Crea sito

Mezzo millennio di capolavori della Valtiberina da Piero della Francesca ad Alberto Burri… Ovunque ti giri incontri la Bellezza

Ovunque ti giri incontri la Bellezza

 

Il 15 giugno a Firenze, nella sede dell’Ente Cassa di Risparmio,viene presentato il progetto “Piccoli grandi musei” quest’anno dedicato a “Capolavori in Valtiberina tra Toscana e Umbria. Da Piero della Francesca a Burri e La battaglia di Anghiari”: una serie di mostre e itinerari artistici che, dal 16 giugno al 3 novembre, si snoderanno tra l’Umbria e la Toscana.
Afferma Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani: “Tracciate due linee parallele corrispondenti al percorso dell’Arno e del Tevere e vi accorgerete che, all’interno di quel territorio o nei paesi che sui due fiumi gravitano, sono nati i grandi della civiltà italiana: Dante e Boccaccio, Giotto e Arnolfo, Petrarca e Machiavelli, Brunelleschi e Galileo, Piero della Francesca e Leonardo, Raffaello e Michelangelo. Chi nell’estate di quest’anno attraverserà le terre di Anghiari, Badia Tebalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano e poi ancora Citerna, Città di Castello, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, San Giustino, Umbertide (tanti sono i comuni coinvolti nella iniziativa), chi sosterà nelle antiche ville private che verranno aperte per l’occasione per intelligente disponibilità dell’Associazione dimore storiche italiane umbra, capirà una cosa fondamentale. Capirà che in questa parte d’Italia la Bellezza è ubiqua e pervasiva.
Ubiqua perché la incontrate dappertutto, pervasiva perché entra ovunque: nei musei civici custodi di capolavori celebri, nei borghi storici e nelle frazioni rurali dove le pietre e i mattoni hanno il colore del sole e del pane, nell’ordine dei coltivi, nella linea delle colline, nel verde-nero delle querce che popolano il paesaggio, nei monti (“divinamente azzurri” direbbe Pier Paolo Pasolini) che chiudono lo sguardo. Intendere questo significherà intendere anche perché la lingua figurativa degli italiani ha avuto qui la sua culla”.

(©L’Osservatore Romano 15 giugno 2013)