Onu, per il clima 120 milioni di nuovi poveri nel 2030


repubblica.it

L’allarme del relatore speciale dell’Onu sull’estrema povertà e i diritti umani: “I cambiamenti minacciano di annullare 50 anni di sviluppo”.  “Il cambiamento climatico minaccia di annullare gli ultimi 50 anni di progressi nello sviluppo, nella salute globale e nella riduzione della povertà”. E’ l’allarme lanciato dal relatore speciale dell’Onu sull’estrema povertà e i diritti umani, Philip Alston. Il quale ha avvertito che il climate change “potrebbe condurre oltre 120 milioni di persone in più in povertà entro il 2030”. “Ancora oggi – ha aggiunto – troppi Paesi stanno facendo passi miopi nella direzione sbagliata”.

Be Sociable, Share!
Precedente ONU Giornata vittime di tortura: Mogherini (Ue), “lotta contro un crimine che può colpire chiunque e in contesti diversi” Successivo L’impegno sociale tra profezia e concretezza

Lascia un commento