Crea sito

Un festival nel festival a Reggio Emilia con il Circuito OFF di Fotografia Europea

Con Fotografia Europea tutto parla il linguaggio dell’immagine. Ogni luogo a Reggio Emilia e Provincia, anche il più nascosto, si trasforma in galleria d’arte. Sedi istituzionali, musei e fucine dei creativi. Ma anchenegozi, alberghi, ristoranti, scuole, circoli, teatri, case private e interi quartieri. In città e in provincia. Tutti strizzano l’occhio a questa straordinaria forma d’arte, specie nelle giornate inaugurali del 2, 3 e 4 maggio.

E’ la “magia” del circuito OFF. Al percorso principale delle mostre si affianca e si interseca infatti quello delle mostre collaterali, che vede impegnati associazioni, circoli, enti, privati cittadini, professionisti, semplici appassionati, così pure studenti nell’interpretazione del tema 2014, “Vedere. Uno sguardo infinito”. Quest’anno conta complessivamente 255 progetti dislocati un po’ ovunque. Tra questi, 40 sono esposizioniCollegate, dove spiccano nomi e luoghi importanti; 215 sono progetti definiti semplicemente Off, che mettono in luce quanto è fondamentale il contributo di tutta la città, di ogni singola persona, di ogni singolo spazio. E non finisce qui: anche il web si fa “vetrina” attraverso il Portfolio Online, con 174 proposte accessibili sul sito www.fotografiaeuropea.it.

MOSTRE COLLEGATE

Quartieri in festa e case aperte alla città. E’ il caso ad esempio di via Roma che si veste a festa nelle giornate inaugurali di Fotografia Europea con una proposta insolita. “La mia foto è la tua foto” è la mostra partecipata coordinata dall’associazione La Gabella-Ghirba Biosteria, che anima tutta la storica strada cittadina: abitazioni private, negozi e cortili si aprono ai visitatori proponendo esposizioni fotografiche, performance, eventi culinari e tanto altro. Insomma, una festa nella festa. Le case di via Roma però non sono le sole ad aprirsi alla città. Le Casette Elemosinarie di via Fontanelli 24, ex case popolari, trovano infatti con FE2014 dei nuovi “inquilini”: si tratta dei visitatori che qui possono attraversarne i corridoi, le stanze e il sottotetto, alla scoperta di tantissimi scatti e non solo. Si va dalle foto di Marcella Persichetti a quelle diFrancesca Cesari, dal cortometraggio di Marc Gourmelen, realizzato con un occhio “fotografico”, ai vari talk con artisti, curatori e letterati nel cortile interno. Altro luogo dell’abitare che non manca mai all’appello è il condominio dei creativi ViaDueGobbiTre: scatti interessanti dialogano con l’arte degli artisti residenti i quali quest’anno, per la prima volta, organizzano delle letture portfolio. A tornare, a due anni di distanza, è un’altra dimora: Villa Zironi, che attende i visitatori con “Ad hoc” e un allestimento tutto da scoprire. Oltre al quartiere di via Roma, anche un’altra zona “accende” i riflettori. L’isolato San Rocco vede la sua Galleria Cavourassumere una nuova veste: i suoi negozi, gli spazi sfitti, ogni angolo si trasforma grazie agli allestimenti di Renza Grossi, Gianalberto Righetti e ReFoto. A dare un tocco in più, una “libreria fotografica” allestita il 2, 3 e 4 maggio da librerie e case editrici cittadine.

Tour tra l’Italia e l’estero con nomi noti. Il viaggio per immagini non finisce qui. Si fa globale e locale con “In Bloom” di Eleonora Calvelli. Patrocinata da Amnesty International e allestita al C.E.R.E. (Circolo Equitazione Reggio Emilia), la mostra racconta la vicenda di tredici famiglie omogenitoriali che hanno dovuto fare la spola tra l’Italia e l’estero per vedere riconosciuti affetti e diritti. Il tour si sposta idealmente a New York, anche se siamo alla Collezione Maramotti, dove ci sono gli scatti di Jeannette Montgomery Barron che mostrano gli artisti, i divi, i club e la moda degli anni Ottanta della Grande Mela. Con Paola De Pietri – che due anni fa aveva proposto ai Chiostri di San Pietro un progetto su Istanbul – si torna in Italia: l’artista stavolta ha realizzato “SeccoUmidoFuoco” all’Ospitale di Rubiera, una mostra sull’industria della ceramica. In contemporanea questo spazio propone l’incontro sull’editoria “Documentary Platform, LAB e Osservatorio Fotografico”, sabato 3 maggio alle 17. Uno sguardo su Reggio Emilia è possibile con Stanislao Farriattraverso la sua personale – allo studio BFMR & Partners – dedicata alla stazione ferroviaria e ai ponti reggiani firmati da Santiago Calatrava.

Collettive, video e concorsi. Insomma, l’Off è un autentico mondo dentro la città. Ci sono poi le immagini diNino Migliori alla Galleria 2000&Novecento, di Lukas Kappmeier e Maximilian Wencelides alla Chiesa di San Carlo, di Maurizio Godot Villani nella sagrestia della Chiesa di San Filippo, di Ombretta Gazzola e Antonio Armentano a Palazzo Rocca Saporiti, le collettive al Museo dei Cappuccini e alla Reggia di Rivalta, le 365 foto de “L’Italia raccontata su Instagram” all’Ostello di via Guasco, i progetti che hanno cambiato il volto di Reggio immortalati da ReFoto allo Spazio KM 129 di Piazza Prampolini e il video d’autore tra “vedere e scrivere” alla Casa dei burattini di Otello Sarzi. Merita poi fare un salto alla Libreria all’Arco, che organizza un concorso per lettori-fotografi, allo Spazio Gerra dove oltre alla mostra dedicata ai Cccp e alla loro soubrette “Annarella”, si svolge una personale di Pietro Briggini. Girovagare è dolce tra l’Officina delle Arti, il Museo Guareschi (a Brescello), il Museo Diocesano, la Biblioteca delle Arti, il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e Lab Art, tutti con proposte dedicate al “Vedere. Uno sguardo infinito”. Ce n’è davvero per tutti i gusti.

LE PROPOSTE OFF. Ogni anno il circuito Off si arricchisce sempre più: coinvolge molte gallerie, scuole, associazioni e circoli fotografici, bar, ristoranti, alberghi e negozi. La mappa della città si tinge tutta di rosa shocking, il colore di Fotografia Europea. Quest’anno le proposte collaterali alle mostre istituzionali, come si diceva, sono ben 215 e agli artisti protagonisti delle diverse esposizione viene data la possibilità di vincere il cosiddetto “Concorso Circuito Off”. Domenica 4 maggio, alle 19 ai Chiostri di San Pietro, si tiene infatti “Off party”, la festa di premiazione dei tre migliori progetti, con tanto di dj set e live set. Ecco le proposte nei dettagli.

Sempre più studenti si trasformano in fotografi. Ogni anno crescono gli istituti scolastici che scelgono di aderire a Fotografia Europea. In questa edizione si contano ad esempio l’Enaip, la Filippo Re, l’Its, il Chierici, Bus-Pascal, Galvani-Iodi, le Medie Da Vinci e Gandhi, l’Einaudi e il Corso di Correggio, l’Istituto Comprensivo di Albinea, l’Alberghiero e la scuola primaria di Castelnovo Monti, le scuole primarie e secondarie di Boretto. Poi associazioni di giovani, come UniLife, i Ragazzi Campeginesi guidati dalla Cooperativa sociale CO.RE.SS. Senza contare che il Palazzo Universitario Dossetti ospita la mostra “Metamorfosi” di Dario Montardi.

Immancabili le gallerie, le associazioni ed i circoli fotografici. All’appello non possono non rispondere le gallerie. La Galleria VV8 artecontemporanea partecipa con “Aqua Aura”, la Galleria San Francesco con una mostra di Marco Borciani, Bonioni Arte con una doppia personale di Silvia Camporesi (che espone anche nel circuito istituzionale) e Marco Ferri dal titolo “Con occhi di riguardo”, la Piccola Galleria d’Arte Musiva con Ch.Arm – Stefania Alberi e Matteo Bonino, Metamorfosi Arte & Gusto con “Black White Dark” di Antonio Cianfano, Mirabilia Art Gallery con Ninni Donato e William Batsford, CsArt Vetrina con “Sottovetro” di Silvia Noferi, la Galleria 8,75 Artecontemporanea con “Holy garden” di Marilena Vita, RezArte

Contemporanea con “Confessioni from the still” di Alec Ven Bergen, la Zannoni con Cesare Di Liborio. Per le associazioni ed i circoli fotografici il mondo dell’immagine è il pane quotidiano. Ecco che a FE2014 partecipano con proposte interessanti il Circolo degli Artisti con le mostre di Giorgio Andreoli, Mirka Brevini, Loretta Costi, Claudio Panciroli, di Parmafotografia, Ferruccio Pecchioni, Claudio Salsi, Aida Palmieri; il circolo fotografico Fotogruppo60 con collettive e mostre di Angelo Bariani e di Elisa Olivi. Sempre presente l’associazione ReFoto, quest’anno con proposte di Elisa Bertacchini, Alice Barciani, Paolo Boretti, Samanta Braga, Carmine Costantino, Anselmo Croci, Federico Donato, Concetta Galetta, Mauro Gilioli, Max Orlandini Paralleli, Oscar Toschi, Marco Veronesi, Francesca Guatteri, Monica Salvatori, Daniela Guidetti, Claudia Immovilli, Rosa Lagioia, Oscar Lolli, Cecilia Morini, Simone Pioli, Arianna Sammartino, Enrica Spadaccini, Sabrina Vitali e diverse collettive. Una proposta interessante arriva anche del circolo Covo dei Randagi al Conad Le Vele.

Alberghi, bar, ristoranti, pub assumono una nuova veste. E la foto sposa i Lego. Il fascino della pellicola e della stampa analogica si ammira all’Albergo San Pietro grazie all’Associazione Italiana Fotografia Analogica, si va verso nuovi sconfinati orizzonti al Mercure Grand Hotel Astoria con Marcello Navarrini, le “impressioni” regnano all’Agriturismo La casa di campagna con Stefano Sturloni. Venendo ai bar, al Bar Milk si analizza lo sguardo di chi migra con Alberto Allamprese, al Paguro si riflette sugli sguardi (in)finiti con Giorgia Aurelio. Al “movimento” delle immagini è dedicata la proposta di Rosanna Bandieri al Café ART E’, a una rezdora reggiana quella di Mariacristina Bassoli alla Dolciaria San Prospero, alla luna quella di Federica Galli al Caffè del Torrazzo, a ciò che è appeso a un filo alla Pasticceria Nuovo Swing, agli alberi quella di Ian Gazzotti al Mascotte Café. Alla Pasticceria Torinese espone Gianni Zampaglione, al Kaffè costruzioni Lego e fotografie si fondono con Riccardo Zangelmi e Alessia Gambetti. Si sogna guardando il cielo allo Starlet cocktail bar con Roberta Lodi Rizzini, ci sono “scorci di emozioni” al Bar Blue con Antonio Migale. Al bar San Diego c’è la mostra di Nicola Nunziata, all’Off Cafè di Salvatore Palombella, al Max Cafè di Pax, al Salvioli Cafè di Corrado Spaggiari, a Il panino italiano di Francesco Speranza.

Non vogliono essere da meno i ristoranti. Il Piatto Unico invita a guardarsi dentro e a riassaporare il calore di casa attraverso le foto di Laura Ascari, così pure propone una festa in musica il 3 maggio a Villa d’Este. Al Caffè Arti e Mestieri ci sono gli scatti di Ettore Moni, Dal Vinaio Mauro Baioni mette in mostra foto “rubate” per strada. Alla Combriccola si riflette sul riciclo con Gino Bedeschi, sui “riflessi pronti” di Emilio Campana al Canossa Bistrot. Si va fuori dalle linee a Il Condor con Roberto Dittamo, si cattura l’infinito in un click da Fuori Porta con Nino Evola. La Guerrina fa fare un viaggio in notturna con Cristiano Freschi e Giulio Nori. Foto dei volontari Gaom (Gruppo Amici Ospedali Missionari) sono a Il Nicchio. L’immaginazione di Maria Grassi non ha limiti alla Trattoria Sipario. Lo “Sguardo sul doppio” è il titolo della mostra di Greta Guidotti all’Enosteria San Carlo; lo sguardo delle donne, attraverso gli scatti di Christopher Haseltine e Kamilla Markindorf, è di scena a La Bottega dei Briganti. “Following” di Luca Morgantini è a La Botte Gaia, “Presenze” di Maria Antonietta Poy e “Il mare degli altri” di Davide Visciglio a Losteria, “Sc Arti” di Sandro Pezzi al 61.1. La Cantina della Torre fa dialogare testi e foto di Piergiorgio Sorgetti e Daniele Zinni, il Cadauno offre “Scatto senza irritazione” di Maria Francesca Tirelli.

Veniamo ai pub e ai locali notturni. Da Dinamo Rocco Bizzarri offre ai visitatori un reportage sulla tournee americana del famoso dj reggiano Benny Benassi, seguita spostandosi in bici. Allo Spazio Icarus ci sono insoliti ritratti di famiglia, alcuni veritieri altri fatti da Lorenzo Fontanesi a soggetti tra loro estranei. Al Godot arriva Patrizia Bonini con “Vedere…ascoltare”, al Planet Cafè Mariabeatrice De Cesare, Ugo Guidotti, Federico Marcenaro, al Lord Nelson Tostacho sul surrealismo fotografico.

I negozi cambiano “vetrina”: si va da foto incorniciate di Ghirri a scatti dipinti. La Libreria Libri Risorti raccoglie alcuni scatti di Luigi Ghirri dalla serie “Identikit” e “Still-Life”. Ma qui non sono solo le foto a essere esposte: anche le cornici sono parte integrante del modo in cui il fotografo reggiano vedeva il suo mestiere. Il corniciaio Cecè Casile porta infatti in questo spazio il lavoro fatto sulle opere di Ghirri, frutto della collaborazione con il fotografo. Alla Libreria Emporium gli “Occhi che videro” sono i protagonisti con Viglio Ferrari, alla Storica libreria del Teatro “Overlook Book house” di Gianni Marconi e “Attraverso” di Alberto Manfredini. Una performance, tra fotografia e pittura, che sovverte i parametri del ritratto – con una calza infilata in testa ai soggetti dello scatto, poi dipinta – è la proposta di Maria Teresa Gavezzi da Scout nelle giornate inaugurali. Il negozio Cardo Atelier invece si trasforma in un “Giardino segreto” con Alessandra Calò. La galleria Coin propone “Movimenti in diversa luce” di Alessandro Calvani. L’attimo carpito è protagonista da Eurasia con Gianfranco Boiardi, “Luci e Ombre” di Dante Codeluppi si scrutano da Ombre Boutique. Si può “partecipare” a una spedizione tra le alpi da West l.t.d. con Elis Bonini ed Edoardo Cagnolati, si coglie ciò che spesso non vediamo alla Tappezzeria Paolo con Ermanno Bono. Foto di Silvio Canini sono protagoniste da Le petit Bohemien, un atlante astronomico finisce sotto la lente di Renato Dametti da Blukids. All’Atelier del design Pavarani la vita nella favela è analizzata da Matteo Donelli, gli orizzonti sono catturati da Emanuele Ferrari ed esposti nel negozio Antichità Storchi. I piccoli particolari non sfuggono a Roberto Ferrarini ed Erica Codeluppi e vengono messi in luce da I tesori coloniali. Foto di danza dentro il teatro Asioli di Correggio sono esposte da Twin Set e realizzate da Damian Galli. I vari punti di vista di Donatella Gelsomino prendono forma da Gualdi Cornici e Stampe Antiche. “Tra sguardo e realtà” è la mostra da Arki di Carla Loni. Toschi Arredamenti si concentra sulle foto di Maurizio Mantovi, Sapak tappeti orientali su quelle di Elena Mancasale. Michele Mattioli espone da Estasia, i riflessi sui vetri e sugli specchi sono di scena da Blank attraverso gli scatti di Pietro Medici, le “Visioni” di Claudio Menozzi da Stock House, la vita degli altri all’Atelier Almanacco con Marco Menozzi. Enrico Morlini espone da Velvet, Marialuisa Morlini da Griffe Hair. Chicco ospita un progetto dell’Oratorio San Pio – Unità pastorale Beata Teresa di Calcutta, Oscar Boutique “A look beyond” di Gianalberto Righetti, l’Erboristeria Herbis Salus “Sguardi senza volti” di Roberto Rizzente, Tosi Dischi “Mali, terra cruda” di Giulia Rossi, l’Erboristeria Cosmonatura i “Giardini immaginari” di Angelo Sganzerla, il Minimarket di via Monzermone “Uno sguardo nero su bianco” di Andrea Tosques, la Bottega Ravinala Mondo la mostra di Giuseppe Tripaldi, la Bottega Cornici “Minimiei” di Luca Urciuoli, Via San Carlo Boutique “Inizio 43” di Roberto Zabeo. All’Atelier Ng Design ci sono le foto di Luciano Canei; il Po, la pianura reggiana, la notte si scorgono nelle foto di Sara Cestari, Silvano Crotti e Tullio Faragnani da La mia arte. Le generazioni vengono messe a confronto all’Atelier Iemmi nelle foto di Fabio Iemmi, Davide Pecorari, Alessio Pecorari, un viaggio attraverso materiali inconsueti viene proposto da Marco Pullia al Francesca Sesler Salone, i luoghi senza fine di Andrea Quintino si ammirano da Fratelli Battaglia. Un tuffo nel Medioriente si fa da Dimensione Foto con Massimo Tassi.

Blogger, “street view” e in spazi sfitti regna il mix foto-cibo e foto-testo. Una passeggiata virtuale a 360 gradi è possibile ai chiostri di San Pietro con Letizia Rossi e il suo progetto per Google Maps. Poi una “Street view” è messa in campo in piazza del Monte da Davide Giudici, mentre diversi blogger irrompono tra le vie del centro storico registrando volti, umori e situazioni e, in tempo reale, gli scatti vengono proiettati in uno slide show in via della Croce Bianca 1, grazie al progetto del negozio La MaisonG e di No Panic Gallery dal titolo No Panic. Allo Spazio Casotti, nell’omonima piazza, si tiene “Mnemosyne” di Marco Petacchi, Massimiliano Galliani, Michelangelo Galliani, ovvero viene posizionato un cubo di plexiglass colmo d’acqua e di fronte una fotocamera che scatta a intervalli regolari.

Diversi gli spazi sfitti che riaprono con Fotografia Europea oltre a quelli dell’Isolato San Rocco. Una riflessione sui ricordi e lo scorrere del tempo, con le foto di Veronica Vanzo mixate al buon cibo, è la proposta di Unhappy Meal in Piazza San Prospero 3/a. Al Civico 10 di via Blasmatorti 10 c’è

invece “Stenopeica”, la mostra di Ivan Barbieri e Sara Marastoni; in via Emilia San Pietro nel negozio sfitto al civico 33 Marco Betti mette sotto la lente i corpi in “Bodies”; in via Emilia Santo Stefano 18/C c’è la personale di Davide Fontanili. In Via Emilia San Pietro 22 c’è il collettivo Viagiardini, nel magazzino di via Arcipretura 4 Jacopo Benassi si concentra sui “selportrait”.

Così si aprono diverse abitazioni, oltre a quelle di via Roma: nell’androne di Via Squadroni 1 ci sono alcune foto ingrandite realizzate da Igor Monducci e la gente viene invitata il 2 maggio a scrivere su un foglietto una personale interpretazione da riporre in un cesto (le varie scritte diventeranno poi le didascalie delle foto nelle giornate del 3 e 4 maggio); in un appartamento di via Campo Marzio 3 ci sono i “Goticismi” di Guglielmo Del Sante. Luisa Pineri in via Emilia San Pietro 12/B propone “Transiti”, Alessandro Villani Olivetti ospita l’inverno e le sue meraviglie di Roberto Rottini in via Emilia Ospizio 98/E, Elena Santoro “Ink” in via Emilia San Pietro 12/b. “Ceneri” di Federica Troisi sono a Casa Panciroli in via Blasmatorti.

Tanti altri spazi: dai luoghi sacri ai teatri, passando per il Centro per le famiglie. Tra gli altri luoghi clou che diventano gallerie fotografiche, ci sono spazi della Curia, quali i Chiostri della Ghiara con le mostre dell’artista pop Cesare Augusto Deiana e del Gruppo Extra Time; oppure ci sono esposizioni promosse da associazioni legate alla Pastorale giovanile della Diocesi di Reggio, quali “Scatti involontari” allestita nello Spazio Espositivo di via del Vescovado. Nell’ex chiesa di San Silvestro c’è invece il progetto di Andrea Poggipollini.

Anche senza il mare, al Parco Cervi regnano i “Tipi da spiaggia” di Luana Rigolli, ancora sabbia ancora mare a Villa Verde dove espone Bruno Vagnini. Il Teatro San Prospero si concentra sullo “sguardo mascherato” negli scatti di Monia Luppi; al Centro famiglie in via Guido da Castello propongono le proprie foto Luca Busi, Ana de Labra, Marcella Paterlini ed Erika Martelli su storie quotidiane di procreazione assistita; nella sede della Cassa Padana ci sono le “Donne allo specchio” di Tea Giobbio, Caterina Orzi, Linda Vukaj e “I segni del futuro. Il paesaggio agrario oggi” di Emilio Sereni. Cescot propone “I cassetti della memoria” di Tamara Boscaino e “Luce” di Vincenzo Sirica. Allo Studio Ppi & Partners c’è “Arcobaleno – Cai Hong” del cinese Xiong Wen Yun.

Anche la provincia è molto attiva… sulle tracce di Luigi Ghirri. Alcune mostre importanti in calendario in provincia sono già state citate. Ma ne mancano ancora tante all’appello. Facendo un tour dalla Bassa alla zona ceramiche, passando dalla Val d’Enza per arrivare nelle zone Matildiche e in Montagna, ci sono interi paesi “fotografici” e artisti che si lasciano ispirare dal lavoro di Luigi Ghirri.

Se si parte da Guastalla, a palazzo Ducale, si sogna il mare con Virginia Alessandri e si vede in bianco e nero “ciò che è di tutti” col Circolo Maldotti; nello Studio Tributario Giuberti si pensa agli “Incantesimi di Luce” con Emanuela Bonini, si “sentono emozioni e si vede musica” nella frazione di San Martino con Carlo Maestri. I negozi del centro storico di Campagnola si animano facendo dialogare poesie e foto londinesi di Giorgio Mariotti e Marcello Casarini, mentre in Sala Civica si pensa “tra terra e cielo”. Palazzo Bentivoglio di Gualtieri vede diversi artisti impegnati (Nerella Righi, Francesca Artoni, Emanuela Bonini) nel lasciarsi ispirare dall’opera di Luigi Ghirri per interpretare il tema di FE2014, mentre la sede comunale propone gli scatti degli utenti del Centro di Salute mentale di Guastalla. Nel teatro Pedrazzoli di Fabbrico ci si interroga sulla differenza tra vedere e guardare. Si arriva poi a Novellara, per vedere la collettiva nel Circolo Ricreativo Aperto. Se si va a Bagnolo alla Trattoria La Pieve è in corso una riflessione sulla vita di paese; Correggio mette sotto la lente il popolo, i volti ed i colori, all’enoteca La Galera. Il Centro giovani di Poviglio fa dialogare giovani e territorio. Luzzara invece si concentra sul Piccolo Teatro Sociale, che riapre dopo 200 anni. Sconfinando nel mantovano, anche l’ex Convento di Santa Maria, a Gonzaga, ospita una mostra interessante. Dalla Bassa alla Zona Ceramiche. A Scandiano l’Ospedale Magati ospita diversi artisti e la locale Osteria di piazza Boiardo propone “altrui sguardi”. Ora andiamo nella zona matildica, a Montecavolo (Quattro Castella) dove si riflette sulla violenza sulle donne presso il Centro poesia, cultura e arte. In Val d’Enza, a Montecchio, le “Solitudini” di Francesca Bertolini e il Frantoio di Borgo Enza sono i protagonisti al castello; i confini si fanno labili nella Pasticceria locale con Camilla Crescenzo, mentre i “ritratti dell’animo” sono di scena a Casa Cavezzi e le “Visioni reggiane” di Mauro Melli all’Hotel Select. Uno sguardo al passato, che arricchisce, è possibile in via Melloni 1 a Cavriago. L’infinito visibile e immaginato si mostra in Municipio a Gattatico. Attenti a “Sbirciare…” in montagna, a La Vecchia di Vezzano.