La Comunità. 240mila poveri in tutto il mondo ai pranzi di Natale di Sant’Egidio

da Avvenire

60mila in Italia. Gli invitati sono senza dimora, rifugiati, anziani soli, famiglie in difficoltà, bambini di strada e i poveri delle bidonville africane

Un momento del pranzo di Natale di Sant'Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma

Un momento del pranzo di Natale di Sant’Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma – Ansa

Oltre 60 mila persone in Italia e 240 mila in tutto il mondo hanno partecipato ai Pranzi di Natale con i poveri, amici della Comunità di Sant’Egidio. A ritrovarsi insieme, seduti alla stessa tavola, a partire dalla Basilica di Santa Maria in Trastevere – dove iniziò questa tradizione nel Natale del 1982 – tante persone diverse tra loro: dai senza dimora ai rifugiati venuti con i corridoi umanitari in Europa, dagli anziani soli alle famiglie in difficoltà, fino ai bambini di strada e ai poveri che vivono nelle grandi bidonvilles dell’Africa e dell’America Latina.

Un momento del pranzo di Natale di Sant'Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma

Un momento del pranzo di Natale di Sant’Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma – Ansa

In Italia sono state coinvolte oltre cento tra grandi e piccole città, tra cui Roma, Napoli, Genova, Messina, Milano, Bari, Firenze, Torino, Novara, Padova, Catania, Palermo, Trieste: “Qui viviamo la gioia di tante solitudini che diventano famiglia – ha commentato il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo – Perché nessuno deve essere messo da parte in questo giorno di Natale e ognuno, chi serve e chi è servito, può guardare con speranza al suo futuro: chi serve e chi è servito”.

Un momento del pranzo di Natale di Sant'Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma

Un momento del pranzo di Natale di Sant’Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma – Ansa

A Santa Maria in Trastevere, dove in rispetto dell’ambiente l’apparecchiatura era completamente plastic free, hanno contribuito in tanti alla realizzazione del pranzo, compresa la Comunità Ebraica che ha offerto piatti di lasagne kosher.

Un momento del pranzo di Natale di Sant'Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma

Un momento del pranzo di Natale di Sant’Egidio a Santa Maria in Trastevere a Roma – Ansa

Oltre al parroco don Marco Gnavi, erano presenti tra gli altri, anche i cardinali Walter Kasper e Michael Czerny, il vescovo ausiliare di Roma Est, monsignor Gianpiero Palmieri, l’assessore a Persona, Scuola e Comunità Solidale del Campidoglio, Veronica Mammì, e il nunzio della Santa Sede in Italia, monsignor Emil Paul Tscherrig, che ha portato gli auguri di Papa Francesco. Hanno partecipato al pranzo anche i rifugiati giunti dall’isola greca di Lesbo lo scorso 4 dicembre, grazie ad uno speciale corridoio umanitario dell’Elemosineria Apostolica e della Comunità di Sant’Egidio.

da Avvenire

Nella basilica romana di S.Maria in Trastevere oltre mille poveri hanno avuto un Natale dignitoso. Altri 60 mila indigenti in Italia hanno festeggiato

foto di Sant'Egidio.

Da Santa Maria in Trastevere l’abbraccio a tutti i lottatori della speranza che hanno fatto sì che questo giorno sia un vero Natale“.

Così il parroco di Santa Maria in Trastevere, don Marco Gnavi, saluta su Twitter quanti hanno reso possibile e collaborato al pranzo di Natale con i poveri svoltosi ieri nella basilica romana per iniziativa della Comunità di Sant’Egidio.

Oltre mille persone, in un clima di grande gioia e familiarità, hanno partecipato a Roma, a mezzogiorno, all’appuntamento annuale, che si ripete dal Natale del 1982, della Comunità per i senza dimora, gli anziani soli, le famiglie in difficoltà, le persone fragili.

Ma molti altri sono i partecipanti ai pranzi di Natale promossi da Sant’Egidio in Italia e nel mondo: circa 60 mila i commensali in un centinaio di città italiane (tra cui Bologna, Catania, Firenze, Genova, Messina, Milano, Napoli, Padova, Parma, Torino, Trieste) e 240 mila in oltre 70 Paesi di tutti i continenti.

Una “festa della solidarietà”, l’ha chiamata Sant’Egidio, per sostenere la quale e accogliere un numero sempre maggiore di persone, dal 2 al 25 dicembre è stata lanciata la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “A Natale aggiungi un posto a tavola”.

Come da tradizione, il menù del pranzo di Natale di Sant’Egidio ha previsto, in Italia: antipasto, lasagne, polpettone con verdure, frutta fresca, panettone e spumante, caffè e cioccolatini.

Inoltre tutti gli ospiti conosciuti dai volontari hanno ricevuto regali pensati apposta per loro: oggetti utili come coperte e sacchi a pelo, radio, indumenti, prodotti per l’igiene personale, zainetti, borsoni, ma anche alimenti e dolci.

Lo facciamo perché nessuno sia escluso – ha spiegato la Comunità -: una grande tavolata capace di mettere insieme tante persone diverse tra loro. Un Natale per tutti. In un tempo in cui si parla e si vive troppo spesso all’insegna della contrapposizione e dello scontro vogliamo offrire un’immagine che è già realtà in tante parti del nostro Paese e rappresenta il volto umano delle nostre città italiane”.

“Ma è una realtà che proponiamo anche in Europa e negli altri continenti – ha aggiunto -: una grande festa della generosità aperta a tutti. Vorremmo che si vivesse così ogni giorno dell’anno e crediamo sia possibile dato l’alto numero di persone che si è unito a noi in questo Natale contribuendo ad allargare la famiglia umana a chi ha bisogno”.

fonte: Comunicato Stampa

Reggio Emilia a San Prospero, Presepe vivente e solidale il 21 Dicembre

Da La Libertà del 18 dicembre…

Sabato 21 dicembre dalle 16, proposto dalla Fondazione AVSI

La settima edizione del Presepe vivente avrà inizio sabato 21 dicembre alle ore 16 sul sagrato della chiesa di San Prospero, nel centro storico della città, con il saluto delle autorità comunali.
Da qui il corteo di angeli, pastori, musicanti e zampognari accompagnerà Maria e Giuseppe lungo le vie del centro, per fermarsi in adorazione della Sacra Famiglia sul sagrato del Duomo.
Al termine della manifestazione, ad accogliere Maria, Giuseppe e Gesù in piazza Prampolini è prevista la presenza del vescovo monsignor Massimo Camisasca.

Il Presepe vivente è promosso dalla Fondazione AVSI (Associazione Volontari per il Servizio Internazionale), con il patrocinio dell’Amministrazione comunale di Reggio Emilia e della Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla.
L’iniziativa è realizzata nell’ambito della Campagna Tende 2019/2020 dal titolo “Giòcati con noi. Generazioni nuove, protagoniste del mondo”, promossa da AVSI, che per l’occasione avrà allestito uno stand accanto al sagrato del Duomo.

Qui i presenti potranno contribuire alla raccolta fondi per sostenere nuovi progetti in tutto il mondo: costruzione di un centro di accoglienza per i profughi siriani in Libano, sostegno a distanza per la crescita e la formazione di bambini in difficoltà, formazione professionale di giovani talentosi in Mozambico, educazione al rispetto dell’ambiente e all’ecosostenibilità in una scuola agricola vicina a Manaus in Brasile, sostegno degli anziani che vivono in stato di abbandono e solitudine in Venezuela. Proseguono anche i progetti a sostegno e potenziamento di tre ospedali in Siria e dell’opera delle Suore di Carità dell’Assunzione, presenti in sei città italiane.

Il Presepe vivente, momento di raccoglimento molto sentito e atteso dalla comunità reggiana, anche quest’anno vedrà la partecipazione di numerosi bambini della nostra città in veste di angeli e pastorelli, e sarà accompagnato da letture, canti e musica che aiuteranno i presenti ad entrare nello spirito del Natale.

Per ulteriori informazioni:
* riguardo all’evento, visitare il sito https://ilpresepevivente.com;
* riguardo alla Campagna Tende AVSI 2019/2020, visitare il sito www.avsi.org.
Contatti: Stefano Cococcioni, referente volontario AVSI point per Reggio Emilia, telefono 339.4306219.

Gruppo Fondazione AVSI
Reggio Emilia

Saluto Operatori Pastorali UP a don Daniele

RADICATI IN CRISTO E AL SERVIZIO DELLA CHIESA

All’annuncio della tuo trasferimento ci siamo sentiti smarriti e inizialmente abbiamo espresso il nostro disappunto. Domenica scorsa, nel salutarti, abbiamo invece lasciato prevalere la gratitudine e i tanti motivi di ringraziamento. … Oggi, come tu ci hai chiesto, vogliamo lasciarti andare, non trattenerti, accompagnarti… E per farlo dobbiamo allargare lo sguardo, spostare lo sguardo dal campanile alla Chiesa tutta: dobbiamo guardare a quella Chiesa che ami e servi, che ci hai insegnato ad amare e servire, alla Chiesa per la quale hai detto, e ora rinnovato, il tuo sì.La presenza questa sera della tua famiglia, della tua comunità di origine, del tuo parroco, del parroco emerito di questa comunità – e li ringraziamo per aver accolto il nostro invito – ci aiutano ad allargare il nostro sguardo a tutta la Chiesa.Anche il nostro essere qui, al di là del rappresentare i diversi impegni e servizi nell’ambito della comunità, vuole essere un momento di Chiesa, la testimonianza di una Chiesa tutta ministeriale. Anche noi dobbiamo chiedere perdono: per tutte le volte che non siamo stati capaci di andare oltre il nostro campanile, oltre il nostro io, oltre le nostre idee, per non aver saputo corrispondere al tuo invito, accogliere il tuo esempio, dire il nostro Sì. Nel giorno del tuo ingresso abbiamo affidato a San Daniele Comboni, un missionario, il tuo ministro presso di noi.Ora che ti attende un nuovo impegno pastorale, per sua intercessione ti affidiamo al Signore, sapendo che in Lui non ti perderemo.

Gli operatori pastorali dell’UP Santi Crisanto e Daria

Giarèda: il programma delle celebrazioni religiose

Pubblichiamo il programma religioso e alcuni avvenimenti sulla sagra della Giarèda (3-8 settembre 2019).

Celebrazioni religiose

Predicazione mariana di padre Benito M. Isip

Sante Messe nei giorni feriali: ore 7.30, 9, 18.30

Rosario ore 17.45

Domenica 8 settembre

Natività della Beata Vergine Maria

ore 7.30  Messa

ore 9.30 Messa; animazione del canto: Coro Santa Maria – Padre Remigio

ore 11 Messa:  animazione del canto: Coro B.V. della Ghiara

ore 12  Messa:  animazione del canto: Coro B.V. della Ghiara

ore 18 Solenne Concelebrazione eucaristica presieduta da monsignor Massimo Camisasca, vescovo di Reggio Emilia – Guastalla in apertura del nuovo Anno pastorale (diretta del Centro diocesano Comunicazioni sociali in streaming su questo sito e in tv su Teletricolore, canale 10).

Animazione del canto: Coro diocesano.

Sono presenti le Autorità cittadine

N.B.: non sarà celebrata la santa Messa delle ore 20.30

 

Manifestazioni collegate alla Basilica

Martedì 3 settembre

ore 21: inaugurazione del nuovo impianto illuminotecnico;

Mercoledì 4 settembre

ore 21: in Basilica, concerto “In nome della Madre”;

Giovedì 5 settembre

ore 17: in Basilica, presentazione e premiazione degli Altari fioriti;

ore 21: Museo della Ghiara, apertura della Mostra dei paramenti sacri restaurati

Venerdì 6 settembre

ore 21: Conferenza/dialoghi in Basilica, Le pale di altare della Cappella Brami e della Cappella dell’Arte della Seta;

Sabato 7 settembre

ore 12: Chiostro del convento, raduno dei partecipanti ai Cammini della tradizione verso il Tempio della Ghiara.

A seguire dialoghi sui Cammini della Fede in Emilia Romagna;

ore 21.15 sul sagrato della Basilica: Concerto corpo filarmonico “G. RINALDI” e Filarmonica Città del Tricolore

laliberta.info

Reggio Emilia / Avvisi per Giovedì 15 agosto 2019 S. Maria Assunta – Titolare della Cattedrale

Unità Pastorale «Santi Crisanto e Daria» 

e Parrocchia di Sant’Agostino ~ Reggio Emilia

Giovedì 15 agosto 2019 Santa Maria Assunta Titolare della Cattedrale

Risultati immagini per assunta cattedrale reggio emilia

– ore 8.00 Lodi Mattutine davanti alla Pala dell’Assunta

– ore 11.00 Solenne celebrazione presieduta da Mons. Caprioli

(Anima il canto la Cappella Musicale della Cattedrale)

ore 17.00 Santo Rosario davanti alla Pala dell’Assunta

– ore 18.00 Solenne celebrazione eucaristica presieduta dal canonico Mons. Francesco Marmiroli

– ore 19.15 Vespri solenni davanti alla Pala dell’Assunta

* In S. Prospero: Santa Messa dell’Assunta alle ore 9 

* In S. Teresa e in S. Stefano: sospesa la Messa delle ore 10.00

* In S. Agostino: sospese le Messe delle ore 9 e 11.00

Indulgenza plenaria in Cattedrale il giorno 15 agosto

NOVENA DI PREPARAZIONE

Da lunedì 5 a martedì 13 agosto in Cripta (nei giorni feriali)

ore 7. 40 Lodi; ore 8 e 10.30 S. Messa; 

(escluso il sabato) ore 17.20 Rosario e ore 18 Vespri 

Domenica 11 agosto in tutte le chiese:

orario festivo 

——————————————————

Mercoledì 14 agosto

ore 7. 40 Lodi; ore 8 e 10.30 Messa di San Massimiliano Kolbe (in Cripta) 

ore 17.00 Rosario e ore 17.40 Primi Vespri (in Cattedrale, Pala dell’Assunta)

Messe della Viglia 

– alle 18.30 in S. Prospero e in S. Agostino; alle 19.00 in S. Stefano 

– alle 18.30 in S. Teresa con il ricordo di Giovanna Gabbi nel 12° anniversario