordovest, soprattutto, arriveranno forti temporali in graduale spostamento verso il resto del settentrione.

Nel dettaglio
In particolare mercoledì 17 al nord il meteo peggiorerà nel pomeriggio a Nordovest con temporali mentre al Centro e al Sud ci sarà sole e caldo diffuso. Nella giornata di giovedì 18 al Nord ci sarà un’intensa perturbazione temporalesca. Al Centro: peggiora in Toscana e sugli Appennini con temporali, tante nuvole altrove. Al Sud: sole e caldo intenso ovunque. Infine venerdì 19 al Nord ancora maltempo, al Centro temporali sparsi anche intensi e al Sud locali temporali in Puglia e sul basso Tirreno, giornata in cui si attenuerà il caldo.
Il Giornale 

Fino a Ferragosto temporali e aria fresca proveniente dall’Ucraina

previsioni meteo ferragosto caldo aria fredda ucraina
AGI – Direttamente dall’Ucraina aria più fresca ed asciutta piomberà sull’Italia nel corso delle prossime ore e causerà un nuovo aumento dell’instabilità verso il Nord-Est ed il Centro-Sud. Contro la siccità del Nord-Ovest anche questa perturbazione non porterà sollievo, contro il caldo africano degli ultimi mesi invece sarà un toccasana: le temperature si manterranno gradevoli, non eccessive, almeno fino a sabato 13 agosto.

L’aria fresca ucraina sarà associata ad una ‘goccia fredda in quota’, una zona chiusa di bassa pressione, che scivolerà verso il settore adriatico, in particolare da domani, coinvolgendo anche tutta l’area balcanica.

Andrea Garbinato, Responsabile Redazione del sito www.iLMeteo.it, segnala dunque la possibilità di nuovi temporali nelle prossime ore sulle Alpi orientali mentre continuerà il tempo capriccioso sul basso Tirreno: in sintesi avremo acquazzoni sul Nord-Est, in serata localmente anche in pianura, e rovesci a tratti intensi tra Basso Lazio, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Nella giornata di domani troveremo ancora temperature leggermente sotto la media del periodo e temporali sulle stesse zone; sabato gli acquazzoni saranno invece concentrati su gran parte del Sud e localmente al Centro tra Molise, Abruzzo e basso Lazio. In sintesi è confermata l’attuale crisi dell’estate con frequenti acquazzoni specie nel pomeriggio, ma possiamo godere di temperature accettabili.

Domenica 14, vigilia di Ferragosto, la goccia fredda ucraina si sposterà verso la Grecia e la Bulgaria con gli ultimi temporali, anche intensi, attesi fino al mattino solo su Puglia, Calabria e Sicilia; avremo tempo buono altrove, anche più caldo.

Ferragosto: al momento è confermata la perturbazione atlantica in ingresso dalla Francia che potrebbe portare piogge al Nord-Ovest e parte della Toscana, localmente qualche acquazzone potrebbe raggiungere anche il Nord-Est.

“Abbiamo usato il condizionale in quanto i modelli hanno ridimensionato il peggioramento previsto per metà mese; al contrario della prima proiezione (verso condizioni quasi autunnali) è possibile che, dopo Ferragosto, arrivi un nuovo scherzo bollente dell’estate 2022: dalla crisi all’esplosione di un caldo eccezionale.

Maltempo: in arrivo temporali e vento dal Nord fino alla Toscana Allerta gialla Protezione Civile in otto regioni al Nord

 © ANSA

Rapido ma intenso cambiamento delle condizioni meteorologiche al Nord.

Dalle prime ore di domani, infatti, assisteremo al passaggio di un fronte perturbato che interesserà le nostre regioni settentrionali e l’alta Toscana, con forti temporali, grandinate e associate raffiche di vento.

La ventilazione, dai quadranti occidentali, determinerà un progressivo calo delle temperature, dapprima al Nord e, successivamente, anche al Centro-Sud.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. L’avviso prevede dalle prime ore di domani precipitazioni da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, anche di forte intensità, su Valle d’Aosta e Piemonte, in estensione, nel corso della mattinata a Liguria, Emilia-Romagna, Lombardia, province autonome di Trento e Bolzano, Veneto e Toscana settentrionale.
Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di domani, martedì 28 giugno, allerta gialla per rischio temporali in Valle D’Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Emila-Romagna, Veneto e Toscana Settentrionale, e per rischio idrogeologico in Valle D’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento e parte della Lombardia.
(ANSA).