Crea sito

Contro il cyberbullismo, arriva Creep Monitora Rete e social network, ed educa anche il ‘branco digitale’

Ecco Creep, assistente virtuale contro il cyberbullismo

Eucare al digitale vuol dire anche insegnare ad evitare le trappole di strumenti alla portata di tutti, come smartphone, tablet e computer.

Il bullismo, infatti, sempre più spesso passa dalla Rete e dai social network, e il branco si fa digitale: commenti crudeli, condivisioni di video privati, l’uso di hashtag violenti e che terrorizzano, spingono le giovani vittime in un angolo. E’ per contrastare questa realtà che all’inizio dell’anno è nato il progetto europeo Creep che, con tecnologie e soluzioni avanzate di intelligenza artificiale, individua sul nascere e previene gli effetti del cyberbullismo tramite il monitoraggio dei social media con assistenti virtuali attivi h24: i chatbot.

A distanza di alcuni mesi dal lancio, ecco i primi risultati. “Le vittime di cyberbullismo– racconta Serena Bressan, project manager della Fondazione Kessler, che ha coordinato il progetto – sono prese di mira non soltanto sui social network più noti, ma anche su piattaforme meno note, come ThisCrush. Con Creep, riusciamo non solo a ‘proteggere’ i ragazzi bullizzati, ma anche a persuadere gli autori a desistere: capiscono che la Rete non è terra di nessuno”.

Avviato in Trentino, il progetto – promosso e finanziato da Eit Digital – si propone di allargare nei prossimi anni il raggio di azione in Italia ed Europa. Creep si avvale in particolare di un software di analisi semantica, che aiuta ad analizzare i social network grazie all’intelligenza artificiale, monitora le interazioni potenzialmente più critiche e individua la caratteristiche dei profili ritenuti più a rischio. Un chatbot, un assitente virtuale, pone domande alla potenziale vittima di cyberbullismo fornendo un primo supporto e individua il ‘bullo della Rete’, cercando di persuaderlo a desistere, spiegandogli perché sbaglia.

ansa