L’Asia resta il continente ‘nemico’ della libertà religiosa


AsiaNews

Il rapporto del Pew Research Center afferma che “nel decennio 2007-2017, le restrizioni governative sulla religione – leggi, politiche e azioni di funzionari statali che limitano le credenze e le pratiche religiose – sono aumentate notevolmente nel mondo”. A guidare la classifica dei Paesi che impongono restrizioni alla libertà religiosa sono il Medio Oriente e il Nord Africa.

Precedente Arcivescovo di Bassora: la visita del Papa, occasione di rinascita per i cristiani e l’Iraq Successivo Ecuador La battaglia di El Carmelo per fermare la miniera in Amazzonia