Crea sito

Più lavoro con la laurea, ma lo stipendio è basso

Più lavoro con la laurea, ma lo stipendio è basso

Chi ha un titolo di laurea trova lavoro in tempi rapidi, ma le retribuzioni mensili un anno dopo restano basse, 1.107 euro per i laureati di primo livello e 1.153 euro per i laureati magistrali biennali. Lo mette in luce il Rapporto Profilo e condizione occupazionale dei laureati del Consorzio Interuniversitario Almalaurea, presentato a Torino, da Gaetano Manfredi, rettore dell’Università Federico II di Napoli e presidente della conferenza dei rettori, Ivano Dionigi, presidente di Almalaurea e Gianmaria Ajani, rettore
dell’Ateneo torinese.

Chi si laurea in Medicina e in Ingegneria ha più opportunità di trovare un’occupazione, maggiori difficoltà per chi sceglie i gruppi disciplinari psicologico, giuridico e geo-biologico.
Giudizio sul lavoro? Il voto oscilla tra il 7,3 degli avvocati e l’8,3 dei dentisti. «Ci sono più immatricolazioni e più occupazione, ma resta un forte divario tra Nord e Sud del Paese ed è forte il problema delle retribuzioni, tra le più basse dei Paesi Ocse», sottolinea Manfredi.

A un anno dalla laurea ha un lavoro il 71,1% dei laureati di primo livello (+2,9% rispetto al 206) e il 73,9% dei magistrali biennali (+3,1%).
Per il quarto anno consecutivo si registra un calo del tasso di disoccupazione: -9,2% rispetto al 2013 per i laureati di primo livello e -6,5% per i magistrali biennali. Nell’ultimo anno diminuiscono il lavoro autonomo e i contratti a tempo indeterminato, mentre sono in crescita i contratti non standard, in particolare a tempo determinato (+38,1% per i laureati di primo livello e +34,3% per i magistrali biennali).

Il Rapporto ha coinvolto i laureati di 74 Università aderenti al consorzio Almalaurea: sono stati analizzati le performance formative di oltre 276mila laureati nel 2017 (157mila di primo livello, 81mila di secondo e 36mila magistrali a ciclo unico). Nel 2017 quasi la metà dei laureati (46,2%) ha conseguito il titolo nella stessa provincia in cui ha ottenuto il diploma di scuola secondaria di secondo grado. Il 23,9% degli studenti si trasferisce dal Mezzogiorno negli Atenei del Centro e del Nord e a spostarsi sono di più i ragazzi che hanno un background socio-culturale elevato: il 36,1% ha almeno un genitore laureato e il voto medio di diploma è più alto (83/100).

Continua a diminuire l’età media di laurea, pari a 26 anni (26,1 nel 2016): 24,8 per i laureati di primo livello, 27 per i magistrali a ciclo unico. Migliora anche la regolarità degli studi pari al 51,1% a fronte del 37,9% del 2007 e al 48,8% del 2016. L’11,1% dei laureati ha svolto esperienze di studio all’estero (7,9% nel 2007).
Diminuisce la quota di laureati con esperienze di lavoro durante gli studi (dal 74,9% al 65,6%). Quasi la metà dei laureati (48,4%) è disposta a trasferirsi all’estero.

avvenire