Crea sito

santo del giorno Archive

0

Meditazione, Vangelo e Santo del Giorno 17 Maggio 2016

0

Santo del 26 Febbraio 2015

Contribuì con decisione a superare il paganesimo

Se oggi il paganesimo si esprime in forme ambigue, non sempre facilmente identificabili, nei primi secoli il confronto con questa religiosità fu la sfida fondamentale dell’evangelizzazione. E i vescovi spesso dovettero mettere in campo grandi energie fisiche per far fronte alla resistenza e alla persecuzione pagane. A Gaza la tradizione attribuisce a san Porfirio, nato a Tessalonica nel 347, un contributo fondamentale nel superamento del paganesimo. Giunto a Gerusalemme da pellegrino e lì ordinato sacerdote nel 392, nel 395 fu scelto per guidare la comunità cristiana di Gaza, dove si adoperò per ottenere un’ordinanza imperiale che imponeva la chiusura dei templi pagani. E proprio sulle rovine di questi edifici Porfirio fece costruire diverse chiese. Dopo 25 anni di episcopato, morì nel 420.
Altri santi. San Faustiniano, vescovo (IV sec.); san Vittore, eremita (VII sec.).
Letture. Est 4,17k-u; Sal 137; Mt 7,7-12.
Ambrosiano. Gen 5,1-4; Sal 118; Pr 3,27-32; Mt 5,20-26.

santo

0

Santi Gioacchino e Anna 26 luglio

santodelgiorno

Sant’ Anna Madre della Beata Vergine Maria

26 luglio

Gerusalemme, I secolo a.C.

Anna e Gioacchino sono i genitori della Vergine Maria. Gioacchino è un pastore e abita a Gerusalemme, anziano sacerdote è sposato con Anna. I due non avevano figli ed erano una coppia avanti con gli anni. Un giorno mentre Gioacchino è al lavoro nei campi, gli appare un angelo, per annunciargli la nascita di un figlio ed anche Anna ha la stessa visione. Chiamano la loro bambina Maria, che vuol dire «amata da Dio». Gioacchino porta di nuovo al tempio i suoi doni: insieme con la bimba dieci agnelli, dodici vitelli e cento capretti senza macchia. Più tardi Maria è condotta al tempio per essere educata secondo la legge di Mosè. Sant’Anna è invocata come protettrice delle donne incinte, che a lei si rivolgono per ottenere da Dio tre grandi favori: un parto felice, un figlio sano e latte sufficiente per poterlo allevare. È patrona di molti mestieri legati alle sue funzioni di madre, tra cui i lavandai e le ricamatrici. (Avvenire)

Etimologia: Anna = grazia, la benefica, dall’ebraico

Emblema: Libro

Martirologio Romano: Memoria dei santi Gioacchino e Anna, genitori dell’immacolata Vergine Maria Madre di Dio, i cui nomi sono conservati da antica tradizione cristiana.

—————————-

San Gioacchino Padre della Beata Vergine Maria

26 luglio

Anna e Gioacchino sono i genitori della Vergine Maria. Gioacchino è un pastore e abita a Gerusalemme, anziano sacerdote è sposato con Anna. I due non avevano figli ed erano una coppia avanti con gli anni. Un giorno mentre Gioacchino è al lavoro nei campi, gli appare un angelo, per annunciargli la nascita di un figlio ed anche Anna ha la stessa visione. Chiamano la loro bambina Maria, che vuol dire «amata da Dio». Gioacchino porta di nuovo al tempio i suoi doni: insieme con la bimba dieci agnelli, dodici vitelli e cento capretti senza macchia. Più tardi Maria è condotta al tempio per essere educata secondo la legge di Mosè. Sant’Anna è invocata come protettrice delle donne incinte, che a lei si rivolgono per ottenere da Dio tre grandi favori: un parto felice, un figlio sano e latte sufficiente per poterlo allevare. È patrona di molti mestieri legati alle sue funzioni di madre, tra cui i lavandai e le ricamatrici. (Avvenire)

Etimologia: Gioacchino = Dio rende forti, dall’ebraico

Martirologio Romano: Memoria dei santi Gioacchino e Anna, genitori dell’immacolata Vergine Maria Madre di Dio, i cui nomi sono conservati da antica tradizione cristiana.