Santa nella quotidianità

L’Osservatore Romano

(Nicola Gori) Donna dotata di grandi qualità e arricchita di doni mistici, seppe utilizzare i talenti umani e spirituali mettendoli al servizio dei fratelli, specialmente dei sacerdoti. Fu scrittrice prolifica, riuscendo a produrre una lunga serie di libri e opuscoli, e, al contempo, a raggiungere le vette della contemplazione e della mistica. Ebbe anche una forte propensione all’apostolato e divenne l’ispiratrice delle Opere della Croce, fiorenti soprattutto in Messico. È María Concepción Cabrera Arias, meglio conosciuta con il soprannome di Conchita.

Precedente Vangelo della domenica. Viene Gesù, prende il pane e lo dà loro, così pure il pesce (Gv 21,1-19) Successivo Card. Gracias e maulana Madani: Non dobbiamo proteggere i terroristi