Vaticano Caso Orlandi, aperte le tombe nel Cimitero Teutonico: nessun resto umano

Vatican Insider

(Salvatore Cernuzio) Avviate stamane le operazioni per l’apertura dei sepolcri appartenenti a due principesse. Le ricerche concluse con esito negativo. La delusione del fratello Pietro: «Tutto mi aspettavo ma non delle tombe vuote». Manifestanti vicino a piazza San Pietro: «Giustizia per Emanuela».  Poteva trattarsi di una svolta di uno dei più cupi misteri d’Italia, ma alla fine si è rivelato l’ennesimo tentativo fallito che ha provocato ancora più dolore in una famiglia che da 36 anni attende il ritorno a casa della propria figlia e sorella. Hanno dato esito negativo le operazioni per l’apertura delle tombe nel Cimitero Teutonico per scoprire se lì dentro riposassero veramente i resti di Emanuela Orlandi, la quindicenne figlia di un dipendente vaticano scomparsa il 22 giugno 1983 e mai più ritrovata.

Precedente Vaticano Le due tombe del Cimitero Teutonico aperte oggi sono vuote. Non sono stati rinvenuti resti umani Successivo Gerusalemme incrocio di destini e crocevia di fedi e culture. Tra luce e buio