Crea sito

Centro Missionario Diocesano… Notizie dall’Albania

Il mese di febbraio è iniziato davvero in modo indimenticabile, prima Alle poi la Benny e poi la Francy hanno passato un giorno o più distesi a letto causa influenza. Nessun problema, don Stefano, con i consigli delle suore della Casa della Carità di Laç, ha curato i suoi volontari in modo esemplare.

Giovedì 6 febbraio abbiamo partecipato all’incontro mensile di tutti i missionari a Laç con il Vescovo Luçjan.

Passata la malattia la vita della nostra comunità missionaria ha ripreso i suoi ritmi.

Primo fra tutti le visite mediche della famiglia felice per il rinnovo della pensione. È stata davvero una esperienza bizzarra perché Gjon non esce molto spesso di casa, perciò vederlo varcare la soglia e salire in macchina, sempre accompagnato dalla moglie Dila, ci è sembrato strano ma con sapore di cosa più unica che rara. Tra medici e funzionari vari, don Stefano è riuscito nell’impresa del rinnovo! Ben fatto don!

Il 17 febbraio alle 3,30 (di notte), i volontari, assonati e infreddoliti, hanno salutato don Stefano in partenza per l’Italia. Il giorno seguente Alle, Benny e Francy sono stati accolti per una notte alla CdC di Laç in attesa dell’arrivo di Antonio e Vera. Non hanno tardato, con puntualità sono atterrati all’aeroporto di Rinas, fin lì nessun problema. Raggiungere Gomsiqe è stato più difficoltoso, infatti la Land Rover ha dato i primi segni di cedimento non ingranando la retromarcia, perciò prima di arrivare a Laç, Antonio e Vera hanno posteggiato la macchina a Bushat dal meccanico e dopo 10 giorni la Land finalmente è tornata a casa, riparata.

Durante l’assenza di don Stefano le attività della missione sono proseguite: catechismo nei villaggi con la presenza di traduttori, per facilitare la comprensione, progettazione della scuola per disabili che vogliamo attuare nei nostri villaggi grazie alla biblioteca che viaggia, iniziata già da 6 mesi.

Il viaggio di don Stefano ci ha permesso di approfondire la conoscenza dei padri carmelitani presenti a Nenshat che ci hanno aiutato nelle celebrazioni eucaristiche. Abbiamo anche rimediato un invito a cena! Mentre i volontari si recavano a Gomsiqe Eperme e Kaftall con padre Paolo, Antonio ha celebrato la liturgia della parola nel villaggio di Karma e nel pomeriggio a Gomsiqe Jakaj.

La presenza di Antonio e Vera e il bel tempo, che ci ha accompagnato negli ultimi 20 giorni di febbraio, ci ha permesso di preparare il terreno dell’orto per la semina e di imparare nuove ricette. Oltre alle attività domestiche Antonio e Vera ci hanno trasmesso le conoscenze dei primi anni della missione insieme a una dimensione familiare della missione che, durante la loro permanenza, ha incontrato molti abitanti locali arrivati proprio per salutarli.

Allo stesso tempo Antonio e Vera hanno portato anche un po’ di Italia: infatti sono arrivati molte lettere da casa.

Il 27 febbraio, rispettando la previsione fatta dalla Dila (plaka), è ritornato don Stefano, ma non da solo. Infatti con lui è arrivato Simone, il nuovo volontario. Il suo arrivo ci ha resi davvero felici!

Il giorno seguente Simone è stato subito catapultato nella vita della missione, infatti insieme a lui, Alle e Francy hanno partecipato all’incontro di preghiera della PG diocesana a Laç.

Don Stefano è rimasto molto contento delle giornate a casa anche perché ha potuto festeggiare con la sua famiglia e tanti amici della bassa il suo 25° di sacerdozio con i suoi compagni di classe del seminario ed è riuscito a scroccare il pranzo a tutte le famiglie dei volontari oggi presenti in missione!!!

Continua la produzione di vestine per il battesimo che continuano ad essere acquistati da diverse parrocchie  e così sostengono il lavoro di queste donne e la missione!  Procediamo ogni settimana con la pulizia dell’appartamento dei nostri ospiti vicino a noi.

Invece la nostra  Dila ha preparato un bel paio di qorape (calze colorate da uso senza ciabatte o altro) per la mamma di don Stefano! Veramente non ci manca niente!

Finiamo così il mese in 8 in casa! Don Stefano, Antonio e Vera, Alessandro, Francesca, Simone, Nikollë e Benedetta !

albania