Lettera del cardinale arcivescovo di Yangon. Giustizia e libertà per assicurare la vera pace

Myanmar

L’Osservatore Romano
«Per il Myanmar è tempo di combattere violazioni di diritti, conflitti etnici e tensioni religiose e porre fine agli abusi sulla dignità umana. È tempo di cercare la pace e la riconciliazione, amare la libertà e perseguire la verità, di celebrare la diversità e la dignità della differenza, amare la creazione». Sono queste le sfide principali del paese secondo l’arcivescovo di Yangon, cardinale Charles Maung Bo, presidente della Federazione delle conferenze episcopali asiatiche, che giorni fa ha pubblicato una lettera dal titolo Riflessioni dalla periferia. L’amore di Dio per il popolo e le nazioni dell’Asia.
Precedente Edicola Successivo Crisi non solo politica. Un’occasione per ripartire

Lascia un commento