Giappone I bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki nel 1945. La Visita di Giovanni Paolo II nel 1981 e il Pellegrinaggio di Papa Francesco il prossimo mese di novembre

(a cura Redazione “Il sismografo”)

Madonna di Nagasaki o Madonna bombardata (Cattedrale di Urakami)
A giorni dovrebbe essere fatto l’annuncio ufficiale del Pellegrinaggio di Papa Francesco in Thailandia e Giappone. Quello in Giappone è stato preannunciato dallo stesso Pontefice tempo fa. Ora, finiti i sopraluoghi, sembrerebbe che il programma sia sostanzialmente definito e dunque, nei Paesi coinvolti e qui in Vaticano, si attende solo la conferma ufficiale che arriverà molto presto.
Intanto, dal 6 fino al 9 agosto, in Giappone e in diversi luoghi del mondo si ricordano i 74 anni dai bombardamenti atomici, i primi nella storia umana, su Hiroshima (6 agosto 1945) e su Nagasaki (9 agosto 1945).
Hiroshima
Il mattino del 6 agosto 1945 alle ore 8:15 l’aeronautica militare statunitense sganciò la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo dal lancio dell’ordigno “Fat Man” su Nagasaki. Il numero di vittime dirette è stimato da 100mila – 200mila, quasi tutti civili.
Nagasaki
La mattina del 9 agosto 1945 l’equipaggio del Boeing B-29 Superfortress, il bombardiere designato per la missione, si alzò in volo con a bordo la bomba atomica soprannominata “Fat Man”, alla volta di Kokura, l’obiettivo iniziale della missione. Tuttavia le nubi non permisero di individuare esattamente l’obiettivo e dopo tre passaggi sopra la città, ormai a corto del carburante necessario per il viaggio di ritorno, l’aereo venne dirottato sull’obiettivo secondario, Nagasaki.
Alle 11:02, alcuni minuti dopo aver incominciato a sorvolare Nagasaki, il capitano avvistò il nuovo obiettivo, che era ancora una volta nascosto dalle nubi. Dato che non era pensabile tornare indietro e rischiare un ammaraggio dovuto alla mancanza di carburante con un’arma atomica a bordo, il comandante decise di accendere il radar in modo da individuare l’obiettivo anche attraverso le nubi. Così “Fat Man”, che conteneva circa 6,4 kg di plutonio-239, venne sganciata sulla zona industriale della città. La bomba esplose a circa 470 m d’altezza vicino a fabbriche d’armi; a quasi 4 km a nord-ovest da dove era previsto: questo “sbaglio” salvò gran parte della città, protetta dalle colline circostanti, dato che la bomba cadde nella valle di Urakami. I morti all’istante furono tra 22.000 a 75.000 persone.

Precedente Numerose le iniziative estive di formazione ecumenica per una cultura dell’accoglienza. Scuole di dialogo Successivo Reggio Emilia celebrata la festa della famiglia religiosa dell’Imitazione di Cristo, detta “Suore di Betania”