Crea sito

Dischi Sacra: I capolavori dall’Eton Choirbook scampati alla furia di Enrico VIII

musica.sacra

«Gli ascoltatori sono invitati ad assumere i cinque brani di questo cd in piccole dosi. Con la loro complessità stilistica, queste lunghe composizioni inducono un alto grado di emozione che può anche sconfinare in uno stato di trance, così che è meglio non ascoltarne più di una al giorno. D’altronde, nessuno visiterebbe cinque cattedrali in sole ventiquattr’ore…». Sono queste le “avvertenze per l’uso” e la “posologia” che Paul van Nevel ha affidato in punta di humour alle note di copertina del suo nuovo progetto discografico dedicato alla musica sacra inglese a cavallo tra XV e XVI secolo. Alla guida del complesso vocale Huelgas Ensemble, il direttore belga ha infatti voluto tributare un omaggio alla tradizione culturale cattolica e ad alcuni grandi maestri d’epoca Tudor riportando alla luce cinque splendide pagine dell’Eton Choirbook, prezioso codice appartenuto al Collegio Reale di Nostra Signora di Eton (cd pubblicato da Deutsche Harmonia Mundi e distribuito da Sony).
Il manoscritto raccoglie una ricca antologia di opere in parte miracolosamente scampate alla furia distruttrice seguita all’Atto di Supremazia con cui nel 1534 re Enrico VIII vide confermata la Chiesa di Stato anglicana dal Parlamento; il volume conteneva originariamente un centinaio di pezzi di 24 autori diversi dedicati perlopiù alla Vergine, dal momento che gli stessi statuti del College Roiall, risalenti al 1444, prevedevano diversi appuntamenti liturgici dedicati alla pratica del culto mariano, come l’intonazione serale di un’antifona davanti all’immagine dell’Immacolata.
Le monumentali composizioni affrontate con estrema sicurezza e lucidità da Van Nevel e compagni (ognuna di una durata compresa tra i 12 e i 15 minuti) spaziano dal Magnificat di William Horwood al mottetto Gaude Virgo Mater Christi di Edmund Sturton e allo Stabat Mater di John Browne, incorniciati dai Salve Regina di John Sutton e di Robert Wilkinson; cinque maestose “cattedrali sonore” che rappresentano l’esito artistico di una forma elevata di devozione in musica esaltata dall’estrema varietà delle sue sfumature espressive, tra la ricchezza delle ornamentazioni, la complessità degli andamenti ritmici, la dolcezza del discorso melodico e l’eleganza del tessuto armonico.

avvenire.it