Molti Paesi musulmani ‘tacciono’ sulla persecuzione degli uiguri

Cina
Asia News

La Cina ha richiuso oltre un milione di persone dell’etnia turcofona in campi di concentramento. Paesi occidentali e Turchia hanno denunciato la violazione alla libertà religiosa. L’appello di Dolkun Isa, presidente del World Uyghur Congress. “Molti Paesi musulmani continuano a tacere” sulla persecuzione degli uiguri, anzi essi “sostengono la repressione” verso di loro: “è una vergogna perché noi siamo musulmani e subiamo una persecuzione religiosa”. È quanto ha dichiarato Dolkun Isa (v. foto), presidente del World Uyghur Congress ricevendo il premio National Endowment for Democracy (Sostegno nazionale per la democrazia), fondato dal Congresso Usa per la promozione della democrazia nel mondo. 

Precedente I vescovi di Roma e del Lazio: attenzione ai germi di intolleranza e razzismo Successivo Presentazione dell’epistolario fra Paolo VI e La Pira. Corrispondenza asimmetrica