Rendere socialmente visibile il contenuto morale della fede


L’Osservatore Romano 

(Andrea Monda) «Per un cristiano, il bene comune nasce dalla capacità di rendere socialmente visibile il contenuto morale della fede: finché non sapremo rimpatriare questa verità continueremo a permettere l’accentuarsi dell’individualismo e degli interessi di parte, di pochi, di alcuni, oserei dire dei mediocri o peggiori».

Precedente Gli appuntamenti conclusivi della prima giornata nella capitale. L’ecumenismo dei giovani Successivo Il Cardinale Bo: "Praticare riconciliazione e non-violenza per controllare l'estremismo religioso"