Vaticano Emanuela e le tombe vuote del Teutonico: la volontà della Santa Sede di fare chiarezza

Vatican News

(Andrea Tornielli) Le operazioni nel Campo Santo all’interno delle mura vaticane attestano la vicinanza alla famiglia Orlandi. La mattina di giovedì 11 luglio era percepibile in tutti i presenti alle operazioni di apertura delle due tombe nel Campo Santo Teutonico la sorpresa per averle trovate vuote. Nessun resto umano, nessuna traccia di bare o urne. Com’è noto la magistratura vaticana ha acconsentito a svolgere questa attività investigativa per venire incontro al desiderio della famiglia di Emanuela Orlandi, la quindicenne figlia di un messo pontificio misteriosamente scomparsa nel centro di Roma nel giugno 1983: una segnalazione anonima aveva infatti indicato una delle vecchie tombe di quel cimitero come possibile luogo di sepoltura per i resti della giovane.

Precedente Il provvedimento. Laureee vaticane riconosciute dallo Stato italiano Successivo Domenica del Mare, una giornata per pregare per i marittimi e le loro famiglie