Crea sito

Giovani / Diritto allo studio per un nuovo “welfare studentesco”

Sono soddisfatti dai servizi di supporto finanziario ma chiedono di più per quanto riguarda la fase d’uscita, l’abitativo, la crescita personale e i servizi per gli studenti internazionali. Sono i 4.709 studenti delle sedi di Milano, Brescia, Piacenza e Roma dell’Università cattolica, che hanno risposto all’indagine sulla soddisfazione dei servizi e l’importanza dei bisogni, promossa da Educatt nell’ambito del progetto europeo Wise – Welfare for improved social dimension of education. La ricerca, la prima in Italia sul tema, verrà presentata domani insieme al progetto nell’ambito dell’incontro “Una nuova dimensione per il welfare studentesco” (Università cattolica Milano, cripta aula magna, largo Gemelli, 1 – Milano, ore 9.30). Il progetto – finanziato dall’Unione europea a sostegno del programma Erasmus+, che ha Educatt come capofila – è stato avviato nel 2014 con l’obiettivo di monitorare e supportare il benessere degli universitari e promuovere un’evoluzione del concetto di diritto allo studio. La ricerca ha coinvolto quattro Paesi europei (Italia, Polonia, Croazia e Finlandia) e un totale di 126.377 universitari, 9.045 dei quali hanno collaborato compilando un questionario.  Sulla base dei dati riferiti, Educatt ha avviato una sperimentazione implementando 11 nuovi servizi o iniziative.  Particolarmente apprezzato il Bando Borse Plus che riscosso grande attenzione sia da parte dei nuovi immatricolati, sia da parte dei partecipanti alla prima fase della ricerca. Il 39,7% dei rispondenti ha dichiarato di conoscere l’iniziativa.  Alla tavola rotonda prenderanno parte tra gli altri, il rettore dell’Università cattolica Franco Anelli; il prorettore e presidente della Fondazione Educatt Antonella Sciarrone Alibrandi; l’assessore Istruzione, formazione e lavoro di Regione Lombardia Valentina Aprea; il presidente Ente per il diritto allo studio Università di Pavia, Paolo Benazzo; e il presidente di European Council for Student Affairs, Stefano Ferrarese.

Agensir