Reggio Emilia, dopo il furto della cassaforte la pasticceria Incerti crea una torta per invitare i reggiani a reagire

Gazzetta di Reggio Dal laboratorio di San Maurizio era stata smurata la cassaforte senza lasciare tracce. Ma i titolari non si arrendono: «Noi non molliamo, l’abbiamo chiamata Dai c’andom»
Precedente Johnson-Odom: "Voglio tornare alla Grissin Bon" Successivo Legionella nella casa protetta per anziani, denunciata la responsabile