Stop a nitrati e nitriti, a Cheese spopolano salumi naturali

(ANSA) – BRA (CUNEO), 22 SET – Fare salumi senza nitrati e nitriti o altri accorgimenti chimici si può, e anche in questo comparto la richiesta di prodotti naturali sta crescendo. A Cheese, la 4 giorni della rassegna Slow Food dedicata (soprattutto) ai prodotti lattiero-caseari, i salumi ‘al naturale’ spopolano, minacciano di rubare la scena ai formaggi. La quindicina di produttori presenti, quasi tutti italiani, ma ci sono anche un basco e un polacco, sono stati accuratamente selezionati. Tutti hanno messo al bando nitrati e nitriti, o hanno scartato a priori l’idea di utilizzarli, privilegiando la “biodiversità microbica” della natura. 

I salumi fatti con le carni del Suino nero dei Nebrodi, Presidio Slow Food, sono rappresentati a Cheese dall’azienda La Paisanella di Mirto (Messina), che alleva 700 capi allo stato brado in un centinaio di ettari di boschi; c’è il caso di un presidio che si era autosospeso per sposare la linea senza nitrati e nitriti: il Capocollo di Martina Franca, 7 produttori coordinati dal presidente Angelo Costantini, a cavallo tra le province di Bari, Brindisi e Taranto, con una produzione di 2.000-2.500 quintali ogni anno, in attesa di una dop che tuteli contro le tante imitazioni. 

Da Amatrice arriva la storia dell’azienda agricola di Fabio Fantusi: prima del terremoto gestiva un maneggio, ora cura un allevamento di suini e ha creato la ‘Mortadellina di Santa Giusta’, dal nome della frazione, una delle curiosità – nulla a che vedere con la mortadella tradizionale”, più apprezzate dal pubblico di Cheese Il ‘Brigante Lucano’ a Vaglio Basilicata (Potenza) ha portato a Cheese i salumi, “arricchiti solo di sale e finocchietto selvatico”, che stagionano per 16-18 mesi in cantine in pietra costruite nel 1640. 

Dai Paesi baschi, in Spagna, a Cheese anche i salumi fatti con il Maial Euskal Txerri_ “abbiamo fatto tesoro della storia di famiglia – spiega Pello Urdapilleta – negli archivi la nostra attività agricola comincia nel 1450; l’abbiamo ripresa 24 anni fa con 8 animali, oggi abbiamo 320-350 maiali che vivono allo stato libero”. Dopo la trasformazione, i salami restano 24 ore sotto sale, poi stagionano 24 mesi nella paprica dolce. (ANSA).

Precedente La prossima prima domenica di Avvento, la Chiesa tedesca inizierà il suo «cammino sinodale» (Synodaler Weg) Successivo Overtourism, italiani lo soffrono ma solo 42% vuole limiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.