Sbarco sulla Luna. Consolmagno (Specola vaticana): “La vera conquista fu lavorare ad un obiettivo comune”

SIR 

(M. Michela Nicolais)”L’atterraggio sulla Luna ci ricorda in modo molto chiaro che il pianeta Terra non è la fine e il limite dell’esistenza umana. Siamo stati sulla Luna e ci andremo ancora”. Fratel Guy Cosolmagno, direttore della Specola Vaticana, commenta così il 50° anniversario dell’allunaggio, che verrà celebrato in tutto il mondo il 20 luglio. “Il miracolo del programma Apollo – spiega – non fu nelle scoperte della scienza necessarie per arrivarci.

Be Sociable, Share!
Precedente Luca Infante torna alla Grissin Bon Successivo Il perdono di Assisi 2019