Lectio divina

Il monaco camaldolese Innocenzo Gargano ha curato l’edizione rinnovata di un suo felice volume introduttivo alla lectio divina ormai esaurito. L’introduzione è nuova, così come alcune aggiunte. La traduzione di riferimento rimane quella della CEI 1971, sulla quale erano stati impostate le riflessioni.

gargano1

L’introduzione spiega la natura, la finalità e alcuni presupposti della lectio divina.

Se si vuole accedere al senso spirituale della Bibbia, senza rinunciare a quello letterale, occorre partire da alcuni presupposti ben precisi: la fede, l’unità dei due Testamenti nel mistero pasquale di Cristo, la comunione con la Chiesa, la conversione continua, il dono dello Spirito Santo invocato nella preghiera concorde.

Il primo gradino da superare è quello del significato letterale, sfruttando le tecniche filologiche, le metodologie monastico-ascetiche, la lettura attenta del testo e la scoperta della sua struttura (lectio). Se ne porta un esempio con la lettura di Mt 8,18-22, che invita a seguire Gesù nella terra promessa.

Il secondo gradino è costituito dall’approfondimento del senso, avendo Maria come esempio e seguendo le varie fasi della meditatio. Il brano scelto come test case è Mt 8,23-27, con la drammatica invocazione dei discepoli: «Signore, salvaci, periamo!».

Nel terzo gradino si avverte la nascita della preghiera. Si analizza la pericope di Mt 8,28-34 sul tema della liberazione dall’impurità, suggerendo piste di individuazione della struttura del testo e possibilità di oratio.

Il quarto gradino vede la fioritura dei sensi nuovi nella contemplatio. La prima pericope meditata è quella di Mt 9,1-8: «Il Figlio dell’uomo ha il potere di rimettere i peccati». La seconda è quella di 9,9-13: «Non sono venuto a chiamare i giusti ma i peccatori». Anche qui vengono indicate piste per l’oratio e la contemplatio.

L’ultimo capitolo, a mo’ di conclusione, illustra il tema dei quattro sensi della Scrittura: letterale, allegorico, morale, anagogico. Ad essi sono collegati i tre livelli da tenere presenti: corpo, psiche, spirito.

Una bibliografia minima (p. 147) conclude il delizioso libretto, piccolo scrigno di grandi tesori. Frutto di decenni di esperienza, di preghiera, di studio dei padri della Chiesa e di contatto con migliaia di persone, questo testo potrà accompagnare con frutto il cammino spirituale di molti lettori.

INNOCENZO GARGANO, Iniziazione alla “Lectio divina”Nuova edizione(Conversazioni bibliche s.n.), EDB, Bologna 2019, pp. 152, € 13,00, ISBN 978-88-10-71919-0.

settimananews

Precedente Eretico? Successivo Sarebbe utilissimo rivedere l'approccio ai giovani, tenendo presente che l' educazione all'affettività è un dato importantissimo del percorso di maturazione umana e spirituale dei pochi giovani che dopo gli anni del catechismo restano nell'ambiente ecclesiale