Crea sito

Raffica di scosse in poche ore. La terra trema al Centro-Sud

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.1 è stata registrata alle 3:21 al largo delle coste pugliesi, davanti al Gargano. Il sisma ha avuto ipocentro a 8,4 km di profondità ed epicentro non lontano dal comune foggiano di Vieste. Poco prima la terra aveva tremato anche in provincia di Foggia. Un’altra scossa di terremoto di magnitudo 2.8 è stata registrata alle 4:19 nel nordest della Sicilia, in provincia di Catania. E alle 5:28 si è registrato un sisma anche al confine tra Abruzzo e Lazio, tra le province dell’Aquila e Rieti
Domenica, 12 agosto 2012 – 08:53:00

La terra torna a tremare. Questa volta al Centro-Sud. Una scossa di terremoto di magnitudo 4.1 è stata registrata alle 3:21 al largo delle coste pugliesi, davanti al Gargano. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8,4 km di profondità ed epicentro non lontano dal comune foggiano di Vieste. Non si hanno segnalazioni di eventuali danni a persone o cose. Ieri una scossa di magnitudo 2.4 era stata registrata sempre in provincia di Foggia, con epicentro non lontano da Manfredonia e Zapponeta.

Un’altra scossa di terremoto di magnitudo 2.8 è stata registrata alle 4:19 nel nordest della Sicilia, in provincia di Catania. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 3,8 km di profondità e epicentro in prossimità dei comuni di Calatabiano, Castiglione, Fiumefreddo, Giarre, Linguaglossa, Mascali, Milo, Piedimonte, Riposto e Sant’Alfio. Non si registrano danni a persone o cose.

Una lieve scossa di terremoto di magnitudo 2.1 è stata registrata alle 5:28 anche al confine tra Abruzzo e Lazio, tra le province dell’Aquila e Rieti. Secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 8,9 km di profondità ed epicentro in prossimità dei comuni aquilani di Barete, Cagnano Amiterno, Montereale e Scoppito, e di quello reatino di Borbona. Non si registrano al momento danni a persone o cose.

affaritaliani.libero.it