Vangelo della domenica. Alle mie pecore io do la vita eterna (Gv 10,27-30)


(a cura Redazione “Il sismografo”)

“In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono. Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano. Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre. Io e il Padre siamo una cosa sola».!
Parola del Signore 
Commento di mons. Pierbattista Pizzaballa
Le prime domeniche  del Tempo Pasquale ci hanno fatto ascoltare i brani di Vangelo relativi agli incontri del Signore Risorto con i suoi discepoli.
Oggi iniziamo a vedere come sia la vita nuova dei risorti, quale sia la vocazione dei credenti che il Risorto rende partecipi della sua novità di vita.

Precedente Francesco: nel 2020 ad Assisi per ridare “un’anima” all’economia Successivo Adolescenti e fede