Inps, su app e sul web il nuovo servizio CIP

L’Inps mette in campo un nuovo servizio di informazioni riservato ai lavoratori di-pendenti del settore privato, denominato CIP (Consultazione Info Previdenziali), disponibile sia sull’App “Inps mobile” sia sul sito www.inps.it. A CIP si accede con il proprio pin, sia per l’App sia per il sito internet. Il servizio consente di raggiungere una serie di informazioni ulteriori rispetto a quelle presenti nei normali estratti conto dei contributi.
Si tratta di dati e notizie di carattere generale, ma anche personali, che l’interessato può visualizzare all’interno di vari periodi di riferimento. Ad esempio, iniziando dalla denominazione del datore di lavoro, viene riportata la propria categoria di inquadramento contrattuale (dirigente, quadro, impiegato, operaio ecc.), il tipo di rapporto (a tempo indeterminato, a termine, part time ecc.), la retribuzione imponibile ai fini previdenziali. A queste informazioni CIP aggiunge la novità di dati che finora non erano noti all’interessato perché presenti solo nelle denunce del datore di lavoro, come i conguagli effettuati per gli assegni familiari (distinti in arretrati e correnti), gli analoghi conguagli per i permessi e i congedi per la maternità e la paternità che danno diritto ai contributi figurativi, oltre ai conguagli per periodi di malattia utili anche questi per gli accrediti figurativi.
Il servizio CIP, appena avviato, sarà prossimamente sviluppato presentando altre informazioni sul rapporto di lavoro, come le giornate lavorate, le assenze, altri tipi di conguagli effettuati dal datore di lavoro, gli accantonamenti al Fondo di Tesoreria, il contratto collettivo applicato ecc. Un’ulteriore novità, annunciata dall’Inps, sarà la possibilità di segnalare (attraverso un link o un tasto) eventuali discordanze tra le informazioni del CIP e la situazione invece nota al lavoratore, che potrà quindi descrivere sinteticamente le differenze rilevate ed inviarle direttamente all’ufficio competente. Col nuovo servizio l’Inps intende attuare una maggiore pubblicità e trasparenza del suo operato, offrendo agli assicurati una accessibilità totale ai dati e ai documenti che detiene come pubblica amministrazione, insieme ad una partecipazione per la tutela dei propri diritti.
Attualmente CIP non è disponibile per i lavoratori dipendenti del settore agricolo.

Avvenire

Precedente Dalle vette delle Dolomiti Maria «veglia» sull'Europa Successivo Truffa dello specchietto, nei guai una coppia che agiva con la figlioletta in auto