Crea sito

Udienza del mercoledì Il Papa: c’è bisogno di padri presenti

Il padre di famiglia deve essere “presente” con i figli, con “vicinanza”, “dolcezza” e “fermezza”, deve “correggere senza avvilire”, ma anche “attendere e perdonare”. Così Papa Francesco all’udienza generale in aula Paolo VI, “Oggi – ha detto Jorge Mario Bergoglio – vorrei svolgere la seconda parte della riflessione sulla figura del padre nella famiglia. La volta scorsa ho parlato del pericolo dei padriassenti, oggi voglio guardare piuttosto all’aspetto positivo”. “Ogni famiglia ha bisogno del padre”, ha detto Papa Francesco, che ha poi citato il discorso di un padre al figlio contenuto nel libro biblico dei Proverbi. “Un padre – ha poi chiosato – sa bene quanto costa trasmettere questa eredità: quanta vicinanza, quanta dolcezza e quanta fermezza. Però, quale consolazione e quale ricompensa si riceve, quando i figli rendono onore a questa eredità! È una gioia che riscatta ogni fatica, che supera ogni incomprensione e guarisce ogni ferita. La prima necessità, dunque, è proprio questa: che il padre sia presente nella famiglia. Che sia vicino alla moglie, per condividere tutto, gioie e dolori, fatiche e speranze. E che sia vicino ai figli nella loro crescita: quando giocano e quando si impegnano, quando sono spensierati e quando sono angosciati, quando si esprimono e quando sono taciturni, quando osano e quando hanno paura, quando fanno un passo sbagliato e quando ritrovano la strada”.

“Padre presente, sempre. Dire presente – ha aggiunto a braccio tra gli applausi – non è lo stesso dire controllatore, perché i padri troppocontrollatori annullano i figli. Il Vangelo – ha poi prosguito – ci parla dell’esemplarità del Padre che sta nei cieli – il solo, dice Gesù, che può essere chiamato veramente Padre buono. Tutti conoscono quella straordinaria parabola chiamata del figlio prodigo, o meglio del padre misericordioso, che si trova nel Vangelo di Luca. Quanta dignità e quanta tenerezza nell’attesa di quel padre che sta sulla porta di casa aspettando che il figlio ritorni! I padri – ha ribadito a braccio il Papa – devono essere pazienti, tante volte non c’è altra cosa da fare che aspettare: pregare e aspettare, con dolcezza, magnanimità e misericordia. Un buon padre sa attendere e sa perdonare, dal profondo del cuore. Certo, sa anche correggere con fermezza: non è un padre debole, arrendevole, sentimentale. Il padre che sa correggere senza avvilire è lo stesso che sa proteggere senza risparmiarsi. Una volta – ha aggiunto – ho sentito in una riunione di matrimonio dire un papà: a volte devo picchiare un po’ i figli, ma mai in faccia per non avvilirli: che bello, ha senso della dignità!”.

Al termine della catechesi Papa ha rivolto un accorato “appello per l’Ucraina”, dove “purtroppo la situazione sta peggiorando e si aggrava la contrapposizione tra le partì”. Il santo Padre prega per le vittime, “tra cui moltissimi civili”, chiede che “cessi al più presto questa orribile violenza fratricida” e rinnova “l’appello a ogni sforzo mondale per la ripresa del dialogo”.

Il Papa ha poi salutato Lucia Annibali, l’avvocato di Pesaro sfregiata da sicari mandati dall’ex fidanzato. Divenuta oggi una testimonial del coraggio delle donne che subiscono stalking e altre violenze, ha potuto salutare Papa Francesco nell’Aula Nervi.

avvenire.it