Crea sito

Nella letteratura / Un anno nuovo per la ricerca di una santità nuova

Dentro il 2019 rileggendo le parole di Simone Weil: «Oggi essere santi non basta, occorre la santità che il momento presente esige, una santità nuova, anch’essa senza precedenti»

L’anno che si apre è posto sotto il segno della novità di Dio: il Vangelo ci ricorda che il Figlio nasce in una situazione che nulla aveva di previsto e atteso: un bambino «che giaceva in una mangiatoia», attorniato da pastori, gli ultimi ed emarginati dalla società dell’epoca, i quali tuttavia «andarono senz’indugio» presso la strana ‘culla’.
È sempre così la novità di Dio, che scardina il consueto e apre sentieri nuovi di vita e di santità, richiedendo però, come condizione prima, l’atteggiamento di Maria, che «serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore». La Madre è offerta come esempio per cogliere la novità di Dio: «serbare», cioè custodire, presuppone il vigilare e il raccogliere; e poi il «meditare», per riconoscere l’azione di Dio dove non ci si aspetterebbe di trovarlo.

È un giorno propizio, secondo il calendario solare, per riflettere su quanto di nuovo Dio porta alla vita di ciascuno di noi. Ed è indubbio che di novità, oggi, abbiamo bisogno. Abbiamo chiuso un anno, abbiamo fatto il nostro personale bilancio, ma per guardare con fiducia e fede ai prossimi dodici mesi dobbiamo essere animati non solo dalla consapevolezza che i fili del tempo sono nelle mani di Dio, ma che qualcosa di inatteso si prepara e ci viene incontro. Qualcosa che, tuttavia, richiede la nostra collaborazione, il nostro assenso.
Questo 2019 ha sete di novità, noi abbiamo sete di novità: non nuove scoperte, non nuove invenzioni, o forse non solo quelle. Ma relazioni nuove e rinnovate, nuovi sguardi, nuove tregue, se non nuove paci. Nuove parole, anche. E, più di tutto, abbiamo bisogno di una santità nuova: sentiamo la necessità, per i giorni che iniziano a scorrere nel nuovo anno, di trovare e imitare un nuovo modello di santità, un rinnovato criterio di vita cristiana per un nuovo incontro con il Dio della storia.

Lo scriveva, già nel 1942, la grande filosofa e mistica Simone Weil (1909-1943) a padre Perrin, il domenicano a cui aveva affidato molte sue tensioni spirituali, raccolte in sei lettere oggi racchiuse in Attesa di Dio.

Viviamo in un’epoca che non ha precedenti, e nell’attuale situazione l’universalità, che un tempo poteva essere implicita, deve essere pienamente esplicita. Deve impregnare il linguaggio e tutto il modo di essere.
Oggi essere santi non basta, occorre la santità che il momento presente esige, una santità nuova, anch’essa senza precedenti.

Dio fa nascere in ogni epoca santi e santità adatti a quel tempo. Oggi abbiamo urgenza di tutto ciò: abbiamo sete di nuovi santi e nuovi profeti, abbiamo sete di nuovi modelli che sappiano indicarci un modo di leggere il nostro mondo e soprattutto che sappiano suggerirci come abitarlo da cristiani.
Ed è un compito arduo:

Un nuovo tipo di santità è qualcosa di dirompente, è un’invenzione. Fatte le debite proporzioni, mantenendo ogni cosa al proprio rango, è pressappoco analoga a una nuova rivelazione dell’universo e del destino umano. Significa portare alla luce una larga porzione di verità e di bellezza fin qui dissimulate da uno spesso strato di polvere. Occorre maggior genio di quanto ne sia servito a Archimede per inventare la meccanica e la fisica. Una santità nuova è un’invenzione più prodigiosa.
Soltanto una sorta di empietà può obbligare gli amici di Dio a rinunciare a ottenere del genio, dal momento che per riceverne in sovrabbondanza è sufficiente lo richiedano al proprio Padre in nome del Cristo.
È una richiesta legittima, almeno oggi, perché necessaria. Credo che in questa forma o in un’altra equivalente sia la prima richiesta da farsi adesso, da farsi ogni giorno e ogni ora, così come un bambino affamato chiede incessantemente un po’ di pane. Il mondo ha bisogno di santi dotati di genio come una città appestata ha bisogno di medici. Dove c’è bisogno, c’è obbligo.

Credo che dovremmo riprendere in mano uno dei testi più belli di Papa Francesco, uscito nel marzo del 2018 e passato velocemente nel silenzio, proprio per la sua straordinaria ordinarietà: è l’esortazione apostolica Gaudete et exultate, dedicata proprio alla «chiamata alla santità nel mondo contemporaneo». È una lettura che richiede meditazione e dona perle, come la rielaborazione che il Papa fa delle beatitudini per il mondo di oggi, o l’elogio dell’umorismo, o le riflessione sullo Spirito e le strutture.

Abbiamo sete di santi, abbiamo sete di nuova santità, a partire da noi stessi: «Non avere paura della santità. Non ti toglierà forze, vita e gioia. Tutto il contrario, perché arriverai ad essere quello che il Padre ha pensato quando ti ha creato e sarai fedele al tuo stesso essere».

Buon anno, e buon cammino (di santità)!