Reggio Emilia. Ordine e sicurezza pubblica, focus su bivacchi, degrado e migranti. “Utili gli esposti dei cittadini”

stampareggiana.it

REGGIO EMILIA – Continua il focus del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sulle situazioni e le aree più critiche della città di Reggio Emilia: ad essere stata attenzionata non è stata solo la zona della stazione storica, ma anche il cosiddetto “quadrilatero”, area compresa tra via Secchi, via Nobili, via Filippo Re, via Roma, piazza della Vittoria, piazza Martiri del 7 luglio e parco del Popolo.

All’incontro di stamattina, presieduto dal prefetto Maria Rita Cocciufa, hanno partecipato, oltre ai vertici delle forze di polizia (compresa la Polfer e la polizia locale) e dei vigili del fuoco, l’assessore Raffaella Curioni del comune di Reggio Emilia e i rappresentanti della AUSL, di Treni- talia, di FER e di RFI.

«L’impegno delle forze di polizia – ha evidenziato il prefetto – è costante e sta producendo significativi risultati sia in termini di prevenzione che di repressione di quei comportamenti, anche penalmente non rilevanti (es. bivacchi), che destano preoccupazione. Sono pervenuti, d’altronde, appositi esposti dei cittadini riguardanti situazioni del genere, che sono stati presi in considerazione dalle autorità e che sono risultati spesso utili per indirizzarne i controlli».

Soddisfacenti anche gli esiti dei controlli degli esercizi commerciali e degli appartamenti, effettuati congiuntamente da guardia di finanza, servizio di igiene pubblica della AUSL e polizia locale. Tutte queste attività di vigilanza, dunque, verranno confermate anche nei prossimi mesi e, laddove possibile, anche intensificate.

Oltre al ruolo delle forze di polizia, il comitato ha fatto emergere quello dell’amministrazione locale per la realizzazione di appositi interventi di rigenerazione urbana, partendo dal potenziamento dell’illuminazione pubblica e dei servizi di pulizia nelle zone più critiche.

Un’attenzione particolare, infine, è stata dedicata all’apertura dell’hub in via Mazzacurati che, già da sabato scorso, ha accolto oltre quaranta richiedenti asilo assegnati alla provincia direttamente dai luoghi di sbarco: a seguito dell’esame del comitato, il prefetto ha confermato i mirati servizi di vigilanza già attivati dalle forze di polizia e dalla polizia locale, simili a quelli predisposti per la struttura di accoglienza aperta ad agosto a Gualtieri.

Banner Axerve - Pos a commissione Vini, Birre & Drink in 30 minuti alla tua porta! Ordina ora con Winelivery, L'App per Bere! Aimon Traghettilines DIARI SCOLASTICI IBS.IT British School Banner 2023 Kinderkraft Back to School!