Talebani sparano in aria e picchiano donne che protestano

 © EPA

Le autorità talebane hanno disperso oggi una manifestazione con un centinaio di donne – soprattutto di etnia hazara – sparando colpi in aria nella città occidentale di Herat, in Afghanistan.

Le manifestanti hanno dichiarato di essere state picchiate.

“L’istruzione è un nostro diritto, il genocidio è un crimine”, hanno scandito le manifestanti, vestite con hijab e foulard neri, le studentesse sono state fermate dalle forze talebane pesantemente armate. Protestavano contro l’attentato di venerdì a Kabul, che ha ucciso 35 persone e ferito altre 82, la maggior parte ragazze e giovani donne.
(ANSA).