Crea sito

La domanda alla quale non c’è risposta è quella che assilla tutti, dal personale sanitario ai mercati finanziari: quando ci sarà il picco dei contagi di Covid-19?

Da Avvenire

Che non ci sia risposta l’ha detto chiaramente il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro, ieri in conferenza stampa con il commissario all’emergenza Angelo Borrelli, capo della Protezione civile, nel quotidiano bilancio delle 18 che tutta l’Italia aspetta con il fiato sospeso. I numeri parlano chiaro, i grafici lo mostrano: l’impennata è costante, il picco arriverà, e poi ci sarà l’agognata discesa. Ma non sappiamo quando.

Cresce il numero dei guariti: 622. Ma aumentano anche i decessi: 366, in gran parte ultrasettantenni, molti over 80, e con patologie pregresse. Soprattutto si assiste a un aumento esponenziale dei casi e dei ricoveri: ieri c’è stato un aumento record di 1.492 casi positivi in un giorno. Considerato che non si fanno tamponi (e dunque non si computano come contagi) a chi presenta sintomi para influenzali gestibili in casa, il segnale è che il virus circola in maniera massiccia. Il rischio è l’intasamento degli ospedali, in particolare delle Terapie intensive della Lombardia, che già lavorano in condizioni estreme.

Nella regione più colpita la “zona rossa” non esiste più: con l’entrata in vigore ieri del Decreto della presidenza del Consiglio (valido fino al 3 aprile) valgono le stesse restrizioni per l’intera Lombardia (così come per le altre 14 province interessate, norme meno stringenti per il resto d’Italia). Perché il contagio non è circoscritto. L’impennata si registra in particolare nella Bergamasca, ma non c’è area della regione che sia immune.