Crea sito

giovani Archive

0

Verso il Sinodo 2018. Il Papa: la Chiesa ascolti anche dubbi e critiche dei giovani

Due tappe verso il Sinodo: a marzo il Papa incontra i giovani di tutto il mondo, di altre confessioni cristiane, di altre religioni e non credenti. Ad agosto ci sarà la due giorni con gli italiani

Sono due gli incontri di preparazione al Sinodo dei vescovi del 2018 che i giovani italiani e di tutto il mondo avranno con papa Francesco.

Il primo con i giovani di tutto il mondo – annunciato dal Papa nell’udienza odierna – coinvolgerà ragazzi di tutte le religioni, e di tutte le confessioni cristiane e anche giovani non credenti e si svolgerà dal 19 al 24 marzo 2018.

Il secondo momento, considerato idealmente una tappa di preparazione al Sinodo 2018, riguarderà, invece, soltanto i giovani italiani che abbracceranno papa Francesco l’11 e il 12 agosto 2018 a Roma, a seguito di una settimana di pellegrinaggi.

Va ricordato che il Sinodo dei vescovi in programma a ottobre 2018 vedrà i vescovi riflettere proprio sul tema “I giovani, la fede e il discernimento“, ecco perché il Papa ha più volte chiesto il loro coinvolgimento con incontri specifici dedicati a loro.

A marzo una riunione di giovani anche non cristiani in vista del Sinodo dei vescovi di ottobre 2018

“Desidero annunciare – ha detto il Papa in udienza generale – che dal 19 al 24 marzo 2018 è convocata dalla Segreteria generale del sinodo dei vescovi una riunione pre-sinodale a cui sono invitati giovani provenienti dalle diverse parti del mondo: sia giovani cattolici, sia giovani di diverse confessioni cristiane e altre religioni, o giovani non credenti”.

“Questa iniziativa – ha spiegato papa Francesco – si inserisce nel cammino di preparazione della prossima assemblea generale del sinodo dei vescovi che avrà per tema ‘I giovani, la fede e il discernimento vocazionale‘, nell’ottobre 2018. Con tale cammino – ha rimarcato – la Chiesa vuole mettersi in ascolto della voce, della sensibilità, della fede e anche dei dubbi e delle critiche dei giovani. Dobbiamo ascoltare i giovani. Per questo, le conclusioni della Riunione di marzo saranno trasmesse ai padri sinodali”.

Dalla Sala Stampa vaticana sono poi arrivate delle precisazioni – a firma del cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo – su questa iniziativa annunciata da papa Francesco “che permetterà ai giovani di esprimere le loro aspettative e i loro desideri, nonché le loro incertezze e le loro preoccupazioni nelle complesse vicende del mondo odierno. Tale iniziativa si inserisce nella tradizione sinodale, in quanto già nel passato sono stati organizzati incontri pre-sinodali, come quello in preparazione alla VII Assemblea Generale Ordinaria del 1987, sulla vocazione e la missione dei laici nella Chiesa e nel mondo, e come il Simposio in vista della I Assemblea Speciale per l’Europa del 1991”.

Chi parteciperà alla riunione pre-sinodale a marzo 2018

Nella nota della Santa Sede si legge che “saranno invitati giovani in rappresentanza delle Conferenze Episcopali, delle Chiese Orientali, della vita consacrata e di coloro che si preparano al sacerdozio, di Associazioni e Movimenti ecclesiali, di altre Chiese e comunità cristiane e di altre Religioni, del mondo della scuola, dell’università e della cultura, del lavoro, dello sport, delle arti, del volontariato e del mondo giovanile che si ritrova nelle estreme periferie esistenziali, nonché esperti, educatori e formatori impegnati nell’aiuto ai giovani per il discernimento delle loro scelte di vita”.

“La riunione pre-sinodale contribuirà ad arricchire la fase di consultazione già avviata con la pubblicazione del Documento Preparatorio ed il relativo Questionario, con l’apertura del sito online contenente un apposito Questionario per i giovani e con il Seminario Internazionale sulla condizione del mondo giovanile, tenutosi nello scorso mese di settembre. Il frutto dei lavori di tale riunione verrà offerto ai Padri sinodali, insieme ad altra documentazione, per favorire la loro riflessione e il loro approfondimento”.
Inoltre, è stato chiarito che la data prevista per la riunione pre-sinodale è stata scelta per permettere a tutti i giovani di partecipare, a conclusione dei lavori, il 25 marzo 2018 alla celebrazione della Messa della Domenica delle Palme con papa Francesco in piazza San Pietro in occasione della XXXIII Giornata Mondiale della Gioventùdel 2018 sul tema “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio” (Le 1,30).

A Roma con papa Francesco anche i giovani italiani l’11 e 12 agosto 2018

«La vigilia dell’assemblea sinodale è sempre stata caratterizzata da un momento comune di preghiera, ma stavolta si è pensato di coinvolgere direttamente i ragazzi anticipando l’appuntamento all’estate per favorire una maggiore partecipazione», spiega don Michele Falabretti, responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile (Snpg) della Cei sottolineando che l’appuntamento di Roma sarà preceduto da una settimana in cui igiovani scenderanno per le strade, sulle antiche vie di pellegrinaggio più o meno conosciute, sulle orme dei santi, alla scoperta delle ricchezze umane e cristiane del territorio. «Volevamo rendere in modo plastico l’idea che il Sinodo è un cammino», chiarisce don Falabretti per il quale «camminando insieme, giovani e adulti, avranno l’opportunità di ritessere i fili delle relazioni e andare incontro ad esperienze di fede, ma anche di vita sociale e civile che sono segno di speranza e possono diventare oggetto di riflessione, fonte di impegno, modello da imitare».

Nell’attraversare l’Italia, percorrendo ad esempio un tratto della Francigena da nord verso sud o viceversa, facendosi pellegrini da Loreto ad Assisi o lungo il cammino minerario di santa Barbara in Sardegna, nei luoghi di san Benedetto o di sant’Antonio, sulla via calabrese che dal santuario di san Francesco di Paola porta a Serra San Bruno, i ragazzi faranno incontri importanti: con testimoni e luoghi dell’accoglienza dei migranti, della solidarietà e del protagonismo civile, della cura dei disabili, degli anziani e di quanti vivono situazioni di fragilità. «Vedere esperienze concrete – rileva il sacerdote – aiuta a pensare, a riproporre soluzioni simili adattandole al proprio contesto, ad immaginare forme pastorali nuove».
Ad essere, in sintesi, “Chiesa in uscita”, in un duplice senso: «Usciamo in strada sia per andare verso gli altri sia perché la strada ci venga incontro così che il mondo possa dire qualcosa a noi». «L’espressione “Chiesa in uscita” – aggiunge – ci chiama a non essere arroccati e chiusi in noi stessi, ma può essere letta anche come un invito a farci affascinare dalla realtà che incontriamo, a lasciarci convertire dal mondo piuttosto che convertirlo».

Il Sinodo è un cammino: prima dell’evento di Roma una settimana di pellegrinaggi sulle orme dei santi

L’Italia si prepara dunque ad un’invasione pacifica di giovani che, osserva don Falabretti, «saranno visibili e presi in considerazione
per un’iniziativa positiva, mentre spesso salgono alla ribalta solo se fonte di preoccupazione o di turbativa sociale». Ci saranno diocesi che si muoveranno insieme e altre che lo faranno da sole, gruppi regionali e formazioni più piccole. «Alcuni vescovi – confida il responsabile del Snpg – hanno già dato la disponibilità a camminare con i loro ragazzi, altri li raggiungeranno nelle diverse tappe del percorso». Ci si ritroverà poi tutti a Roma, destinazione finale di una quarantina di itinerari, per la grande veglia di sabato con papa Francesco e per la Messa della domenica, il primo raduno dei giovani italiani con un Pontefice a undici anni dall’Agorà di Loreto. La macchina organizzativa si è già messa in moto, il conto alla rovescia è partito. O meglio: il cammino, il Sinodo, è già iniziato.

avvenire

Be Sociable, Share!
0

Una radio di giovani contro i femminicidi

Combattere il femminicidio e sensibilizzare alla violenza di genere gli studenti attraverso i linguaggi da loro privilegiati. È il progetto “Radio In Difesa”, nato in collaborazione con Radio Kreattiva e Terres des hommes, a Bari, per coinvolgere scuole, cittadini e pubbliche amministrazioni. Anche a seguito di tre tragici casi registrati di recente, due nel Salento e una nel Foggiano. La sede principale del progetto è il Liceo Scientifico Fermi, dove – spiega la coordinatrice Linda Luciani – una classe è stata fornita di microfoni, sedie e connessione Internet per registrare un podcast sul tema, diretto dagli studenti. Seguendo i principi del “Toolkit Indifesa” si elaborerà un documento digitale con tutte le informazioni necessarie per lanciare un messaggio contro discriminazioni, violenza di genere e stereotipi, che mietono ancora vittime.
«Partiremo la settimana prossima – continua Luciani – con incontri fino a fine novembre della durata di due ore, con ospiti, esperti del settore, testimonianze e interviste telefoniche. I pod cast (file audio) saranno caricati sul portale di Radio Kreattiva, per consentire l’approfondimento a chiunque sia interessato».
Infine, è in programma l’11 ottobre un evento in diretta da piazza Cesare Battisti a Bari, sede dell’Università Aldo Moro, in occasione della giornata mondiale delle bambine. Nell’occasione saranno presentati i principi del “Manifesto In Difesa”, che vede aderire 36 Comuni. La parola al centro dunque con Internet, la radio, e la piazza. Il simbolo i megafoni arancioni di carta in rottura agli stereotipi di genere come il colore rosa.

avvenire

Be Sociable, Share!
0

Editoria: “Y Bibbia”, arriva la Sacra scrittura per i giovani, con una premessa di Papa Francesco. “Un libro che brucia come il fuoco”

“Dopo Youcat, il Catechismo della Chiesa cattolica spiegato ai giovani, e Docat, la dottrina sociale della Chiesa per i giovani, ecco la Bibbia Youcat”. L’iniziativa dell’editrice San Paolo si intitola “Y Bibbia”, Bibbia dei giovani, con una premessa di Papa Francesco e il nuovo testo Cei. “Colorata, illustrata, graficamente curata, ricca di testimonianze di santi e di giovani che si sono confrontati con la lettura della Parola di Dio, vuole essere la Bibbia di riferimento di tutti i giovani”, spiega l’editrice. Come dice Papa Francesco nella premessa, “la Bibbia è il libro attraverso cui Dio parla”, quindi è “un libro che brucia come il fuoco… non esiste per essere messa sullo scaffale, ma per essere presa in mano, per leggerla spesso, ogni giorno, da soli o in compagnia”. Biblisti di fama hanno realizzato, insieme a un gruppo di ragazzi, questa Bibbia in cui vengono offerti consigli su come leggere la Sacra Scrittura, “comprendere – secondo San Paolo – i brani più difficili con l’aiuto delle scienze bibliche, confrontarsi con l’esperienza di santi che hanno interpretato la Bibbia con la loro vita, leggere le testimonianze di quanti hanno donato la propria vita per la verità della fede”. Inoltre, le testimonianze di tanti giovani “che mostrano come la Parola di Dio li ha toccati e cambiato la loro vita”.

sir

Be Sociable, Share!
0

Ti ho disegnato sul palmo della mia mano. Formazione catechisti educatori

Per il terzo anno l’Ufficio catechistico e il Servizio per la pastorale giovanile propongono a catechisti ed educatori un breve percorso di formazione metodologica.

Per “formazione metodologica” intendiamo quell’attitudine pratica e relazione – anche indicata come saper fare – indispensabile per chi accompagna nella fede i bambini e i ragazzi. Essa va affiancata con l’approfondimento dei contenuti della fede – il sapere –nei percorsi che la Scuola Teologica Diocesana e le Scuole di Formazione Teologica “nel territorio efficacemente offrono” e con la formazione spirituale – l’essere- da coltivare anzitutto nella partecipazione alla vita della comunità cristiana e nella cura per il proprio cammino di fede.

Confermiamo la scelta di convocare insieme sia chi si occupa di iniziazione cristiana, sia chi si occupa di pastorale giovanile. Lavoriamo, infatti, a partire dal cammino di vita dei ragazzi, che procede  – più che secondo le celebrazioni sacramentali – secondo tappe legate alla crescita evolutiva.

I momenti di laboratorio prevedono tre modalità diverse per le tre fasce d’età: 7-11, elementari; 11-14, medie; 14-18 superiori.

La dislocazione geografica nel territorio e cronologica nel calendario vogliono facilitare la partecipazione di tutti e favorire l’incontro tra operatori di parrocchie vicine. Ciascuno può partecipare, iscrivendosi, nella sede che risponde meglio alle proprie esigenze.

 

Modalità del percorso

 

Il percorso si sviluppa in 4 tappe, pensate in modo specifico nelle diverse sedi: una tappa per serata in quattro appuntamenti oppure due tappe per pomeriggio in due appuntamenti

 

Terzo anno

IL SIMBOLO APRE ALLA VITA

«Dio nessuno l’ha mai visto» – così sentenzia in apertura il Vangelo di Giovanni (1,18) – ma «il Figlio unigenito ce lo ha rivelato». L’esperienza cristiana è essenzialmente simbolica: essa entra in contatto con il mistero di Dio –invisibile – attraverso i “segni” – visibili – della sua presenza e azione. Il Simbolo più importante che rivela il Padre è il Figlio, Gesù, che dona la vita per salvare l’umanità. Il simbolo coinvolge l’integrità della persona, apre sentieri esistenziali, attrae nella libertà, vive della gratuità dei dettagli. È questa sapienza simbolica che sta alla base delle azioni cristiane, liturgiche e pedagogiche. Riscopriamo con fiducia il valore del gesto rituale, nella sua capacità di “mettere in gioco” chi lo compie e di accogliere tutti secondo una gradualità di partecipazione.

  1. Indagine nella simbolica della vita di ogni giorno
  2. Esplorando i simboli rituali della tradizione cristiana

III. L’arte del celebrare della comunità ecclesiale

  1. Educare a uno sguardo simbolico: progettiamo insieme

In allegato è possibile consultare il flyer con illustrato il calendario di ogni singola scuola.

L’iscrizione è da farsi attraverso il seguente link entro i termini riportati sul flyer

https://goo.gl/XPVbVf

per qualsiasi informazione è possibile rivolgersi alla segreteria (0522515953 oppure antonella.tosi@pastoralegiovani.re.it)

fonte: http://www.pastoralegiovani.re.it/?action=goid&id=2&artid=719

 

Be Sociable, Share!
0

I giovani, maestri dell’“et et”

Celebriamo la Veglia, che non è breve, con le sette letture in versione integrale e i salmi cantati. Alla fine, ci si ritrova tutti a mangiare una colomba e un uovo di cioccolato. Ben oltre la mezzanotte le due ragazze si avvicinano per salutarmi: «Noi ci fermiamo solo un attimo, perché abbiamo una festa…».

Quattro pensieri

Primo pensiero: «Una festa? A quest’ora?! Dopo la Veglia di Pasqua?!».

Secondo pensiero: «E perché no?!».

Terzo pensiero: «Hanno celebrato la festa con la comunità cristiana. Cosa dovrebbero fare di più? Dovrebbero andare a casa a mantenere il clima spirituale?!».

Quarto pensiero: «Proprio ieri sera, Venerdì Santo, moltissima gente della mia parrocchia è venuta alla Commemorazione della passione di Gesù, e poi è andata a vedere il derby cestistico cittadino…».

Lo confesso: il derby il Venerdì Santo è una condizione limite. Il giovane parroco, che ha la chiesa affianco al Palazzo dello Sport, aveva qualche riserva e non ha ceduto alla tentazione. Ma il resto… perché no?!

Retaggi

In un baleno divento consapevole dei retaggi della mia formazione: alcune cose, solo ad immaginarle, non eri un buon cristiano. E se eri un giovane e volevi essere cristiano, quasi quasi dovevi guardarli un po’ dall’alto in basso quelli che si divertivano veramente… E se proprio volevi essere “moderno” e “vivo”, al massimo pensavi di fare “balotta” (= festa in allegria, nello slang) in parrocchia.

In un baleno, mi si apre anche il cuore: ma che belli questi giovani, che non rinunciano alla Veglia Pasquale, e poi raggiungono i loro coetanei per divertirsi. E magari si trovano a rispondere alla domanda: «Come mai sei arrivato solo ora? Dov’eri?» – «Ero in chiesa, alla Veglia di Pasqua!». E fanno in un secondo quella nuova evangelizzazione riguardo alla quale noi (Chiesa istituzionale) sappiamo solo riempire dei documenti.

Riconosco in questi miei retaggi una tentazione a cui gli operatori pastorali spesso non sanno resistere: quella di fare proposte valide, ma in opposizione alla vita concreta dei giovani. Un esempio lo riscontro nella recenteMarcia della pace che si è celebrata nella mia città: la sera del 31 dicembre 2016, occupando dal primo pomeriggio alla sera inoltrata. Era una bellissima iniziativa, e sappiamo che la chiesa celebra la Giornata mondiale della pace il primo gennaio. Ma mi chiedo: c’era proprio bisogno di porre un mare di giovani, appassionati della causa della pace, di fronte alla scelta se festeggiare l’ultimo dell’anno insieme agli amici, magari in cose organizzate da tempo, o partecipare all’evento? Avrebbe davvero perso così tanto di significato farla, ad esempio, il 6 gennaio?! Alla marcia, per nota di cronaca, c’era molta meno gente di quanta avrebbe potuto essercene.

L’uno e l’altro

Si potrebbe definire una regola: l’uno e l’altro, ossia del non creare opposizioni. Un conto è un sano atteggiamento penitenziale il Venerdì Santo, o nei momenti giusti. Un conto è l’arte del discernimento che ci educa – dentro percorsi e sapientemente – alla radicalità della fede. Un conto sono i retaggi.

Allora penso a quel meraviglioso principio della dottrina cristiana dell’et et che regge i migliori dogmi che ci siamo dati, da quello cristologico: «vero Dio e vero uomo», a quello sacramentale: «natura e grazia», fino alle dimensioni pratiche: «misericordia e giustizia».

Ricordo quando ai ritiri spirituali o ai campi estivi non potevi portare la musica… Oggi non c’è minuto della vita di un giovane che non sia accompagnato da una qualche canzone. Ci viene la tentazione di pensare che così siano dispersivi, che non tengano il raccoglimento, appunto… ma è tutto diverso. Magari stanno operando una nuova sintesi e nuovi processi interiori. Sequeri ha scritto che «la musica è il luogo di vero discorso per l’intelligenza degli affetti». Loro elaborano qualcosa di cui i grandi sono analfabeti, e lo fanno da maestri dell’et et, laddove noi, ancora, culliamo nostalgie per l’out out, in nome di una presunta radicalità che non convince.

Quale nuova radicalità, invece, si può trovare in questa capacità di abitare spazi e attraversare mondi diversi? Con una certa naturalezza, loro – i giovani – rendono testimoniale la forma di vita ordinaria del cristianesimo, senza farla percepire importuna e inopportuna, ma anzi con un tratto di amicizia che porta il vangelo in quelle famose periferie dell’umano che, altrimenti, raggiungiamo solo nei nostri proclami pastorali.

Non è questo un modo di vivere l’incarnazione? Un vero segno dei tempi.

settimananews

Be Sociable, Share!
Tags:
0

Nuovo e novità nella Chiesa

bis

«Se nella società o nella comunità cristiana vogliamo far succedere qualcosa di nuovo, dobbiamo lasciare spazio perché persone nuove possano agire» dice il documento del Sinodo. Che ne pensa un gruppo di giovani?

Come spesso capita tra i giovani, una volta rotto il ghiaccio e superati i primi imbarazzi, forte è risultato essere il desiderio di trasformare il precedente confronto ‘virtuale’ in un incontro ‘fisico’. Perciò questa volta ci siamo incontrati dal vivo con Marta, Michelangelo (Franchini), Giulio (Bianco), Daniele (De Prosperis), Alessandra, Alice (Orrù), Beatrice, Ambra e Simone (Musitano) per discutere sul tema del nuovo e della novità possibili nella Chiesa dei nostri giorni. Ecco cosa ne è uscito fuori…

SERGIO VENTURA: «Ti sembra che il mondo e la Chiesa di oggi diano ai giovani uno spazio in cui possano proporre ciò di cui sono capaci, in modo originale anche se provocatorio?»

MICHELANGELO: «Direi di no. Pur non frequentando le sinagoghe, ho costantemente a che fare con l’ebraismo, le sue domande e le sue afflizioni, la sua capacità di fare dei dogmi materia letteraria. Non vedo nulla di simile per il mondo cattolico, che mi sembra confinato nello spazio della chiesa, intesa anche in senso fisico. Mi sembra che in questo periodo storico il cattolicesimo fatichi a costruire un sistema di valori che, accettato o avversato, possa mantenere la propria validità anche a prescindere dalle istituzioni che lo sorreggono».
Concorda
BEATRICE: «La Chiesa che ho conosciuto io dava pochissimo spazio alle provocazioni originali e al libero pensiero, mentre il mondo era vasto e variegato e con maggiori opportunità».
D’altronde, afferma
DANIELE: «la Chiesa oggi offre luoghi di aggregazione soprattutto nei movimenti ecclesiali che, però, si propongono con facili entusiasmi come latori della ‘gioia della Fede’, come rappresentanti della novità e della giovinezza ecclesiale, rivelandosi poi invece come luoghi in cui l’esperienza di Fede si riduce spesso al sentimentalismo, con approcci sostanzialmente conservatori e saldamente ancorati alla dottrina più ferrea: giovani sì, ma più realisti del re. La crescita spirituale è talmente vincolata al ‘cameratismo’ interno al movimento da soffocare l’esperienza individuale. Anzi l’ultraortodossia di questi movimenti, giocata più sulla devozione che sulla provocazione della Fede, spesso esclude qualsiasi messa in questione della Fede stessa».

Di diverso avviso GIULIO: «In Italia politicamente c’è una retorica giovanilista, ma de facto le strutture del sapere e del potere sono per lo più fossilizzate e chiuse. Gran parte del resto del mondo, invece, è ‘giovane’ e, almeno anagraficamente, non si pone questo problema. La Chiesa di Papa Francesco, proveniente non a caso da questa parte del mondo, sembra dotata di buona volontà di rinnovamento, ma anch’essa appare incrostata da tradizioni che non sa selettivamente abolire. Forse per incapacità, forse perché non vuole commettere errori dovuti ad un eccesso di ‘modernismo’, non sa davvero cosa mantenere e cosa scartare. Per quanto mi riguarda, sarebbe utile potenziare e promuovere le associazioni di volontariato. Come i primi pagani, i giovani post-cristiani non credono alle belle parole ma ai fatti. L’occasione di fare qualcosa di buono è cercata da più ragazzi di quanto non si creda. Noi giovani siamo pieni di energie da sfogare. Siamo una forza da valorizzare. Consiglio a tutti una settimana o due o più in Sicilia nei campi antimafia di Libera – il periodo più felice della mia vita! Don Ciotti è un esempio luminoso del bene della Chiesa e il suo operato è davvero troppo trascurato dalla subcultura di massa».
AMBRA: «Anch’io trovo che il Papa sia una figura innovativa molto positiva, piena di gioia di vivere e pronta ad infondere speranza; tuttavia non mi piacciono molti settori della Chiesa che sono ancorati al passato e lo difendono con le unghie e con i denti – soprattutto quelli che mascherano il passato da novità. C’è sicuramente bisogno di persone nuove che apportino novità concrete in tutte quelle realtà dove non arriva nessuno, dove è necessario pensare fuori dagli usuali schemi».
Concorda con entrambi SIMONE: «Nonostante sia ancora difficile per le generazioni giovanili trovare spazi che affaccino su un pubblico eterogeneo, senza che quest’ultimo muova critiche o condanne e ponga ostacoli dovuti ad incomprensioni, il cambio degli orizzonti culturali è stato talmente potente che perfino in campo religioso si cercano nuove risorse, quasi che crei disagio non adeguarsi ai tempi. Il senso religioso è drasticamente cambiato, e anche il criterio con cui si accoglie il prossimo, chiunque esso sia, sta voltando pagina. Quelli che si muovono in tal senso creano un fermento che sembrerebbe far ben sperare».

In conclusione, suggerisce ALESSANDRA: «Da parte di alcuni adulti esiste davvero il desiderio di aprirsi ai giovani, ma spesso in entrambe le generazioni c’è paura di cambiare: si dà spazio ai giovani, ma all’interno di forme già costituite, oppure sono i giovani stessi che pensando di esprimersi in modo originale diventano i più forti sostenitori degli schemi. Servirebbe più coraggio da parte di tutti».

 

SERGIO VENTURA: «”Se nella società o nella comunità cristiana vogliamo far succedere qualcosa di nuovo, dobbiamo lasciare spazio perché persone nuove possano agire”. Mi commenti questa frase? È realistica?»

MICHELANGELO: «Non vedo nessun valore nella novità in sé. Le persone si formano attraverso i paradigmi culturali preesistenti ed eventualmente possono innovarli. Ogni classico proviene dall’albero genealogico della grande letteratura che l’ha preceduto. Ogni sistema nasce come evoluzione o contestazione del precedente. Per far accadere cose nuove non si può fare altro che produrre novità operando noi stessi, qui, ora. Confidare nei giovani e nella novità significa attendere invece di agire».
In
guardia da ogni forma di ‘giovanilismo’ ci mette anche DANIELE: « ‘Giovane è meglio’ non è che un luogo comune! La Chiesa ha bisogno di mettersi in questione radicalmente, operazione a cui paradossalmente possono giovare più gli anziani che i giovani. La Chiesa dovrebbe riscoprire le voci più anziane che hanno vissuto gli scenari teologici del dopo Concilio. Le persone nuove nella Chiesa dovranno essere prima educate nella vivacità culturale della Teologia del Novecento e solo poi potranno portare avanti il rinnovamento della Chiesa. D’altronde, come dicevo prima, l’entusiasmo giovanile nei movimenti ecclesiali è quasi sempre ancorato fedelmente alla tradizione: il momento dei Millenials cattolici è ancora da venire». Concorda BEATRICE: «Sì, non bastano ‘new entry’. Nella chiesa serve più spazio per tutti, vecchi e nuovi. In realtà, bisognerebbe dare alle persone gli strumenti per cambiare, diventare loro stessi qualcosa di nuovo, in modo da dare nuovi contributi alla comunità. Pensare fuori degli schemi, da più punti di vista e a diversi livelli: questo può arricchire!»

Più positiva la visione di ALICE: «Sì, il termine novus non aveva in latino un significato sempre positivo, anzi, basti pensare all’homo novus. La novità è portatrice di instabilità, di dissoluzione interna, spesso causata da qualcosa che prorompe repentinamente e scardina il quadro preesistente. A ciò è legato il timore, che prende il sopravvento in assenza della ragione. Ma se è vero che i sentimenti devono rimanere sotto l’egida della ragione, anche la ragione deve dar scampo a una ‘spanna’ di rischio per spianare la strada a un avanzamento, a un progresso. Perciò il nuovo arriva sempre dapprima senza mezze misure, con una commistione di gioia e dolore: la sofferenza nello sforzo del cambiamento, insieme al benessere di cui esso sarà portatore. E solo in seguito, se non è semplice camuffamento del vecchio, si stabilizza nello stato di calme plat, nel giusto mezzo».
Concorda SIMONE: «Non credo si tratti di progressismo o di guardare avanti, ma di capire quanto radicalmente le generazioni attuali siano diverse ed esprimano un senso nuovo della vita. Si tratta di leggere bene la nostra storia, comprendere che la crisi che stiamo vivendo è soprattutto culturale, che c’è una crisi di valori, ma che essa non include un’assenza totale degli stessi, e che si può risolverla non osteggiando il suo cammino ma accogliendolo».
Sullo stesso piano si pone MARTA: «Credo che le nuove generazioni abbiano molto da dire perché ormai (quasi) tutti hanno gli strumenti necessari per poter avere un’opinione consapevole rispetto a tanti temi, anche quelli più dolenti e delicati. Penso al matrimonio, alle unioni civili, al modo di essere medico, al modo di essere cittadino, giornalista, professore. Certo, però, che la novità può nascere solo dal confronto e dalla condivisione dei punti di vista – la qual cosa è sempre la più difficile da ottenere. A tal proposito, quel che mi provoca dispiacere è che spesso, presi dalla frenesia degli esami o degli impegni lavorativi, ci perdiamo occasioni di scambio che potrebbero soltanto rendere più facili e leggeri quegli esami o lavori su cui investiamo tanto tempo ed energie!».
ALESSANDRA: «In ogni caso credo che ci sia bisogno di chi è stato a lungo ‘sul campo’ e ha affrontato varie situazioni sperimentandone le conseguenze, insieme a persone nuove che sappiano guardare il mondo che cambia con altri occhi e che abbiano nuove idee ed energia da spendere. Più che una ‘sostituzione’, quindi si dovrebbe costruire un dialogo continuo e profondo. Se sia realistico o realizzabile credo dipenda solo dalla volontà di realizzarlo o meno».

Interessante la proposta di GIULIO: «Servirebbero, però, forme più immediate, ‘disintermediate’. I blog vanno bene, ma bisognerebbe poter tenere i commenti dei commentatori assieme al loro profilo, nonché introdurre una meccanica reputazionale (analoga a quella di Reddit), sia per affezionare i commentatori, sia per creare una continuità temporale a commenti che altrimenti finirebbero per sparire. Sarebbe interessante infatti creare un gruppo di studio che segua i commenti più apprezzati…».

 

SERGIO VENTURA: «Ma allora cosa vorrebbe dire nel mondo e nella Chiesa di oggi dare spazio alla creatività e ai talenti dei giovani?»

MICHELANGELO: «Non credo che stia alla Chiesa dare spazio ai giovani, quanto ai giovani ricavarselo. Sono un difensore delle torri d’avorio. Abbandonarle vorrebbe dire per la Chiesa accettare e incoraggiare la secolarizzazione, interiorizzare il declino e diventare l’immagine sbiadita di ciò che era un tempo. Cosa che, a essere sincero, mi sembra sia già accaduta, specie con il passaggio da Ratzinger, un colto teologo che per quanto impopolare forse poteva favorire la (ri)nascita di una cultura cattolica, a un personaggio mediaticamente più presente ma incapace di comunicare del messaggio biblico la profondità che ne ha tradizionalmente costituito la ricchezza storico-letteraria». DANIELE: «Ma ciò vorrebbe dire educare i giovani alla Teologia, il cui ruolo, invece, data la loro vitalità e la loro forza, è sempre relegato a qualcosa di pratico. Assistenza, animazione e carità sono dimensioni vitali della Chiesa, e sono gli unici luoghi in cui troviamo i giovani. Quel che manca però nell’esperienza ecclesiale dei giovani è la formazione teologica, con la conseguenza che essi sono lasciati ad un’educazione cristiana banale, devozionale e sentimentale, costruita su opuscoletti di dubbio valore, mediante una catechesi arida e tradizionalista ed un moralismo bigotto. La più grande ricchezza della Chiesa è invece la Teologia, un deposito di due millenni di riflessione razionale sulla Fede che i giovani non conoscono e non considerano necessaria, imbottiti come sono dal catechismo di età scolare e dalla morale del – Fa il buono altrimenti Gesù piange – ».

In tal senso va la speranza di GIULIO: «Forse la Chiesa potrebbe, tramite opere di neo-mecenatismo, sostenere la cultura. Collegi di arti e filosofia, ovvero gruppi di lavoro nelle parrocchie, potrebbero dare ai giovani laici l’occasione per portare nuova linfa vitale alla nostra vita intellettuale, in un momento in cui essa sta vivendo tempi più duri del solito. Basterebbe un’opera di pubblicizzazione tramite la macchina informativa ecclesiastica per dare ai giovani l’opportunità di apparire in pubblico e di proporre idee nuove. Una rivista virtuale di arte, idee e commenti sugli accadimenti che, accorpando una miriade di progetti tramite una semplice pagina di raccordo, ottenga facilmente una comunità virtuale rilevante».
BEATRICE: «Sì, ma per realizzare questa possibilità bisognerebbe investire soldi, predisporre luoghi ed avere tempo libero da dedicare ai propri talenti. Se si volesse dare una mano in questo senso bisognerebbe partire dalle scuole, dall’insegnamento e dai finanziamenti pubblici».
SIMONE: «In tal modo, inoltre, si potrebbero riattualizzare concetti e idee che hanno un potenziale di fruibilità infinito, così da far sentire riconosciuta e identificata la società che si sta descrivendo. Se i giovani sono la società contemporanea, allora in questo modo i nuovi valori acquisiranno maggior dignità, senza essere appiattiti e lasciati nel ‘sottoterra’ culturale».

Fondamentale, però, conclude ALESSANDRA, «fare in modo che questi momenti non fossero isolati o di ‘sola consultazione’: il contributo dei giovani dovrebbe essere considerato della stessa importanza di quello degli adulti».

SERGIO VENTURA: «Credi di poter dire, dare e insegnare qualcosa agli adulti, oggi?»

BEATRICE: «Sì, cerco di farlo sempre. Lo faccio per lavoro come guida turistica, lo faccio come amica quando le persone che amo mi chiedono consigli e supporto, lo faccio nella pratica dell’arte, soprattutto con la musica». Concorda MARTA: «Tutti quanti possiamo. Mi rendo conto che la nostra generazione rappresenta essa stessa una vera e propria novità rispetto a tutte le precedenti. Sembra essersi creata una soluzione di continuità rispetto al passato e penso che questo sia già di per sé un terreno fertile per arricchire gli adulti. Ecco, credo che forse sia questo che possiamo dare agli adulti: l’entusiasmo di accogliere le novità e farle nostre, farci un’idea il più possibile esente da pregiudizi sulle cose, perché siamo nati e cresciuti in un’epoca in cui la novità è all’ordine del giorno ed aggiornarsi è fondamentale per stare al passo con i tempi».

Più critico MICHELANGELO: «Cerco di apprendere, più che di insegnare. Scrivo per apprendere, cercando di sondare l’inesprimibile, al di là di ogni nozione, al di là di ogni aforisma ben confezionato. Tutto quello che faccio ruota attorno a una ricerca esistenziale che non posso e non voglio accantonare in virtù di un pacato conformismo. Non intendo insegnare nulla, non intendo dare, a questo mondo e a chiunque, null’altro che me stesso, qualunque cosa sia».

Sulla stessa lunghezza d’onda GIULIO: «In questo momento no. Se dovessi poter dire qualcosa in questi tempi di confusione a angoscia, ripeterei l’adagio di Vittorio Arrigoni di restare umani. Questa è l’unica frase che sento adatta a questo momento storico: – stay human! – ».

Perplesso è anche DANIELE: «Io non credo di dover insegnare niente a nessuno. Sono uno studente e come studente so di avere davanti molti anni di studio prima di poter insegnare. L’unico consiglio che mi sento di poter dare alle realtà ecclesiali che conosco è quello già dato: la Teologia. Oggi siamo cristiani, ma non sappiamo cosa il Cristianesimo sia, ne abbiamo una versione ridotta e non approfondita. La grande sfida odierna del Cristianesimo è quella di insegnare “l’esser cristiani” alla generazione seguente. Il luogo di questa trasmissione non sarà più l’oratorio o il catechismo, né tutte le iniziative di carità pratica (anche se buonissime e necessarie), ma la Teologia. Agli adulti di oggi, quindi, non posso che consigliare questo cambio di rotta: darsi e dare alla comunità una formazione teologica che nei secoli è venuta meno ed è stata relegata nelle Facoltà Pontificie, impedendo di comprendere tutta la problematicità del Cristianesimo».

Conclude, infondendoci coraggio, ALESSANDRA: «Anch’io non so se personalmente ho qualcosa da insegnare ad altri, giovani o adulti che siano, però ho una grande voglia di mettermi in gioco e che sicuramente posso donare quello che sono e quello che so fare. Vorrei dire, però, a chi non ci crede più o a chi ha smesso di crederci, che un mondo migliore si può costruire, mettendoci più ottimismo e più fiducia».

vinonuovo.it

Be Sociable, Share!
Tags: ,
0

Te Deum. Papa Francesco: ridare speranza ai giovani, non emarginarli

Impegnarsi affinché i giovani siano protagonisti attivi della nostra società, affinché abbiano lavori dignitosi. E’ l’esortazione levata da Papa Francesco alla celebrazione dei Primi Vespri e del Te Deum nella Basilica Petrina, nell’ultimo giorno dell’anno 2016, alla vigilia della Solennità di Maria Santissima Madre di Dio. Dal Papa anche l’esortazione a superare le logiche che portano ad escludere il prossimo. Al termine della celebrazione, il Papa ha salutato brevemente il sindaco di Roma, Virginia Raggi, presente in Basilica. Quindi, accolto da tantissimi fedeli festanti, Francesco si è recato in visita al presepe in Piazza San Pietro, dinnanzi al quale si è raccolto per alcuni istanti in preghiera.

Sostare davanti al presepe per fare memoria di un anno che si è concluso e ringraziare il Signore per quello che ci ha donato. Nell’ultimo giorno del 2016, Francesco ricorda innanzitutto che, in Cristo, Dio “non si è mascherato da uomo” ma ha davvero condiviso “in tutto la nostra condizione”. Il presepe, ha affermato nella sua omelia per i Primi Vespri della Solennità di Maria Madre di Dio, “ci invita a fare nostra la logica divina”: una logica che rifiuta il privilegio, le concessioni e i favoritismi. E’ una logica, prosegue, che si basa sull’incontro, la vicinanza e la prossimità.

No alla logica dei privilegi che escludono il prossimo
Certo, ha riconosciuto il Papa, “da varie parti siamo tentati di vivere in questa logica del privilegio che ci separa-separando, che ci esclude-escludendo, che ci rinchiude-rinchiudendo i sogni e la vita di tanti nostri fratelli”:

“Oggi, davanti al bambino Gesù, vogliamo ammettere di avere bisogno che il Signore ci illumini, perché non sono poche le volte in cui sembriamo miopi o rimaniamo prigionieri di un atteggiamento marcatamente integrazionista di chi vuole per forza far entrare gli altri nei propri schemi”.

Evitare protagonismi e lotte per apparire
“Sostiamo davanti al presepe – ha ripreso – per contemplare come Dio si è fatto presente durante tutto questo anno e così ricordarci che ogni tempo, ogni momento è portatore di grazia e di benedizione”. Il presepe, ha ribadito, “ci sfida a non dare nulla e nessuno per perduto”:

“Guardare il presepe significa trovare la forza di prendere il nostro posto nella storia senza lamentarci e amareggiarci, senza chiuderci o evadere, senza cercare scorciatoie che ci privilegino. Guardare il presepe implica sapere che il tempo che ci attende richiede iniziative piene di audacia e di speranza, come pure di rinunciare a vani protagonismi o a lotte interminabili per apparire”.

Società ha privilegiato le speculazioni al futuro dei giovani
Francesco ha, quindi, rivolto il pensiero ai giovani, osservando che “non si può parlare di futuro” senza “assumere la responsabilità” che abbiamo verso le nuove generazioni. Più che responsabilità, ha precisato, “la parola giusta è debito”, un “debito” con i giovani che ci spinge a “pensare a come ci stiamo interessando al posto” che “hanno nella nostra società”:

“Abbiamo creato una cultura che, da una parte, idolatra la giovinezza cercando di renderla eterna, ma, paradossalmente, abbiamo condannato i nostri giovani a non avere uno spazio di reale inserimento, perché lentamente li abbiamo emarginati dalla vita pubblica obbligandoli a emigrare o a mendicare occupazioni che non esistono o che non permettono loro di proiettarsi in un domani. Abbiamo privilegiato la speculazione invece di lavori dignitosi e genuini che permettano loro di essere protagonisti attivi nella vita della nostra società”.

Non priviamo i giovani di un lavoro dignitoso, puntiamo sul loro futuro
“Ci aspettiamo da loro ed esigiamo che siano fermento di futuro – ha detto ancora – ma li discriminiamo e li ‘condanniamo’ a bussare a porte che per lo più rimangono chiuse”. Ha così esortato ad “aiutare i nostri giovani a ritrovare, qui nella loro terra, nella loro patria, orizzonti concreti di un futuro da costruire”:

“Non priviamoci della forza delle loro mani, delle loro menti, delle loro capacità di profetizzare i sogni dei loro anziani (cfr Gl 3,1). Se vogliamo puntare a un futuro che sia degno di loro, potremo raggiungerlo solo scommettendo su una vera inclusione: quella che dà il lavoro dignitoso, libero, creativo, partecipativo e solidale (cfr Discorso in occasione del conferimento del Premio Carlo Magno, 6 maggio 2016)”.

“Guardare il presepe – ha concluso Francesco – ci sfida ad aiutare i nostri giovani perché non si lascino disilludere davanti alle nostre immaturità, e stimolarli affinché siano capaci di sognare e di lottare per i loro sogni”.

radio vaticana

Be Sociable, Share!
0

IL PAPA E I GIOVANI Da Cracovia al Sinodo: il futuro della Chiesa passa da qui

Sarà dedicato ai giovani il prossimo Sinodo convocato da Papa Francesco. Da Cracovia al 2018, la Chiesa scommette su di loro: vuole accompagnarli facendo da “bussola”, ma anche imparare da loro, quando scendono in campo da titolari e non da riserve. Nel 2017 i “Lineamenta”  e un Questionario per consultare la “base” e sfatare pregiudizi, letture superficiali e banalizzanti.

Il parco Blonia, zuppo di pioggia così come i suoi abitanti per una notte. “Io vi domando, voi rispondete: le cose si possono cambiare?”, chiede Papa Francesco. La risposta non si fa certo attendere, e suona in tante lingue quanti sono i Paesi da cui viene la “ola”: “Sì”. “La Chiesa oggi vi guarda, il mondo oggi vi guarda e vuole imparare da voi”. Nessuno sa se nella mente del Papa c’era già il Sinodo dei giovani: ma di certo, a Cracovia, l’estate scorsa abbiamo assistito ad un’anteprima d’eccezione, che in qualche modo ne ha già tracciato il percorso.

Dopo il Sinodo in due tempi dedicato alla famiglia, un’altra “prima assoluta” di Francesco, il 2018 sarà l’anno in cui la Chiesa universale è chiamata a raccolta per i giovani. E la preparazione comincia già con il 2017 che stiamo per inaugurare, con il documento preparatorio – i “Lineamenta” – che sarà inviato a tutti gli episcopati del mondo, unitamente ad un Questionario – come è stato fatto per la famiglia in occasione del Sinodo precedente – per consultare la “base” in forma diretta e avere da diocesi, parrocchie, associazioni e movimenti un identikit di coloro a cui appartiene il futuro della comunità ecclesiale e della stessa famiglia.

“I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, sarà il tema del secondo Sinodo dei giovani convocato da Papa Francesco in quattro anni di pontificato. Quando, a ottobre 2016, il Papa ha dato l’annuncio del tema scelto per il Sinodo del 2018, lo ha definito “in continuità” con quanto emerso dalle Assemblee sinodali sulla famiglia (2014 e 2015) e con l’esortazione post-sinodale “Amoris Laetitia”. L’obiettivo è chiaro:

“Accompagnare i giovani nel loro cammino esistenziale verso la maturità affinché, attraverso un processo di discernimento, possano scoprire il loro progetto di vita e realizzarlo con gioia, aprendosi all’incontro con Dio e con gli uomini e partecipando attivamente all’edificazione della chiesa e della società”.

Il questionario sarà certo di grande aiuto per fotografare l’esistente, con gli accenti e le sfumature diverse, a volte anche nette e perentorie, tra i vari Continenti, e all’interno di essi tra le Chiese di antica tradizione – quelle forse più a corto d’ossigeno in quanto alle percentuali di partecipazione attiva, in prima fila la “vecchia” Europa – e quelle che possono vantare una maggiore vitalità e freschezza di testimonianza della fascia “under 35”, come nel caso di Asia e Africa.

Ma i giovani, si sa, sono allergici alle percentuali e vivono di eccezioni: così, il Sinodo del 2018 potrà forse essere l’occasione per sfatare alcuni pregiudizi e magari dare maggiore titolarità al “popolo giovane” della Chiesa, quello che risente di più di alcune sue letture superficiali e banalizzanti da parte della galassia dei – cosiddetti – adulti.

Papa Francesco è un maestro in questa “cultura dell’incontro”: anche all’interno di folle oceaniche come quelle della Gmg di Cracovia è capace di guardare ciascuno dritto negli occhi. Come ha fatto con gli affacci a sorpresa dalla finestra dall’arcivescovado di Via Franciszkanka, la stessa da cui si affacciava Giovanni Paolo II. Nel primo ha ricordato Maciek, un giovane volontario che doveva essere lì ma non ce l’ha fatta perché stroncato a 20 anni da un tumore. Il Papa lo ha chiamato per nome e ha chiesto ai giovani, per un momento, di alzare lo sguardo e di non aver paura di guardare la vita, ma non dal balcone o dal divano del salotto: la vita è così, un giorno ci siamo e l’altro chissà. Perché la vita passa da qui, più che dagli schermi asettici di uno smartphone, e ha bisogno di “giovani con le scarpe” che lascino un’impronta, che sappiano giocare in campo da titolari e non da riserve.

I sogni e il realismo cristiano. E’ questo il binomio più amato dal Papa per descrivere l’universo giovanile, ai quali non fa mai sconti e chiede di declinare in senso alto la speranza cristiana, che non è mai utopica ma si nutre della concretezza della vita. I giovani sono il futuro, sono i sognatori per eccellenza, ma spesso hanno bisogno di una “bussola” per decifrare lo spessore delle loro situazioni esistenziali , misurare le difficoltà, addomesticare i desideri, tenere a bada le paure e pesare le aspettative.

Il prossimo Sinodo, insomma, potrebbe essere l’occasione per dimostrare che i giovani non sono una categoria, ma una fascia di età, fatta di volte e storie diverse, in cui c’è tutta la ricchezza della vita, con le sue gioie, le sue fatiche e le sue contraddizioni.

La Chiesa è pronta ad accompagnarli, ma anche a imparare da loro. A partire dal suo – e dal loro – “padre”, che in più occasioni ha esortato i pastori a “stare dietro”, oltre che davanti e in mezzo, alla gente. Ai giovani il ruolo di apripista, magari anche con diritto di parola all’appuntamento del 2018.

sir

Be Sociable, Share!
0

In Benin il pellegrinaggio tradizionale dei giovani Taizé

“Insieme, ricercare le vie della speranza” è il tema del tradizionale “Pellegrinaggio di fiducia sulla terra” animato dalla comunità di Taizé in programma a Cotonou, in Benin, dal 31 agosto al 4 settembre prossimi. L’evento – spiega L’Osservatore Romano – è dedicato a migliaia di giovani dell’Africa occidentale e prevede la partecipazione di Frère Alois, priore della comunità ecumenica.

Ricercare percorsi di solidarietà
Le principali finalità del raduno – spiegano gli organizzatori – saranno quelle di celebrare Cristo, quale “sorgente di pace e di comunione” e “sperimentare la Chiesa come fermento di unità nella famiglia umana” nella comune “ricerca di percorsi di solidarietà”. “Questo incontro – aggiungono – ha lo scopo di sostenere i giovani nella loro ricerca spirituale. È un incoraggiamento ad approfondire la fiducia in Dio, in se stessi e negli altri”. Si tratta, in sostanza, di un invito “a essere attenti ai segni di speranza intorno a sé e ad assumersi la responsabilità di diventare lievito di pace e di fiducia nella Chiesa e nella società”.

I giovani ospitati nelle parrocchie
Ma il pellegrinaggio offrirà anche un’occasione per condividere attraverso i consueti canoni della comunità – la preghiera, il canto, il silenzio, le testimonianze – l’esperienza di fede con persone di altre culture e scoprire la vita dei cristiani di Cotonou. Il programma giornaliero prevede un tempo di preghiera comune, al mattino nelle parrocchie e nel pomeriggio in un unico luogo centrale. L’ospitalità sarà un aspetto essenziale: i partecipanti, infatti, verranno accolti dalle parrocchie e dalle comunità locali. (I.P.)

radio vaticana

Be Sociable, Share!
0

Meeting di Rimini: al via venerdì con 106 incontri e 271 relatori. Dirette su Youtube

Sono 106 gli incontri proposti dalla 37^ edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli (“Tu sei un bene per me”, 19 – 25 agosto, Rimini Fiera), 18 le esposizioni, 14 gli spettacoli, 22 le manifestazioni sportive. Sono 271 i relatori che interverranno agli incontri. Questi alcuni numeri della kermesse che si svolgerà, come di consueto, negli ampi spazi di Rimini Fiera: 130mila metri quadrati. Fuori dal grande contenitore fieristico verranno proposti due spettacoli al Teatro Novelli di Rimini e alcune manifestazioni sportive. “Inaugureremo, nel padiglione A3, un’area interamente dedicata ai temi del lavoro e della formazione – spiega il direttore Sandro Ricci -: ci rivolgiamo in modo particolare ai giovani, ma non solo a loro”. Oltre alle collaborazioni con istituzioni culturali e universitarie, cinque aziende di rilievo nazionale faranno selezione del personale per più di 20 profili. Presenti iniziative dei ministeri del Welfare e dell’Istruzione, fondazioni di aiuto al lavoro, servizi di orientamento delle università, agenzie di lavoro interinale. Costo preventivato del Meeting 2016: 5 milioni 700mila euro. Sono 3 i main partners (Enel, Intesa Sanpaolo, Wind), 8 gli official partners. Un’intera area del Meeting (4.500 mq compreso il “Family’s Fast Food”) è dedicata ai bambini: ogni giorno, nel padiglione C3, giochi, canti e balli, animazione, laboratori, incontri e spettacoli. Per la prima volta sarà possibile seguire tutti gli incontri in diretta streaming sul canale Youtube. #meeting2016 sarà l’hashtag ufficiale XXXVII edizione, che farà da punto di riferimento per tutti gli aggiornamenti, curiosità, notizie, anticipazioni, contenuti multimediali, interviste in tempo reale, da seguire su Facebook, Twitter, Instangram, Youtube, Flickr e Linkedln.

Be Sociable, Share!
0

Studio sui giovani credenti / La fede giovane si scopre liquida

Le fila dei giovani credenti si stanno assottigliando. Veramente convinti e attivi sono ormai poco più del 10 per cento, rispetto al 15 di vent’anni fa. Ma le opposte tifoserie farebbero bene a contare fino a dieci prima di stracciarsi le vesti le une ed esultare le altre. Il libro di Franco Garelli, infatti, va letto nel titolo ma anche nel sottotitolo: Piccoli atei crescono. Davvero una generazione senza Dio? (Il Mulino, 231 pagine, 16 euro), e sembra costruito apposta per dar di che meditare agli uni e agli altri, come sempre – e purtroppo è sempre più raro – quando ci troviamo di fronte a onesta sociologia e non ad agguerriti pamphlet.

La ricerca guidata da Garelli, con la collaborazione di Simone Martino, Stefania Palmisano, Roberta Ricucci e Roberto Scalon, ha tutti i crismi dell’attendibilità. Si basa su due ricerche realizzate nel 2015, una quantitativa svolta dall’Eurisko, che ha avvicinato un campione nazionale di 1450 giovani tra i 18 e i 29 anni, e una qualitativa con 144 interviste approfondite dirette a studenti universitari di Roma e Torino. E fotografa una realtà di fronte alla quale alcuni, comunque troppi nella Chiesa stessa preferiscono forse voltare lo sguardo. Non soltanto la schiera dei non credenti aumenta (oggi comprende il 28 per cento dei giovani), ma non ha più remore nel dichiararsi tale, come se in Italia stesse venendo meno l’esigenza di una cittadinanza religiosa.

La “non credenza”, però, è categoria “ombrello” porosa, dove si annidano molte definizioni e sensibilità. A grandi linee ci sono almeno due generi di atei, i “forti” e i “deboli”. I primi manifestano una duplice convinzione: è impossibile conoscere ciò che supera l’esperienza umana; e non c’è bisogno di Dio per condurre una vita sensata. Costoro costituiscono lo zoccolo duro della non credenza. Gravitano dalle loro parti gli atei “deboli”, coloro che «negano Dio più per le pressioni del proprio ambiente di vita che per specifiche convinzioni personali, uniformandosi al sentire diffuso tra i coetanei che frequentano, quasi fosse una moda culturale che si fa propria per emanciparsi da un legame religioso che i più considerano antimoderno». Gruppo difficile da afferrare in ogni sua sfumatura, questo. Ci sono gli apatici e disinteressati, che anche quanti si tengono ai margini della religione senza spezzare del tutto il legame, non ostili alla fede ma attenti a non farsi coinvolgere.

E all’interno dell’appartenenza cattolica? C’è una minoranza convinta e attiva. In questi giorni l’abbiamo vista a Cracovia. Ma c’è anche l’appartenenza debole di chi esprime il proprio cattolicesimo più nelle intenzioni che nel vissuto; o chi aderisce alla religione cattolica per motivi identitari, in cerca di sicurezza in un mondo plurale che disorienta. Sono perlopiù i giovani dalla pratica religiosa discontinua, da un rapporto con la fede “fai da te”.

Nulla, nulla davvero appare scontato ed è difficile affermare che ciò sia negativo. La ricerca continua di senso abita anche e soprattutto il mondo dei convinti e attivi. Erano tali anche alcuni (molti?) di quanti oggi si dichiarano decisamente atei, o “non credenti”, e hanno abbandonato la Chiesa dopo avervi condotto un percorso formativo, più o meno intenso, e sono stati introdotti alla fede in famiglia. Il fatto è che profili e percorsi si mescolano. I giovani di diverso orientamento non vivono separati, ma fanno parte degli stessi gruppi, si confrontano, accettando e rispettando la «biodiversità religiosa». Ci sono atei incalliti e credenti granitici che si evitano; ma molti di più sono «i giovani (credenti e non) attenti gli uni alle buone ragioni degli altri, delineando una possibile convivenza pur nella diversità degli orizzonti».

E allora, va peggio o addirittura meglio rispetto ai tempi in cui la società italiana poteva essere definita “cattolica”, e la frequenza ai sacramenti riguardava la mag- gioranza della popolazione anche giovanile? Domanda mal posta perché il confronto è impossibile. Non si possono paragonare due società tanto diverse. Ieri era praticamente impossibile non credere in Dio o dichiararsi anche soltanto dubbiosi; oggi non più. Ogni giovane credente lo è non per routine o prassi sociale, ma per convinzione.

E la Chiesa, e papa Francesco? Le critiche più frequenti all’istituzione sono l’inadeguatezza, il fatto di essere antiquata in campo etico, gli scandali rilanciati generosamente dai mass media. Nessun giovane denuncia un’educazione repressiva (la mala educación), una religione punitiva e colpevolizzante, preti e suore da evitare in quanto tali. E non è raro vedere “non credenti” a fianco di volontari della Caritas, o in una Ong d’ispirazione cattolica, perché solo lì possono sentirsi utili per una giusta causa. C’è comunque apprezzamento (anche da parte molti non credenti) per la Chiesa locale, che tiene aperti gli oratori ed è presente nei luoghi di frontiera.

E Francesco? Almeno un giovane su due riconosce di essere stato spinto da lui «a riavvicinarsi alla fede o ad aumentare il proprio impegno religioso». Ma «non tutto fila liscio». Un Papa che parla chiaro finisce anche per dividere, ad esempio sulla questione migratoria, e c’è chi gli rimprovera di dedicarsi troppo ai temi sociali e poco al senso del sacro e alle ragioni dello spirito. Una società plurale è inevitabile sia abitata da una Chiesa plurale. Quanto poi la cattolicità riesca a dialogare con la biodiversità, senza scontrarsi con lei né perdendo se stessa, questo è un altro tema tutto da esplorare.

avvenire

Be Sociable, Share!
Tags:
0

Dopo GMG / Che i giovani adesso possano trovare contesti fecondi (oratori, parrocchie, associazioni, gruppi, scuole…) in cui condividere e testimoniare i doni ricevuti, in cui mettere in gioco la propria vita e prendere il largo

«In questo modo ognuno di voi, con i suoi limiti e le sue fragilità, potrà essere testimone di Cristo là dove vive, in famiglia, in parrocchia, nelle associazioni e nei gruppi, negli ambienti di studio, di lavoro, di servizio, di svago, dovunque la Provvidenza vi guiderà nel vostro cammino».

La Giornata Mondiale della Gioventù è tutta in queste parole di Papa Francesco. Ogni GMG, insomma, comincia quando finisce! Ciascuno dei partecipanti porta in cuore certamente emozioni e vissuti personali e straordinari, ma il mandato è chiaro e coinvolgente. Non è una chiamata per supereroi o per forze speciali, bensì è per tutti a partire dai propri “limiti” e dalle “fragilità”. Non è un invito a lasciare tutto o scegliere vocazioni ascetiche, ma a stare coi piedi per terra e lo sguardo in cielo laddove ciascuno già vive o si troverà a vivere. Non è un percorso da decifrare o da tracciare ex novo, al contrario c’è da affidarsi alla Provvidenza che sarà un faro per il cammino. È un impegno per tutti e per ognuno, di gruppo e personale.

Riuscirà il mese di agosto a cancellare entusiasmo, idee, sogni, progetti? Riusciranno la ripresa di settembre, le programmazioni, le riunioni, i convegni, l’inizio delle attività a chiudere la GMG in una bella teca dei ricordi felici da lasciare impolverare? La preparazione alla GMG richiede mesi, molti incontri, investimenti di energie e risorse; la partecipazione è impegnativa ed intensa; ma il “dopo” come è stato e come sarà questa volta? Papa Francesco ha detto delle parole bellissime in tutte le occasioni in cui è intervenuto in Polonia; ha detto e ha fatto com’è nel suo stile evangelico. Quanti, anche tra i partecipanti più “devoti”, hanno davvero sentito e ascoltato per intero o in parte i suoi messaggi, i discorsi, i saluti, le omelie? Quanti li stanno rileggendo per intero in questi giorni dai siti web superando i semplici titoli delle home page; quanti lo faranno o saranno invitati a farlo?

Lo sguardo, la tensione, la prospettiva non può essere la prossima GMG a Panama; prima del 2019 ci sono mamma, papà, fratelli, sorelle, parenti vari, compagni di classe, fidanzati e fidanzate, moglie e mariti, colleghi universitari e di lavoro, amici reali e virtuali, vicini di casa, parrocchiani, membri dello stesso gruppo formativo o associazionistico, oratoriani, malati, anziani, bambini, poveri, migranti, preti e suore, consacrati e laici, gente della strada! La strada verso la prossima GMG, a Panama nel 2019, la si prepara davvero solamente abbracciando giorno per giorno tutta quell’umanità che ci viene e verrà affidata, e per la quale essere testimoni credibili e non solo credenti. La responsabilità di questa missione è personale e di gruppo allo stesso tempo, appartiene ai giovani stessi, nondimeno agli adulti responsabili che li hanno accompagnati o inviati, anzi per quest’ultimi è maggiore!

Che i giovani possano trovare contesti fecondi (oratori, parrocchie, associazioni, gruppi, scuole, ecc.) in cui condividere e testimoniare i doni ricevuti, in cui mettere in gioco la propria vita e prendere il largo, da cui poi spiccare il volo e puntare in alto verso quel volto di Cristo che è nel prossimo.

Be Sociable, Share!
0

Il video. La Gmg 2019 a Panama

La prossima Giornata mondiale della gioventù, nel 2019, si terrà a Panama. Lo ha annunciato Papa Francesca al termine dell’appuntameno a Cracovia. Il piccolo Paese centroamericano ha un alto valore simbolico: collegamento tra l’Oceano Atlantico e il Pacifico, grazie al canale, e collegamento tra il Nord e il Sud America, grazie al ponte che supera il canale.

Ecco il video della Conferenza episcopale panamense:

JMJ Panama 2019 – Te esperamos

Be Sociable, Share!
0

Gmg. I messaggi di Francesco: costruite ponti e seminate speranza

Costruire ponti e non erigere muri. E’ l’invito che più volte Papa Francesco ha rivolto ai giovani di ogni parte del mondo, riuniti a Cracovia per la 31.ma Giornata Mondiale della Gioventù, conclusasi domenica scorsa. Il Papa esorta i ragazzi ad avere coraggio per diventare protagonisti della storia e cambiare il mondo. Così si fa carne quella Misericordia che – con i suoi due grandi “annunciatori” polacchi, San Giovanni Paolo II e Santa Faustina – è stata, in modo speciale, al centro di questa Gmg. Ripercorriamo i messaggi centrali che Francesco ha rivolto ai giovani nel servizio di Debora Donnini da Radio Vaticana

“Abbiate il coraggio di insegnarci che è più facile costruire ponti che innalzare muri!” (Veglia alla Gmg di Cracovia, 30 luglio 2016).

Tra gli applausi e l’entusiasmo, Papa Francesco ha esortato circa 1 milione e  600 mila ragazzi presenti alla Veglia al Campus Misericordiae di Cracovia, a stringersi la mano. Francesco offre, dunque, ai grandi del mondo lo spettacolo visivo di un “grande ponte fraterno”, creato dai giovani dei cinque continenti. Giovani ai quali chiede di non “vegetare”, di non confondere la felicità con un divano, rischiando di addormentarsi mentalmente davanti al computer per ore, magari giocando ai videogiochi. A loro il Papa chiede, fra gli applausi scroscianti, di difendere la loro libertà perché, invece, c’è tanta gente che li vuole imbambolati. Francesco ricorda, dunque, che costruire ponti significa rinunciare a “vincere l’odio con l’odio” perché la “nostra risposta alla guerra” si chiami fraternità.

La Messa di domenica: non accettare l’odio fra i popoli
Anche nell’altro momento clou della Gmg, la Messa di domenica, Francesco chiede ai giovani di cambiare il mondo. Dio “fa sempre il tifo per noi” e non conta per Lui il vestito o il cellulare. Il Papa affronta, infatti, i problemi quotidiani che i giovani di oggi vivono, invitandoli a dire “no” alla tristezza, “al doping del successo ad ogni costo”, “alla droga del pensare solo a sé”, al “maquillage dell’anima”:

“Potranno giudicarvi dei sognatori perché credete in una nuova umanità che non accetta l’odio tra i popoli, non vede i confini dei paesi come delle barriere e costruisce le proprie tradizioni senza egoismi e risentimenti. Non scoraggiatevi: col vostro sorriso e con le vostre braccia aperte voi predicate speranza e siete una benedizione per l’unica famiglia umana, che qui così bene rappresentate!”. (Messa conclusiva della Gmg, domenica 31 luglio).

I Santuari e la Cerimonia di accoglienza: un cuore capace di sognare ha spazio per la Misericordia
Andando a ritroso, già nelle visite di Sabato, al Santuario della Divina Misericordia e a quello di San Giovanni Paolo II, il Papa aveva chiaramente detto che il Vangelo ha ancora delle pagine bianche che siamo chiamati a scrivere, compiendo opere di misericordia. Ma fin dal video collegamento di Francesco con i giovani italiani presenti alla Gmg, mercoledì scorso, e poi soprattutto giovedì, alla cerimonia di accoglienza della 31.ma Gmg, il Papa li aveva esortati a lanciarsi “nell’avventura di costruire ponti e abbattere muri”, facendo ancora una volta capire cosa sia concretamente la Misericordia:

“E quando il cuore è aperto e capace di sognare c’è posto per la misericordia, c’è posto per carezzare quelli che soffrono, c’è posto per mettersi accanto a quelli che non hanno pace nel cuore o mancano del necessario per vivere, o mancano della cosa più bella: la fede. Misericordia. Diciamo insieme questa parola: misericordia. Tutti! [Misericordia!] Un’altra volta! [Misericordia!] Un’altra volta, perché il mondo senta! [Misericordia!]”.  (Cermonia di Accoglienza della 31.ma Gmg, giovedì 28 luglio 2016).

Il Venerdì con Auschwitz, l’ospedale pediatrico e la Via Crucis: essere seminatori di speranza
Francesco con il suo sorriso e la forza delle sue espressioni non chiede qualcosa da poco ai giovani: gli chiede di cambiare al mondo e di non andare in pensione dalla vita sui 23 anni. Apprezzando la vitalità e l’energia dei giovani, ricorda loro che la Chiesa e il mondo li guardano. Fin dalla conferenza stampa in aereo nel viaggio di andata, tema poi ripreso anche in quella ritorno, in merito al brutale assassinio del sacerdote francese e ad altre tristi cronache di violenza, il Papa aveva sottolineato che non si tratta di una guerra di religione ma di una guerra, punto. E che non è giusto identificare l’Islam con la violenza. Assieme ai dolorosi eventi di attualità, la visita ad Auschwitz, dove il silenzio del Papa ha parlato più di mille parole, e quella all’ospedale pediatrico, tornano indirettamente nella riflessione alla Via Crucis, il venerdì. Francesco ha, infatti, espresso il dolore e la domanda di ogni uomo di fronte alla Croce: “Dov’è Dio, quando persone innocenti muoiono a causa della violenza, del terrorismo, delle guerre?”. La risposta è che Gesù stesso, il Figlio di Dio, ha scelto di identificarsi nei sofferenti. La credibilità dei cristiani si gioca nell’accoglienza, non nelle idee. E ai giovani viene chiesto di essere “protagonisti nel servizio”, ricordando il valore della Via della Croce:

“È la Via della speranza e del futuro. Chi la percorre con generosità e con fede, dona speranza al futuro e all’umanità. Chi la percorre con generosità e con fede semina speranza. E io vorrei che voi foste seminatori di speranza”. (Via Crucis della Gmg, venerdì 29 luglio 2016).

Be Sociable, Share!
0

Papa Francesco ai giovani: lanciatevi nell’avventura della misericordia

Abbiate un cuore misericordioso, lanciatevi nell’avventura della Misericordia, la Chiesa vuole imparare da voi. Sono alcuni dei passaggi chiave del discorso che Papa Francesco ha rivolto ai giovani di tutto il mondo, riuniti al parco Blonia di Cracovia, per la cerimonia di accoglienza della 31.ma Gmg, sul tema “Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia”. Nonostante il cattivo tempo, l’evento è stato contraddistinto dalla gioia e dall’entusiasmo dei giovani, oltre 500 mila. Il Pontefice ha messo in guardia i giovani dai venditori di false illusioni e li ha esortati a far entrare Gesù nel loro cuore per alzare lo sguardo e sognare alto. L’intervento del Papa è stato preceduto dal saluto del cardinale Stanilsaw Dziwisz e dall’animazione dei giovani. Il servizio dell’inviato a Cracovia,Alessandro Gisotti.

“Finalmente ci incontriamo!”. Papa Francesco ha esordito, così, nella cerimonia d’accoglienza al Parco Blonia di Cracovia: tre semplici parole per sintetizzare i sentimenti di attesa per una Gmg dal sapore “speciale”, perché avviene nel Giubileo della Misericordia e perché si svolge nella terra di San Giovanni Paolo II che, come ha ricordato Francesco, le Gmg le ha prima sognate e poi ha dato loro vita. Prima dell’evento, il Papa ha ricevuto le chiavi della città dal sindaco quindi è arrivato al grande parco a bordo di un tram ecologico, assieme a 15 giovani disabili, accompagnato lungo la strada da applausi e cori festosi.

L’animazione dei giovani che ha preceduto il discorso del Papa, con canti e danze dei diversi Paesi di provenienza dei ragazzi, è stata incentrata sulla santità, su alcuni grandi testimoni della misericordia dei cinque continenti, da Madre Teresa di Calcutta a San Vincenzo de’ Paoli. Donne e uomini che hanno seguito Gesù e così sono diventati strumenti della Misericordia di Dio.

Un cuore misericordioso si apre a chi soffre, a poveri e migranti
Proprio sul tema della Gmg, “Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia” si è incentrato il discorso che Francesco ha rivolto ai giovani. La misericordia, ha detto, “ha il volto sempre giovane”, perché un cuore misericordioso “ha il coraggio di lasciare le comodità” e “abbracciare tutti”.

“Un cuore misericordioso sa essere un rifugio per chi non ha mai avuto una casa o l’ha perduta, sa creare un ambiente di casa e di famiglia per chi ha dovuto emigrare, è capace di tenerezza e di compassione. Un cuore misericordioso sa condividere il pane con chi ha fame, un cuore misericordioso si apre per ricevere il profugo e il migrante. Dire misericordia insieme a voi, è dire opportunità, è dire domani, impegno, fiducia, apertura, ospitalità, compassione, sogni”.

La Chiesa vuole imparare dai giovani, dal loro entusiasmo
Francesco ha quindi confidato che, negli anni vissuti da vescovo, ha imparato che non c’è nulla di più bello che “contemplare i desideri, l’impegno, la passione e l’energia” dei giovani. Ed ha osservato che “quando Gesù tocca il cuore” dei ragazzi, “questi sono capaci di azioni veramente grandiose”:

“E’ un dono del cielo poter vedere molti di voi che, con i vostri interrogativi, cercate di fare in modo che le cose siano diverse. E’ bello e mi conforta il cuore, vedervi così esuberanti. La Chiesa oggi vi guarda – direi di più – il mondo oggi vi guarda e vuole imparare da voi, per rinnovare la sua fiducia nella Misericordia del Padre che ha il volto sempre giovane e non smette di invitarci a far parte del suo Regno, che è un Regno di gioia, è un Regno sempre di felicità, è un Regno che sempre ci porta avanti, è un Regno capace di darci la forza di cambiare le cose”.

I giovani, ha ripreso il Papa, dialogando con loro hanno la forza di “opporsi” a quelli che non vogliono cambiare, i “quietisti”. Francesco ha quindi messo in guardia dal diventare “giovani che sembrano pensionati prima del tempo”. Mi preoccupa, ha detto, “vedere giovani che hanno gettato la spugna prima di iniziare la partita”:

I giovani non corrano dietro ai venditori di false illusioni
Al tempo stesso, ha rilevato, ci sono “giovani che lasciano la vita alla ricerca della vertigine” e “poi finiscono” per “pagare caro”:

“Fa pensare quando vedi giovani che perdono gli anni belli della loro vita e le loro energie correndo dietro a venditori di false illusioni e ce ne sono! Venditori di false illusioni (nella mia terra natale diremmo ‘venditori di fumo’) che vi rubano il meglio di voi stessi … e questo mi addolora”.

Per questo, ha detto, “ci siamo riuniti per aiutarci a vicenda, perché non vogliamo lasciarci rubare il meglio di noi stessi, non vogliamo permettere che ci rubino le energie, la gioia, i sogni con false illusioni”. L’unica risposta alle domande esistenziali, ha detto il Papa, “non è una cosa, non è un oggetto, è una persona ed è viva, si chiama Gesù Cristo”:

“Vi domando: Gesù Cristo si può comprare? [No!] Gesù Cristo si vende nei negozi? Gesù Cristo è un dono, è un regalo del Padre, il dono del nostro Padre. Chi è Gesù Cristo? Tutti! Gesù Cristo è un dono! Tutti! [Gesù Cristo è un dono!] E’ il regalo del Padre”.

E’ Lui, ha detto Francesco, che “ci porta a non accontentarci di poco e a dare il meglio di noi stessi”, “ci spinge ad alzare lo sguardo e sognare alto”. La mano di Gesù, ha soggiunto, “sempre è tesa per alzarci, quando noi cadiamo”.

Lanciatevi nell’avventura della misericordia, costruite ponti non muri
Quindi ha tracciato una parallelo tra la visita di Gesù nella casa di Marta e Maria di Betania e la vita dei giovani:

“In questi giorni della Gmg, Gesù vuole entrare nella nostra casa; vedrà le nostre preoccupazioni, il nostro andare di corsa, come ha fatto con Marta… e aspetterà che lo ascoltiamo come Maria: che, in mezzo tutte le faccende, abbiamo il coraggio di affidarci a Lui. Che siano giorni per Gesù, dedicati ad ascoltarci, a riceverlo in quelli con cui condivido la casa, la strada, il gruppo o la scuola”.

Il Papa ha infine incoraggiato i giovani a “lanciarsi nell’avventura della misericordia”, “nell’avventura di costruire ponti e abbattere muri”, “nell’avventura di soccorrere il povero, chi si sente solo e abbandonato, chi non trova più un senso per la sua vita”:

“Eccoci, Signore! Mandaci a condividere il tuo Amore Misericordioso. Vogliamo accoglierti in questa Giornata Mondiale della Gioventù, vogliamo affermare che la vita è piena quando la si vive a partire dalla misericordia, che questa è la parte migliore, è la parte più dolce, è la parte che mai ci sarà tolta”.

da Radio Vaticana

Be Sociable, Share!