Crea sito

Commento al Vangelo del Giorno 2 Aprile 2020

Gv 8,51-59 Commento di Davide Picciati

Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: “Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno”. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».
Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: ”È nostro Dio!”, e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».
Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant’anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».
Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.
Parola del Signore

Il Vangelo di oggi mi ha fatto riflettere su tre concetti molto importanti. Verità, Conoscenza e Umiltà. Gesù inizia a parlare dicendo la Verità: «In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno» lui non ha usato mezzi termini perché così è. Però i Giudei, che hanno passato la loro vita a studiare i Libri Sacri, non capiscono il messaggio e anzi ribattono dall’alto della loro “conoscenza” rispondendo che sia Abramo che i profeti erano morti prima che lui arrivasse. Gesù allora continua a dire la Verità, facendo notare loro che qualsiasi altra versione e per forza sbagliata e menzognera, e viene anche attaccato per averlo fatto.
Quindi quando chi detiene la Conoscenza vede la Verità, se non ha l’Umiltà di rivedere le proprie idee e le proprie supposizioni, può anche non riconoscerla e persino attaccarla.