Crea sito

Santo del Giorno 3 Marzo 2016

Innocenzo  da Berzo
Amato dal «popolo» per la sua saggia umiltà
La timidezza aveva spinto il beato Innocenzo da Berzo, al secolo Giovanni Scalvinoni, ad entrare in convento tra i frati minori cappuccini dopo alcuni anni da sacerdote diocesano a Brescia. Ma da religioso divenne ben presto un padre particolarmente caro al popolo, uno di quei testimoni la cui umiltà attrae i semplici ed edifica i potenti. Era nato in provincia di Brescia, a Niardo, nel 1844; venne ordinato sacerdote nel Seminario di Brescia nel 1867. Divenne poi vicario a Cevo e, due anni più tardi, vicerettore del Seminario bresciano. Poi fu viceparroco a Berzo Inferiore, ma sentì l’esigenza di una vita ritirata: divenne cappuccino nel convento dell’Annunciata di Cogno, dove visse per 14 anni. Fu predicatore in diversi conventi ed ebbe numerose esperienze mistiche. Morì nel 1890 a Bergamo a causa di una malattia.
Altri santi. San Tiziano di Brescia, vescovo (V sec.); santa Teresa Eustochio Verzeri, vergine (1801-1852).
Letture. Ger 7,23-28; Sal 94; Lc 11,14-23. Ambrosiano. Gen 25,5-6.8-11; Sal 118,81-88; Pr 12,17-22; Mt 6,25-34.