Quando il vescovo-psicologo si finge senzatetto

Avvenire

L’esperimento sociale di monsignor Quintero Gómez che voleva tastare con mano la compassione del suo gregge, perché preoccupato dalla dilagante indifferenza del mondo nei confronti dei più bisognosi. Si è finto una persona senzatetto, si è lasciato truccare e ha indossato dei vestiti usati, prima di entrare, a sorpresa, nell’auditorium dell’Università di Quindío, ad Armenia in Colombia, dove si stava svolgendo il primo Congresso diocesano sulla pastorale sociale. La cosa particolare è che la diocesi di Armenia è guidata proprio da lui: l’uomo che ha indossato i panni del clochard era il vescovoCarlos Arturo Quintero Gómez. Monsignor Quintero Gómez, 52 anni, psicologo e comunicatore sociale, ha voluto incarnare il messaggio di papa Francesco quando chiede ai sacerdoti di uscire verso le periferie esistenziali “dove c’è sofferenza, solitudine, degrado umano”. 

Precedente 25 anni dell'Enciclica Ut unum sint Successivo #SinodoAmazonico. Chiesa confessi i “peccati ecologici”. Sacerdoti siano santi