Religioni e sviluppo sostenibile, un binomio che può funzionare

Vaticano 

La Stampa 

(Marco Angelillo) Giovani, indigeni e religioni possono contribuire a salvare il pianeta e a promuovere un modello più sostenibile. Lo sostiene padre Joshtrom Kureethadam, responsabile della sezione “Ecologia e Creato” del Vaticano — Giovani, indigeni e religioni possono contribuire a salvare il pianeta e a promuovere uno sviluppo sostenibile. 

Precedente Nuovo murale di TvBoy a Roma: un bimbo sulle spalle del Papa che scrive "Stop Abuse" Successivo 25 marzo Visita del Santo Padre a Loreto - Programma. Le sette ore di Francesco nella cittadina mariana