Nubifragi, frane, grandine: il maltempo flagella il nord

Due esondazioni del fiume Seveso a Milano avvenute nel giro di poche ore, in seguito alle forti piogge, un uomo di 65 anni trovato morto nel Torinese, nel Comune di Villarfocchiardo, e allarme frana in Valtellina, con 150 persone evacuate, e in A5 con 18 km dell’autostrada chiusi. Ancora al Nord, questa volta in Emilia, un nubifragio con grossi chicchi di grandine ha interessato Modena e in parte Bologna, provocando in qualche caso danni alle auto, il tutto con venti fortissimi che hanno toccato i 111 chilometri orari. E’ il bilancio del maltempo nel nord Italia, dopo le forti piogge e le grandinate delle ultime ore. 

Un violento nubifragio si è abbattuto, intorno alle 9, sulla città di Milano e sull’hinterland metropolitano e, alle porte della città, non distante dal carcere di Bollate, una donna è rimasta intrappolata con la sua auto all’interno di un sottopasso ed è riuscita a salvarsi, scappando prima di finire sommersa dall’acqua. 

A Milano città il fiume Seveso, sorvegliato speciale da ieri pomeriggio, è esondato una prima volta nella zona nord intorno alle 9.55. E’ stata “una piccola esondazione”, come ha sottolineato il Comune di Milano, rientrata alle 10.15, che però ha portato alla chiusura di alcune strade. Una seconda e più forte esondazione del fiume ha colpito la zona nord della città, nel quartiere Niguarda, attorno alle 11.15, e nel frattempo anche i livelli del fiume Lambro hanno iniziato a destare preoccupazione. La seconda esondazione “è stata più forte – ha spiegato l’assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune, Marco Granelli – per le piogge cadute in Brianza e lo scolmatore”, che ha la funzione di diminuire la portata di piena del fiume prelevandone una parte, “sta lavorando ma non basta”. 

Il Seveso è poi rientrato verso le 12 ma questa seconda esondazione ha peggiorato la situazione della viabilità. La Polizia locale ha chiuso alcuni viali e i sottopassi allagati. Sono stati deviati anche i percorsi degli autobus ed è stata sospesa la circolazione dei treni sulla linea 3 della metropolitana tra le fermate Sondrio e Comasina, per un problema alla rete fognaria dovuto al maltempo. 

Nel primo pomeriggio la situazione meteo è migliorata su Milano: “Non piove più sui bacini di Seveso e Lambro – ha aggiornato Granelli -. I livelli del Seveso sono ormai notevolmente bassi, il Lambro sta scendendo ma molto lentamente. Non dovremmo avere altre esondazioni”. 

In Piemonte, è stato trovato morto Lidio Folco, il 65enne disperso da ieri nei boschi a monte della frazione Vignassa, comune di Villarfocchiardo (Torino). Non è ancora chiaro se sia scivolato lungo il fiume, dove nella zona si sono abbattuti forti temporali, o se sia stato colpito da un malore improvviso. Tra Piemonte e Val d’Aosta sono stati chiusi 18 km dell’A5 a causa di un pericolo frana dovuto probabilmente alle forti piogge e una violenta grandinata si è abbattuta anche sul Cuneese. Pericolo frana anche in Valtellina con 150 persone evacuate in Val Lesina e altre 250 con le valigie pronte nel caso la situazione meteorologica peggiorasse, e disagi anche nella provincia di Bergamo.(ANSA).

Be Sociable, Share!
Precedente MILANO-CORTINA A LOSANNA, AL VIA LA GARA PER I GIOCHI 2026 Successivo Futuro del giornalismo: cosa ne pensano i direttori

Lascia un commento