WSJ RIVELA, ‘IL FRATELLASTRO DI KIM ERA UNA FONTE CIA’

USA E SEUL ACCUSARONO PYONGYANG DELLA SUA MORTE IN MALESIA Kim Jong Nam, il fratellastro del leader coreano Kim Jong Un ucciso nel febbraio 2017 all’aeroporto di Kuala Lumpur in Malesia, era una fonte della Cia che si era incontrata in diverse occasioni con agenti segreti americani. Lo scrive il Wall Street Journal citando una persona a conoscenza della vicenda. “C’era un nesso” tra lui e la Cia, sostiene la fonte. 

Precedente BARCONE DI MIGRANTI AFFONDA DAVANTI A LESBO, SEI MORTI Successivo STUDENTESSA VIOLENTATA A BOLOGNA, FERMATO PRESUNTO AUTORE