L’episcopato e le sfide in Angola e São Tomé


 
L’Osservatore Romano 

Criminalità giovanile, crescita della disoccupazione ma anche depenalizzazione dell’aborto e proliferazione delle sette: sono alcune tra le principali problematiche affrontate negli ultimi tempi dalla Conferenza episcopale di Angola e São Tomé. I vescovi deplorano la crescita dilagante della disoccupazione e della criminalità tra i giovani, che «si sentono disperati e senza soluzioni immediate» nella regione. La lotta per la moralizzazione della società — affermano — deve quindi essere seguita da «misure chiare e urgenti per promuovere l’occupazione e combattere la povertà».

Precedente In un libro il problema dell’interazione fra sacerdoti e laici nella Chiesa ortodossa russa. La messe è abbondante ma sono pochi gli operai Successivo “Si può restare cristiani anche sotto elezioni”