Messaggio del vescovo Massimo Camisasca: DON GAETANO INCERTI, 100 ANNI, MOSTRA QUANTO E’ BELLA LA VITA DEL PRETE!

“Carissimo don Gaetano,a nome della nostra Chiesa diocesana, e in particolare di tutti i sacerdoti e dei diaconi, ti rivolgo i migliori auguri in questo giorno così speciale e festoso. Oggi raggiungi il traguardo del compimento del centesimo anno di vita. Mi unisco alla gioia tua e dei tuoi famigliari. Soprattutto partecipo della tua preghiera e della tua lode di ringraziamento al Signore, che ha riempito la tua vita di molti doni e ha benedetto il tuo ministero, rendendolo fecondo e luminoso, un vero segno di speranza per molti uomini e molte donne. Ricordo in particolare il tuo ministero come educatore agli Artigianelli e, soprattutto, il tuo ministero di cappellano di Fabbrica alle Reggiane, iniziato nei primi anni Cinquanta. La tua pazienza, la tua carità concreta, la tua fede contagiosa e la tua attenzione alle tante situazioni difficili che hai incontrato nel corso della tua missione sacerdotale, ti hanno ottenuto, nel tempo, grande benevolenza da parte di moltissime famiglie”. Così scrive il vescovo Massimo a don Gaetano Incerti, cappellano delle Reggiane, direttore degli Artigianelli, canonico di San Quirino, che il 12 agosto traguarda il secolo, nella lettura che il vicario generale mons. Alberto Nicelli gli ha consegnato ieri a Correggio.

Mons. Camisasca aggiunge: “Attraverso la tua disponibilità il Signore ha operato tante conversioni e il riavvicinamento ai sacramenti di tante persone. Tu mostri a tutti, e in particolare ai sacerdoti più giovani, quanto è bella la vita del prete! Spendersi per il Signore e per i fratelli più bisognosi è la strada verso la vera gioia”.

Il vescovo Massimo comunica infine al festeggiato la nomina a Canonico Onorario della Cattedrale di Santa Maria Assunta di Reggio Emilia.

L’incontro,a cui ha partecipato anche il sindaco di Correggio Ilenia Malavasi, è stato coronato dal tradizionale taglio della torta.

G.A.Rossi

Precedente Celam: necessario generare spazi di rispetto con i nostri fratelli indigeni Successivo Reggio Emilia. Preghiera ecumenica per oggi pomeriggio davanti al bar di Stefania