L’innovazione alla conquista del settore educativo

Venerdì 14 giugno a Roma si terrà “Reimagining education”, una fiera con oltre 20 espositori

L'innovazione alla conquista del settore educativo

Avvenire

Promuovere le iniziative degli innovatori creativi e tecnologici nel campo dell’educazione, con l’obiettivo di favorirne le condizioni e ampliarne gli orizzonti: queste le finalità dell’evento Reimagining education, una fiera dove oltre 20 espositori faranno conoscere al pubblico le loro iniziative. Co-organizzato dall’Institute for Entrepreneurship, l’Osservatorio Cultura e Lavoro e Insegnare per l’Italia, la fiera sarà aperta a operatori del settore, docenti, dirigenti scolastici, genitori, in sintesi tutti coloro che hanno a cuore il futuro dei giovani. 

«Le sfide del XXI secolo sono molto complesse, è indispensabile affrontarle puntando sull’istruzione e mettendo a sistema le competenze del Paese», commenta Silvia Pulino, docente e direttrice dell’Institute for Entrepreneurship. La giornata inizierà con una tavola rotonda in cui esponenti del mondo dell’istruzione, del lavoro e dell’innovazione, metteranno a fuoco le sfide specifiche, fornendo spunti di riflessione sulle soluzioni possibili. Parteciperanno: Marta Bertolai, Enactus Italy; Enrica Cornaglia, Ashoka Italia; Maria Di Saverio, Inapp Public Policy Innovation; Mirta Michilli, Fondazione Mondo Digitale; Andrea Pastorelli, Teach for Italy/Insegnare per l’Italia; Antonella Salvatore, Osservatorio Cultura e Lavoro. 

Ad esporre saranno start up e organizzazioni che ambiscono a lasciare un’impronta nel mondo dell’educazione. Alcuni tramite la tecnologia, come Coder Dojo, Fondazione Mondo Digitale, Impactscool, Gamification Lab, La Sapienza e Sicheo. Altri creando un ponte con il mercato del lavoro, come CareerPaths, DailyInternship.com, Eggup, Osservatorio Cultura e Lavoro, e WissenSearch. Altri ancora contribuiscono aiutando realtà scolastiche più bisognose, come nel caso di Agenzia Scalabriniana per la
Cooperazione allo Sviluppo – Ascs e Teach for Italy/Insegnare per l’Italia. La cosiddetta “educazione informale” sarà rappresentata da Engim, i4Elementi, Inapp Public Policy Innovation, e A Cena con l’Inglese.

Completano il parterre organizzazioni impegnate a stimolare l’azione imprenditoriale degli studenti: Cambiamenti, Enactus Italy, John Cabot University – Attività per le scuole, e Junior Achievement Lazio.

Questo evento fa parte dell’Entrepreneurial Journey, un progetto della John Cabot University volto alla autoimprenditorialità in tutte le sue diverse sfaccettature, che coinvolge una vasta rete di atenei, acceleratori e investitori. L’Entrepreneurial Journey è patrocinato dall’Associazione nazionale giovani innovatori (Angi). Partecipano come partner Ampioraggio, Baia, CambiaMenti, CRMpartners, Dock3, Gamification Lab, Impactscool, Junior Achievement Lazio, Lazio Innova, Lead Lab Roma, Luiss Enlabs,
LVenture Group, Messagenius, Moovenda, Osservatorio Cultura e Lavoro, Plug and Play, Roma Startup, Sicheo, Startups Without Borders, Teach for Italy, To Be srl, Young Women Network.

Reimagining Education si terrà a Roma il 14 giugno, nel Tiber campus della John Cabot
University, in Lungotevere Raffaello Sanzio, 12, a Trastevere.

Be Sociable, Share!
Precedente Messaggio del Santo Padre Francesco per la Giornata Missionaria Mondiale 2019. "Battezzati e inviati: la Chiesa di Cristo in missione nel mondo" Successivo Ballotaggio a Reggio Emilia, Vecchi riconfermato sindaco: "Premiato il buon governo della città"