Monte Cusna, scivola in un dirupo e muore a 68 anni è L’ingegner Gianpaolo Camminati

di Elisa Pederzoli – Gazzetta di Reggio

VILLA MINOZZO (REGGIO EMILIA). Camminavano in fila indiana sul costone del Monte Cusna, diretti alla vetta. E’ stata questione di un attimo, di un istante piccolissimo, ma fatale. Forse, ha messo male un piede. Forse, quel punto del terreno era scivoloso, troppo friabile. Di fatto, lui è scivolato giù, senza riuscire a frenare, ad aggrapparsi a qualcosa. E’ franato davanti agli occhi della moglie e della coppia di amici che erano in loro compagnia. Precipitando per oltre 100 metri, tra le rocce. Una caduta, purtroppo, che non gli ha lasciato scampo.

monte

E’ morto così Gianpaolo Camminati, 68enne ingegnere residente a Casina ma domiciliato a Reggio. Un nome molto noto nel suo ambito lavorativo, un esperto di montagna a detta di tutti. A tradirlo è stato quel costone che conosceva bene. Solcato chissà quante volte, con sicurezza e prudenza. Ma stavolta, purtroppo, qualcosa è andato storto.

L’INCIDENTE. Sono le 12.45 circa di ieri quando dal Monte Cusna scatta l’allarme. Siamo a circa 2.100 metri di altezza.A lanciarlo sono alcuni escursionisti. Dei tanti che in una giornata di bel tempo come quella di ieri avevano deciso di salire fino al Cusna, per un’escursione e godere di un panorama sempre capace di emozionare. Gianpaolo Camminati, la moglie Cecilia Bartolini 64 anni e una coppia di amici erano uno davanti all’altro. Avevano raggiunto la zona con la seggiovia. Davanti camminava l’amico, dietro il 68enne e poi le due donne. Poco dopo aver salutato altri escursionisti, la tragedia. L’uomo è caduto giù, all’altezza della verticale del Sasso del Morto.

Per raggiungere il posto si sono messi in movimento l’elicottero del Soccorso alpino, partito da Pavullo, e una squadra da terra. Le condizioni meteo, con dei grossi nuvoloni che si sono spostati sulla zona, minacciava di rendere difficoltoso il lavoro del velivolo. Dall’elicottero è stata fatta calare l’equipe medica. Il personale, non senza difficoltà, ha raggiunto l’uomo fino nel punto in cui era precipitato. Sono iniziate le manovre di rianimazione. Un disperato tentativo di salvare l’uomo che ben presto, però, ha dovuto arrendersi alla tragica realtà: troppo gravi le ferite riportate da Camminati, che infine è stato dichiarato morto.

Quando è arrivato l’ok dalla procura, si è quindi proceduto con il recupero della salma che, caricata in elicottero, è stata trasferita sino agli impianti di risalita di Febbio. E da lì, poi, grazie all’ausilio della polizia provinciale sino all’obitorio dell’ospedale Sant’Anna di Castenolvo Monti.

LE INDAGINI. Ora, toccherà ai carabinieri della stazione di Villa Minozzo, intervenuti sul posto, ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. I militari hanno già provveduto ad ascoltare le testimonianze delle persone che erano con il 68enne. E di altri escursionisti che da distanza hanno visto l’ingegnere cadere. Allo stato attuale, non si può escludere che l’incidente possa essere stato causato da un improvviso malore dell’ingegnere. Al momento, la salma è a disposizione della procura. Il magistrato di turno già oggi valuterà se richiedere accertamenti di natura autoptica, o riconsegnare la salma alla famiglia per il funerale.

LA VITTIMA. «Una persona splendida, disponibile. Capace di ascoltare gli altri». E’ un ricordo commosso quello che da più parti arriva dell’ingegner Gianpaolo Camminati. Da Reggio – dove viveva in viale Simonazzi con la moglie Cecilia Bertolini, 64 anni, ex maestra di scuola elementare – a Casina, dove da sei anni aveva comprato casa e la coppia trascorreva tutto il periodo della bella stagione.

Marito e moglie – che non avevano figli – dedicavano molto del proprio tempo al volontariato, nella parrocchia di Casina. Dove il ricordo dei due ieri, quando si è diffusa la tragica notizia, si è fatto vivo tra le persone che conoscevano Camminati. Destando profondo dolore e sgomento. Lo stesso che provano i tanti professionisti che in questi anni erano venuti a contatto con l’ingegner Camminati. Come il dottor Salvatore Lafiandra della società cooperativa Esedra di Parma. «Avevamo collaborato – ricorda – un professionista straordinario. Con una straordinaria qualità: quella di saper ascoltare e di confrontarsi».

Gianpaolo Camminati oltre alla moglie Cecilia lascia anche una sorella, Maria Antonia, e il fratello, il dottor Graziano Camminati medico condotto titolare di uno studio nel quartiere di Santa Croce.

news

Precedente Messa per gli insegnanti per l’inizio del nuovo anno scolastico Successivo Reggio Emilia: scritte contro i cristiani La Digos in via Agosti