PapaFrancesco: chi segue Gesù non sbaglia, lasciar stare veggenti e cartomanti

Se ascoltiamo la voce di Gesù e lo seguiamo, non sbaglieremo strada. E’ il cuore dell’omelia di Francesco svolta nella Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa ha sottolineato che Gesù, “Buon Pastore”, è l’unica porta che ci possa far entrare nel recinto della vita eterna. Di qui il monito a non fidarsi di presunti veggenti e cartomanti che ci portano su un cammino sbagliato. Il servizio di Alessandro Gisotti da Radio Vaticana

La porta, il cammino, la voce. Papa Francesco ha preso spunto dal Vangelo odierno – quasi una “eco” del passo sul Buon Pastore – per soffermarsi su tre realtà determinanti per la vita del cristiano. Innanzitutto, ha osservato, Gesù avverte che “chi non entra nel recinto delle pecore per la porta” ma lo fa da un’altra parte “è un ladro e un brigante”. Lui è la porta, ha ammonito. “non ce n’è un’altra”.

Chiediamoci sempre se prendiamo decisioni in nome di Gesù
“Gesù – ha detto ancora – sempre parlava alla gente con immagini semplici: tutta quella gente conosceva com’era la vita di un pastore, perché la vedeva tutti i giorni”. E hanno capito che “soltanto si entra per la porta del recinto delle pecore”. Quelli che vogliono entrare da un’altra parte, dalla finestra o da un’altra parte, invece, sono delinquenti:

“Così chiaro parla il Signore. Non si può entrare nella vita eterna da un’altra parte che non sia la porta, cioè che non sia Gesù’. E’ la porta della nostra vita e non solo della vita eterna, ma anche della nostra vita quotidiana. Questa decisione, per esempio, io la prendo in nome di Gesù, per la porta di Gesù, o la prendo un po’ – diciamolo in un linguaggio semplice – la prendo di contrabbando? Soltanto si entra nel recinto dalla porta, che è Gesù!”

Seguire Gesù, non cartomanti e presunti veggenti
Gesù, ha proseguito, parla dunque del cammino. Il pastore conosce le sue pecore e le conduce fuori: “Cammina davanti ad esse e le pecore lo seguono”. Il cammino è proprio questo, ha detto il Papa, “seguire Gesù” nel “cammino della vita, della vita di tutti i giorni”. Non bisogna sbagliare, ha detto, “Lui va davanti e ci indica il cammino”:

“Chi segue Gesù non sbaglia! ‘Eh, Padre, sì, ma le cose sono difficili… Tante volte io non vedo chiaro cosa fare… Mi hanno detto che là c’era una veggente e sono andato là o sono andata là; sono andato dal tarotista[cartomante], che mi ha girato le carte…’ – ‘Se fai questo, tu non segui Gesù! Segui un altro che ti dà un’altra strada, diversa. Lui davanti indica il cammino. Non c’è un altro che possa indicare il cammino’. Gesù ci ha avvisato: ‘Verranno altri che diranno: il cammino del Messia è questo, questo… Non ascoltate! Non sentire loro. Il cammino sono Io!’. Gesù è porta e anche cammino. Se seguiamo Lui non sbaglieremo”.

La voce di Gesù la possiamo ascoltare nelle Beatitudini
Francesco si è infine soffermato sulla voce del Buon Pastore. “Le pecore – ha annotato – lo seguono perché conoscono la sua voce”. Ma come possiamo conoscere la voce di Gesù, si chiede Francesco, e anche difenderci “dalla voce di quelli che non sono Gesù, che entrano dalla finestra, che sono briganti, che distruggono, che ingannano?”:

“‘Io ti dirò la ricetta, semplice. Tu troverai la voce di Gesù nelle Beatitudini. Qualcuno che ti insegni una strada contraria alle Beatitudini, è uno che è entrato dalla finestra: non è Gesù!’. Secondo: ‘Tu conosci la voce di Gesù? Tu puoi conoscerla quando ci parla delle opere di misericordia. Per esempio nel capitolo 25 di San Matteo: ‘Se qualcuno ti dice quello che Gesù dice lì, è la voce di Gesù’. E terzo: ‘Tu puoi conoscere la voce di Gesù quando ti insegna a dire ‘Padre’, cioè quando ti insegna a pregare il Padre Nostro”.

“E’ così facile la vita cristiana – ha commentato il Papa – Gesù è la porta; Lui ci guida nel cammino e noi conosciamo la sua  voce nelle Beatitudini, nelle opere di misericordia e quando ci insegna a dire ‘Padre’. Ricordatevi, ha concluso, ‘la porta, il cammino e la voce. Che il Signore ci faccia capire questa immagine di Gesù, questa icona: il pastore, che è porta, indica il cammino e insegna a noi ad ascoltare la sua voce’”.

Messa del Papa per l’Annunciazione: cristiano sia uomo del sì

Domandiamoci se siamo uomini del sì o guardiamo dall’altra parte per non rispondere. E’ uno dei passaggi dell’omelia mattutina di Francesco a Santa Marta, la prima dopo la pausa per le festività pasquali. Prendendo spunto dalla solennità dell’Annunciazione, il Papa ha sottolineato che è proprio il “sì di Maria che apre la porta al sì di Gesù”. Il servizio di Alessandro Gisotti

Abramo obbedisce al Signore, dice “sì” alla sua chiamata e parte dalla sua terra senza sapere dove sarebbe andato. Papa Francesco ha incentrato la sua omelia sulla “catena di sì” che inizia proprio con Abramo. Prendendo spunto dalla solennità dell’Annunciazione, il Pontefice ha ricordato quell’ “umanità di uomini e donne” che pur “anziani” come Abramo o Mosè “hanno detto sì alla speranza del Signore”. Ma, ha soggiunto, pensiamo anche ad Isaia, che “quando il Signore gli dice di andare a dire le cose al popolo” risponde che ha “le labbra impure”.

Il sì di Maria apre la porta al sì di Gesù
Il Signore, ha detto il Papa, “purifica le labbra di Isaia e Isaia dice sì!”. Lo stesso vale per Geremia che riteneva di non saper parlare, ma poi dice ‘sì’ al Signore:

“E oggi il Vangelo ci dice la fine di questa catena di ‘sì’ ma l’inizio di un altro ‘sì’, che incomincia a crescere: il sì di Maria. E questo ‘sì’ fa che Dio non solo guardi come va l’uomo, non solo cammini con il suo popolo, ma che si faccia uno di noi e prenda la nostra carne. Il ‘sì’ di Maria che apre la porta al ‘sì’ di Gesù: ‘Io vengo per fare la Tua volontà’, questo ‘sì’ che va con Gesù durante tutta la vita, fino alla Croce”.

Francesco si sofferma dunque sul ‘sì’ di Gesù che chiede al Padre di allontanare da lui il calice, ma aggiunge: “sia fatta la Tua volontà”. In Gesù Cristo, dunque, “vi è il ‘sì’ di Dio: Lui è il ‘sì’”.

Nel ‘sì’ di Maria c’è il ‘sì’ di tutta la Storia della Salvezza
Questa, ha detto, è “una bella giornata per ringraziare il Signore di averci insegnato questa strada del ‘sì’, ma anche per pensare alla nostra vita”. Un pensiero che il Papa rivolge in particolare ad alcuni sacerdoti presenti che celebrano il 50.mo di ordinazione:

“Tutti noi, durante ogni giorno, dobbiamo dire ‘sì’ o ‘no’ e pensare se sempre diciamo ‘sì’ o tante volte ci nascondiamo, con la testa bassa, come Adamo e Eva, per  … non dire ‘no’, ma farsi un po’ quello che non capisce… quello che non capisce quello che Dio chiede. Oggi è la festa del ‘sì’. Nel ‘sì’ di Maria c’è il ‘sì’ di tutta la Storia della Salvezza, e incomincia lì l’ultimo ‘sì’ dell’uomo e di Dio”.

Domandiamoci se siamo uomini e donne del ‘sì’
Lì, ha soggiunto il Papa, “Dio ricrea, come all’inizio con un ‘sì’ ha fatto il mondo e l’uomo, quella bella Creazione” e ora con questo ‘sì’, “più meravigliosamente ricrea il mondo, ricrea tutti noi”. E’ “il ‘sì’ di Dio che ci santifica, che ci fa andare avanti in Gesù Cristo”:

“E’ una giornata per ringraziare il Signore e per domandarci: ‘Io sono uomo o donna del ‘sì’ o sono uomo o donna del ‘no’ o sono uomo o donna che guardo un po’ dall’altra parte per non rispondere?’. Che il Signore ci dia la grazia di entrare in questa strada di uomini e donne che hanno saputo dire il sì”.

Al termine dell’omelia, le suore vincenziane che sono di servizio a Casa Santa Marta hanno rinnovato i voti. “Lo fanno ogni anno – ha detto il Papa – perché San Vincenzo era intelligente e sapeva che la missione che affidava loro era molto difficile e per questo ha voluto che ogni anno rinnovassero i voti”.

Santa Marta 29 luglio

I santi del 29 Luglio 2014
————————————————–

Santa MARTA DI BETANIA    – Memoria
sec. I
Marta è la sorella di Maria e di Lazzaro di Betania. Nella loro casa ospitale Gesù amava sostare durante la predicazione in Giudea. In occasione di una di queste visite conosciamo …
www.santiebeati.it/dettaglio/23750

Le Messe mattutine del Papa nel volume Rizzoli “La verità è un incontro. Omelie da Santa Marta”


Un anno di parole tra le più lette e ascoltate al mondo, diventate un appuntamento giornaliero per milioni di persone. Nel volume edito dalla Rizzoli “La verità è un incontro. Omelie da Santa Marta”, in libreria dal 24 aprile, vengono raccolte e proposte le sintesi prodotte dalla Radio Vaticana delle prime 186 omelie del mattino di Papa Francesco. Il libro è aperto dalla prefazione del direttore generale dell’emittente, padre Federico Lombardi, e da un saggio introduttivo di padre Antonio Spadaro, direttore di “Civiltà Cattolica”, curatore dell’opera. Il servizio di Alessandro De Carolis.

>>>scheda libro online su ibs

Il “lavoro in più”. Da quando ha aperto le porte della cappella di Santa Marta e il mondo ha preso a entrarvi per ascoltare le sue parole, quattro mattine a settimana, Papa Francesco non ha solo destato un’attesa, spasmodica in certi casi, e introdotto un’abitudine senza confini geografici, e neanche solo religiosi, ma ha contribuito a scardinare nel suo piccolo anche la routine professionale più radicata della “sua” Radio, inventando uno spazio nuovo e straordinario. Dal quel 25 marzo 2013, quando l’appuntamento della Messa mattutina di Papa Francesco ha cominciato a delinearsi come tale – cioè nella modalità di resoconto pubblico delle sue omelie pronunciate spontaneamente nel contesto “familiare” della cappella Santa Marta in Vaticano – il lavoro giornalistico della Radio Vaticana è andato subito modellandosi attorno alla novità. Già nei primissimi giorni ha preso forma la “filiera” di competenze tecnico-redazionali necessarie a produrre rapidamente una sintesi scritta e radiofonica – e anche televisiva – dell’omelia del giorno, che in brevissimo tempo è diventato un “marchio” magisteriale del nuovo Papa.

Nasce così quel “lavoro in più” ma “assai benvenuto” come lo definisce padre Federico Lombardi nella prefazione del libro “La verità è un incontro. Omelie da Santa Marta”, edito dalla Casa editrice Rizzoli, nel quale rivivono le parole di Papa Francesco – così come la Radio Vaticana le ha pubblicate sul suo sito – e rivive anche la sua voce, con le sue sottolineature, le sue pause, l’incisività del suo insegnamento di fede, il formidabile impatto del suo stile espressivo, grazie al cd audio che sarà in allegato all’edizione in libreria dal 7 maggio prossimo, quattro giorni prima della presentazione del volume, in programma al Salone del Libro di Torino. Le omelie del mattino di Papa Francesco, scrive padre Lombardi nella prefazione – sono quelle “di un figlio di Sant’Ignazio abituato ad ‘aiutare le anime’ a ‘cercare e trovare la volontà di Dio’ ogni giorno, guardando e seguendo Gesù che porta la Croce per salvarci, sotto lo sguardo di amore del Padre”.

La Radio Vaticana segue, e continuerà a farlo, questo viaggio spirituale del Papa – dal microfono azionato all’alba, alle “orecchie attente, intelligenze esperte, dita veloci” delle segretarie di redazione che ne trascrivono fedelmente le parole, al confronto serrato tra il direttore e il giornalista incaricato della sintesi – con, assicura padre Lombardi, “impegno e gioia” in ogni membro della squadra. Perché da 83 anni – da Guglielmo Marconi a Santa Marta – oltre le modalità che cambiano resta la missione di fondo, che il bel volume della Rizzoli porta alla luce con accuratezza ed eleganza: il “servizio” di “diffondere la parola del Papa”. Perché, conclude padre Lombardi, “con l’aiuto del Papa, possiamo incontrare Gesù”.

Testo proveniente dalla pagina http://it.radiovaticana.va/news/2014/04/22/le_messe_mattutine_del_papa_nel_volume_rizzoli_la_verit%C3%A0_%C3%A8_un/it1-792846
del sito Radio Vaticana