Crea sito

Al via i centri estivi… L’esperienza qualificante dell’Oratorio

Centri estivi, Cres, Grest, campi giochi… già nella babele dei nomi si intuisce che parliamo di un’esperienza viariopinta, dinamica, eterogenea. Eppure sempre più diffusa nelle nostre parrocchie al punto da ritenere che forse nasconda il modello più autentico e interessante di Oratorio. Dal Po, dove collezionano cifre da capogiro, al crinale, dove l’eroismo vince sui numeri che scarseggiano e  le distanze che scoraggiano, nelle prossime settimane vedremo e sentiremo animarsi i cortili degli oratori con grida, canti, colori e giochi.

Nel centro estivo (o comunque lo si chiami) si nasconde un’esperienza educativa straordinaria. Proviamo a superare la cornice dei facili entusiasmi e a esplorare un po’ più da vicino cosa succede.

Durante il centro estivo sono gli adolescenti che prendono il controllo, dalla prima alla quarta superiore (14 17enni) soprattutto. Sono quelli che finita la scuola si trovano una montagna di tempo libero da gestire e le settimane di centro estivo glie lo prosciugano benissimo. Da una parte sono giorni di grande vita di gruppo: ore e ore passate con i coetanei senza la “rottura” dei banchi di scuola, di campanelle, insegnanti, interrogazioni e scadenze. Dall’altra è tempo speso per qualcun altro: i bambini. Ed è proprio di fronte allo sguardo dei bambini che gli adolescenti si ritrovano diversi, improvvisamente cresciuti, responsabili, grandi. Sono quegli occhi spalancati come carte assorbenti – dal basso verso l’alto – quegli sguardi pieni di meraviglia e di attrazione, a smuovere gli atteggiamenti degli adolescenti verso una ricerca di impegno e maturità.

Insieme ai giovanissimi ma spesso dietro le quinte c’è una comunità adulta, che di tempo ne ha poco e lo deve strappare con i denti agli altri doveri, ma si sente impegnata e coinvolta. Sono gli  universitari che si sottraggono alla pressione degli esami, le mamme e le nonne che si concedono per le merende e gli laboratori  manuali, i papà e i pensionati che le sere precedenti costruiscono, trasformano, puliscono, rendendo l’oratorio accogliente e pieno di magia. Prima che i servizi che compie, questa variegata comunità adulta sta dicendo ai più giovani: “facciamo qualcosa insieme: abbiamo bisogno di te!”. Le parole più belle che possiamo rivolgere a un ragazzo.

Tra gli adulti non vanno dimenticati i genitori dei bambini, talvolta poco più che tassisti dei loro figli, altre volte invece preziosi collaboratori, soprattutto quando non sarebbero naturalmente coinvolti nelle attività parrocchiali, ma un po’ il bisogno, un po’ l’entusiasmo, un po’ la riconoscenza per quello che stiamo facendo per i loro figli, li rendono più aperti e disponibili.

E poi ci sono loro, i preti. A volte giovani e dinamici, più spesso con tanti capelli bianchi e anni di fatiche sulle spalle. Eppure sono lì, sotto il sole, con il cappellino colorato in testa e la maglietta del campo, con il megafono in una mano e il fischietto nell’altra a chiamare, mettere in fila, incoraggiare; a guidare la preghiera e i giochi, a distribuire il ghiacciolo e ricordare di prendere il foglio della gita. Forse a qualcuno parrà irriverente che i sacerdoti, magari giunti a una certa età debbano piegarsi a mansioni tanto umili e faticose. Se sia giusto non lo so, ma sono certo che a loro fa bene.

Probabilmente ho dimenticato tante figure importanti e sbirciando nei cortili delle parrocchie le potrete facilmente individuare. Quello che importa è che in queste settimane i nostri oratori sembrano trovare tutta la vitalità e la bellezza che dovrebbe animarli tutto l’anno. E allora viene da chiedersi: perché soltanto d’estate è possibile tutto questo? Perché non farlo tutto l’anno?

La risposta è molto semplice: perché in estate c’è più tempo. È lui il grande tiranno della nostra vita e anche delle nostre parrocchie. E forse soltanto donandoci del tempo, come in queste settimane, possiamo sperare di diventare educatori autentici. Grazie, estate, che ancora ci regali una riserva di tempo per stare con i più piccoli.

fonte: http://www.pastoralegiovani.re.it/

banner_per_oratorio_0