Celam: necessario generare spazi di rispetto con i nostri fratelli indigeni

Vatican News

(Amedeo Lomonaco) Mancano meno di due mesi dal Sinodo per l’Amazzonia in Vaticano. Nel messaggio per la Giornata internazionale dei popoli indigeni, il presidente del Consiglio episcopale latino americano (Celam), mons. Cabrejos, ricorda che le popolazioni indigene sono “il ponte tra le culture originarie e il mondo di oggi”. È necessario compiere sforzi “per generare spazi di rispetto e dialogo con i nostri fratelli indigeni, salvaguardandone, allo stesso tempo, cultura, tradizioni, lingua e diritti”. È quanto ha affermato mons. Miguel Cabrejos, presidente del Consiglio episcopale latino americano (Celam), in occasione della Giornata internazionale dei popoli indigeni, celebrata ieri e istituita dalle Nazioni Unite nel 1994.
Precedente Spazio ristretto tempo dilatato, Santa Chiara e il carisma francescano Successivo Messaggio del vescovo Massimo Camisasca: DON GAETANO INCERTI, 100 ANNI, MOSTRA QUANTO E’ BELLA LA VITA DEL PRETE!